• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cultura > Meno male che Elio c’è...

Meno male che Elio c’è...


Ultimo appuntamento con il Neapolis Festival. La serata offre una variegata scaletta, calcheranno il palco nell’ordine: Baustelle, Bluvertigo e Elio e le storie tese.
E come previsto alle 19 i Baustelle cominciano la loro performance. Stilosi e posati come sempre suonano per lo più brani tratti dall’ultimo album AMEN, da Antropophagus a La vita va, passando per i singoli Charlie fa surf e Colombo, oltre qualche brano tratto da “La Malavita”, del 2005, come la malinconica Corvo Joe e il singolo più famoso La Guerra è Finita. Unico brano del secondo album (La moda del lento) Alain Delon, riarrangiata in toni più soft. Diciamo che Francesco e Rachele non sono al massimo della loro forma vocale. Anche se nel corso dell’esibizione la loro condizione sembra migliorare. A bordo palco, vigile e attento Sergio Carnevale, batterista storico dei Bluvertigo in prestito ai Baustelle fino a qualche settimana fa. La mia attenzione è catturata da dei curiosoni d’eccezione: Faso e Mangoni (Elio e le Storie tese) in “borghese” spuntano dal backstage per spiare la performance e sondare il pubblico. Lo show si conclude con la trascinante Baudelaire in cui tutti si lasciano trasportare dal ritmo. Dopo qualche minuto rieccoli sul palco e si susseguono Romantico a Milano (singolo de “La Malavita”), un attesissimo medley Gomma e La canzone del Riformatorio dal primissimo album della band “Sussidiario illustrato della giovinezza” - tutta un’altra musica!- e il finale Andarsene così dell’ultimo album.
Secondo scaletta dopo un cambio palco di circa mezz’ora i Bluvertigo avrebbero dovuto iniziare il loro show, ma succede qualcosa. Durante la pausa noto che sul palco c’è una sola batteria: l’inconfondibile batteria con tanto di bandiera svizzera di Christian Meyer di Elio e le storie tese. Mi sembra impossibile che possa essere utilizzata dai Bluvertigo e infatti dopo circa 40 minuti di attesa, l’organizzazione ci informa che Morgan è rimasto bloccato in autostrada e la scaletta subirà una modifica: Elio suonerà prima. Ovviamente nessuno del pubblico ha creduto neanche per un secondo alla scusa dell’autostrada e cominciano a spargersi diverse voci tra la folla innervosita.
L’attesa diventa più lunga, la folla si sparpaglia.


Ecco che intorno alle 22 e 30 gli Elii calcano il palco in grande spolvero. Parola d’ordine della serata : ELEGANZA. Lo show è come al solito fantastico. Ogni concerto di Elio è come se il tuo chirurgo plastico avesse sbagliato le iniezioni di botox e la tua espressione è fissa in un sorriso a trentadue denti. La precedenza è data ai brani dell’ultimo album Studentessi. Si comincia con Plafone, (si proprio quello della doccia), poi con l’ultimo singolo Ignudi fra i nudisti, Buco nero supermassiccio e così via. Il pubblico tra le risate canta tutte le canzoni. L’apoteosi con Mio Cuggino, Tvumdb, El pube e poi un fantastico e trascinante medley con Pippero, La Chanson, Disco music e infine Born to be Abramo. Il tutto condito con fantastiche coreografie dell’ottimo e instancabile Mangoni da peperone a Lap dancer. Tra i vari siparietti di Elio abbiamo assistito a un ritorno di Sergio Conforti (vero nome del tastierista Rocco Tanica) che si è “esibito” al Sax.
Devo dire che l’attuale formazione live di Elio è davvero completa: si aggiungono due fiati, tromba e sax, e la splendida voce di Paola Folli che riesce stupendamente a sostituire le voci delle varie collaborazioni di cui si è avvalso Elio nella sua carriera ( una su tutte Giorgia). Lo spettacolo si conclude con Uomini col borsello (Ragazza che limoni sola). Il rientro della band è chiamato a gran voce al grido : “Forza Panino”. Ed infatti gli Eelst rientrano per regalarci l’evergreen Tapparella. Fantastico.
Gli spettacoli di Elio mi lasciano sempre soddisfatta e contenta e mi chiedo: cosa c’entrano i Bluvertigo dopo tutto questo?
In ogni caso paziento ancora un po’ e quando ero ancora lontana dal palco vedo dei puntini bianchi e sento la folla urlare. Morgan, Andy, Sergio e Livio sono schierati ai posti di combattimento. Lo scherzetto del ritardo è costato a noi spettatori non solo un interminabile attesa ( tra i Baustelle e gli Elii sono passate quasi due ore) ma probabilmente ha tolto tempo anche alle performance live. Infatti i Bluvertigo nell’eseguire i loro brani non si lasciano andare a divagazioni strumentali, ma eseguono tutto frettolosamente. Morgan c’è da ammetterlo dal canto suo fa il possibile, da showman quale è può permettersi il lusso di correre da una parte all’altra del palco, ballare e ancheggiare nei suoi skinny ( ma very very skinny) pants bianchi. Le prime note sono quelle di Sono=Sono brano dell’album Zero del 1999. Si prosegue con Assenzio, Complicità per poi arrivare alla celebre La Crisi che tutto il pubblico (o meglio i superstiti, perchè la gran parte del pubblico fugge dopo Elio e le storie tese) conosce a memoria. I brani sciorinati sono pochi seguono Zero, Cieli Neri, Io odio e in fine la scoppiettante Altre f.d.v. Si vede però che qualcosa non va. Tra i componenti della band non c’è complicità. Andy sembra rifiutare l’invito di Morgan a esibirsi nella sua solito robot dance. Ed il povero frontman è costretto a fare da solo. Devo ammettere che si è dato davvero da fare per cercare di camuffare la “musciaria” (per dirla in termini partenopei) della performance. Certo forse le mie aspettative erano un po’ alte. Dopotutto non è più la band di dieci anni fa. La prova delle divisioni del gruppo ci è data dal batterista Sergio, che a fine concerto lancia le bacchette e fugge via. E’ inutile il tentativo di Morgan e della folla di richiamarlo sul palco. Niente rientro per la band che all’ una e dieci conclude il Neapolis Festival. Conclusione un po’ deludente per una kermesse che ha saputo offrire tanto.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares