• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cultura > Musica, Please

Musica, Please

Salve a tutti. Eccomi al primo appuntamento con la nuova rubrica dedicata alla musica. Cercherò di proporvi gruppi interessanti, ma poco conosciuti, della scena italiana, e perchè no anche straniera.

La scelta dei gruppi è del tutto casuale e basata sul mio gusto personale: ascolto un gruppo dal vivo, mi piace, ve ne parlo.

Per questo esordio ho deciso di provare a raccontarvi di una band che mi ha folgorato durante un live e a cui poi sono rimasta affezionata.

I København Store sono un simpatico gruppo di aitanti giovani piacentini, uniti da una infinita e del tutto sana passione per la musica. La cosa che mi ha colpito di più è lo stato di trance in cui entrano durante le loro performance live, carichi di passione e forza che esprimono anche fisicamente, tanto da “devastare” lo stage, creando, ove possibile un rapporto molto stretto con il pubblico, salendo e scendendo dal palco. Ma la potenza espressa durante i live si rispecchia totalmente nel loro primo album “Action, please!” (42 Records), otto brani in cui si alternano i suoni più dolci e rassicuranti all’esplosione più caotica di note e accordi che riempiono dal cuore alla punta dei capelli. Il resto lo lascio raccontare a loro, che ho intervistato un paio di giorni fa.

Prima di inziare l’intervista un loro brano, mp3 free delivered per AgoraVox, da ascoltare... Il mio preferito.





Ecco il resoconto del mio incontro con Giulio e Nicola rispettivamente bassista e chitarrista della band, a cui dopo una serie interminabile di convenevoli e saluti sono riuscita a fare la prima domanda:

R: Un fantasioso resoconto sulla nascita della vostra band e sui suoi componenti?

G: Beh ti diremo tutta la verità...

N: No, io non lo farei.

G: Vai nico comincia tu...

N: Bah guarda... effettivamente non è nulla di che... In pratica abbiamo lavorato per 5 anni in un negozio di Københav, ne avevamo la nausea e quindi abbiamo cercato di esorcizzare la cosa chiamando cosi la nostra band. E’ stato un periodo lungo ed intenso, dove io e Giulio abbiamo imparato a conoscerci..

G: Esatto! Pensa che riuscivamo a parlarci stando zitti. Siamo arrivati a conoscerci così bene che comunicavamo con degli impulsi cerebrali...

N: ...o molto più semplicemente potrebbe essere che in un viaggio di tanti anni fa...4 stupidi hanno deciso di formare questa band in un contesto, uno "store", un pò particolare che sicuramente ci ha ispirato e a modo suo influenzato. Si, direi che la verità è proprio questa.

R: E gli altri dove li avete pescati?

N: Gli altri li abbiamo pescati pian pianino. Alcuni, come Marco (percussioni), erano amici da anni. Da sempre...e non era proprio il caso di lasciarlo giu dal palco.

G: Marco è come Bez degli Happy Mondays

N: O Mauro Repetto degl 883 decidi tu...

G: E’ importante per alcuni equilibri. All’interno della band è fondamentale..

N: Assolutamente!non potrei mai suonare senza di lui.

N: Camillo (batteria) lo abbiamo conosciuto per motivi prettamente artistici e da subito abbiamo capito che era lui la persona giusta. In sintesi è stato un processo di crescita continua.. e last but not the least, Simone (voce), l’ultimo che si è unito a noi.

R: Poniamo il caso, mia nonna vi inviti a pranzo e vi chieda: “e voi cosa suonate?”

N: sarebbe abbastanza difficile spiegare a tua nonna cosa facciamo, e cosa faremo, perche è davvero difficile capirlo anche per noi. Fondamentalmente facciamo sempre quello che non pensiamo di fare. Ognuno interpreta un pò la nostra musica a modo suo. Possiamo chiamarlo indie, post-rock ... Giulio ora aggiungerà un altro genere alla velocità della luce..

G: Shoegaze, post punk...

N: L’importante è che si salti fuori dal paragone con i Giardini di Mirò, che se da un lato ovviamente non può che farci piacere, alla lunga sta un pò diventando un tormentone scomodino.

G: Come attitudine c’è molta somiglianza, a livello musicale ci sono le influenze, ma molto limitate... comunque non è la risposta che daremo a tua nonna perchè tanto non la capirebbe....ma cucinerà da paura! Quindi la conversazione si sposterebbe sul cibo... facciamo gastro-rock!

R: Io la riporterei sulla musica! Parliamo del vostro primo album, “Action please!”. Ce l’ho qui davanti. La copertina è deliziosa davvero, un ottimo oggetto ornamentale. Poi basta inserirlo nell’apparecchio giusto e...

N: Io credo ancora MOLTISSIMO nell’oggetto-disco...e ci tenevamo molto che fosse qualcosa di carino da poter comprare. Le copertine ormai, si sa, sono tutte sbagliate ma si sa pure che stiamo andando in ristampa! Questo oltre ad essere motivo d’orgoglio perchè vuol dire che 1000 copie sono andate in poco più di 6 mesi, ci dà la possibilità di poter dire che quelle copie, quelle sbagliate, rimarranno "uniche" e questo ci piace..indipendentemente da questo...non ricordo il nome dell’ artista americana che ci ha fatto dono di questo soggetto..

G: Niki Kelce

N: Però ci ha fulminato e non è escluso che si punterà anche in futuro ancora su di lei anche per superstizione a questo punto..

R: Eheh... ed estetica a parte?

N: Ah parliamo anche del "dentro"? Disco sudato. Ci abbiamo lavorato tanto, in diverse tappe, in diversi momenti. Con l’ aiuto di Giacomo Fiorenza: il produttore dei nostri sogni, nello studio dei nostri sogni, suonando strumenti vintage dei nostri sogni...ma non è stato semplice. In tutti i sensi..

G: Inizialmente non è stato semplice perchè noi e Giacomo ci siamo conosciuti registrando, quindi non si era così in confidenza. Ora non potremmo registrare con nessun altro!

R: Sì, in effetti quando ho conosciuto Giacomo e abbiamo parlato di voi mi ha dato un pò l’idea di considerarsi un padre, un fratello maggiore dei K-store.

N : Tornando al disco dentro c’è un pò il meglio dei nostri anni passati. Arricchito con le "VOCI"... ehh..le voci...

R: Le voci... come quella di Alessandro Raina (Amour Fou, Casador).

N: Esatto! -Raina? -si? -vuoi cantare? -fai sentire?mm..si direi proprio di si..vorrei cantare la "3" e noi -ok!

Non abbiamo ascoltato niente, non abbiamo voluto sentir nulla! Fidandoci assolutamente di chi sapevamo avrebbe fatto un gran lavoro. Si è infilato le cuffie ed ha iniziato. Noi ALLIBITI e... folgorati!

G: Poi diciamocelo è così bello...

N: Raina a parte il ciddi’ racchiude tutto il disordine che ci contraddistingue. Ci piace perchè è davvero incasinato e in certi momenti si "pulisce" ...ma ora è già tempo di farne un altro. "Action, please!", appunto.

R: Ecco... progetti per il futuro?

N: Stiamo già lavorando ad alcuni nuovi pezzi siamo fermamente convinti dell’importanza di non stare mai fermi, di non far passare troppo tempo anche, e soprattutto se, si hanno già nuove cose "mature". Quindi credo che con l’anno nuovo si potrà già trovare qualcosa dei K-store in giro. Forse sarà un Ep, forse uno split, forse un disco addirittura. Ne stiamo parlando con la 42records: la nostra etichetta. In più stiamo pensando all’estero e ovviamente vogliamo continuare a macinare quante più date possibili. Niente di incredibile come vedi. E niente esperimenti di free download che se compri la spilla ti do mezzo cd, ma con il cappellino hai la pass per scaricare dal sito tal dei tali. LIVE-CD: semplice ma eterno,almeno spero...

G: Niente in contrario con chi fa queste cose, ma non è roba per noi

R: Sì anche un Dvd... dato che dal vivo siete davvero "bestiali"

G: Zero Dvd. Siamo brutti.

N: Il live ci piace proprio un sacco ..si..

G: Sì anche se non sempre troviamo la situazione ideale per ricreare quello che è il nostro vero sound. Cerchiamo di dare sempre il massimo.

R: E si vede... il risultato è davvero eccellente.

N: Grazie.

G: Penso sia normale: se senti davvero la musica che fai è impossibile non lasciarsi trasportare fisicamente.

 *** www.myspace.com/kobenhavnstore

Commenti all'articolo

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares