Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS

 Home page > Attualità > Politica > Matteo Renzi: “Dell’articolo 18 non me ne pò frega’ de meno”

Matteo Renzi: “Dell’articolo 18 non me ne pò frega’ de meno”

Si è espresso così Matteo Renzi, il rottamatore sindaco di Firenze, ai microfoni di Radio 24: “Per usare un tecnicismo, a me dell’articolo 18 non me ne pò frega' de meno”. Facciamo chiarezza: l’audio (qui sotto) non è una gran notizia, ma rimane importante. Perché, come scriveva Giovanna Zucconi in quello che poi è diventato il manifesto di Valigiablu: “Siamo le parole che usiamo”, e questo vale a maggior ragione per i politici.

La frase di Renzi non è scelta a caso, ed è uno schiaffo ai lavoratori che lottano per i propri diritti. Da mesi noi, redattori dell’Isola, ci danniamo per fare inchieste che raccontino cosa accade nelle fabbriche italiane.

Nella nostra inchiesta sulla Fiat di Melfi – con l’audio registrato di nascosto ripreso su Raitre da Presa Diretta – risulta chiaro che i tre operai sono stati reintegrati in Fiat solo grazie all’articolo 18.

Penso a Milena, licenziata da Terrecablate perché incinta, che si ritrova con 2000 euro di liquidazione dopo 5 anni di lavoro e dice: “Avessi potuto beneficiare dell’art.18 avrei avuto un anno di stipendio”. O penso a un’altra mamma e lavoratrice, Silvia Quero di Teleperformance, che è appena tornata a lavorare dopo un anno di cassa integrazione e racconta: “Noi di Teleperformance senza articolo 18 saremo a casa da un pezzo”. 

Insomma, l’articolo 18 è una questione delicata, e ancor più lo sono le vite di tanti lavoratori, che si ritrovano con un pugno di mosche in mano. Pochi giorni fa ho criticato su Twitter Ivan Scalfarotto (vicepresidente PD) per questo suo articolo nel Post, in cui scrive:

In questo secolo non c’è più spazio per una contrapposizione tra capitale e lavoro. Possiamo crescere e prosperare solo se coloro che lavorano e coloro che offrono lavoro saranno in grado di diventare un sistema integrato efficiente e nel quale ciascuno può trovare mutue occasioni di sviluppo e di successo.

Sono belle parole, ma se Fiat, che è la più grande azienda italiana, può fare quello che vuole dei suoi operai, da Pomigliano a Melfi, quelle di Scalfarotto rimangono parole fuori dalla realtà.

Bisogna andare nelle fabbriche e nei call center, e vedere cosa succede. O almeno leggere le inchieste. E’ questo quello che oggi molti lavoratori contestano al Pd: una prospettiva che guarda all’europa o ad Obama tralasciando troppe realtà estreme del nostro paese, che con la crisi diventano sempre più diffuse.

Ma di questo, col Pd o con Scalfarotto, se ne può e se ne deve discutere. Con Matteo Renzi, invece, non si può che fare una cosa come dicono dalle mie parti: “a parole sceme, orecchie sorde”.

di Michele Azzu

Questo articolo è stato pubblicato qui


Ti potrebbero interessare anche

L'ombra di Matteo Renzi sul futuro dell'Italia
Renzi abbi coraggio!
"Annunciazione, annunciazione!" Parla lo spot-governo Renzi
Mille giorni di me e di me, testo e musica di Matteo Renzi
5 segreti per cucinare una partita Iva


Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.88) 28 marzo 2012 17:12

    Usando un altro tecnicismo, ha la faccia come il culo

  • Di (---.---.---.111) 29 marzo 2012 09:16

    Vi prego, rottamiamolo!,
    Enzo

  • Di pv21 (---.---.---.205) 29 marzo 2012 12:42

    Tecno-costrutto >

    Per dare la “piena libertà” all’impresa nella gestione della risorsa lavoro serviva rimuovere l’ostacolo dell’art.18 che, con il reintegro, annulla di fatto ogni licenziamento “ingiusto”.
    Soluzione Fornero.

    Si è equiparato a “sanatoria” dell’atto “ingiustificato” (illecito commesso) il semplice “indennizzo” monetario del danno procurato. In concreto è stato posto un limite invalicabile alla “reversibilità” dell’atto di licenziare.
    Si è poi stilata una classifica “valoriale” delle “ragioni” imprenditoriali all’origine del licenziamento.
    In tal modo è stato possibile redigere una sorta di “prontuario” elevato al rango di “norma” giuridica. Da un lato c’è ancora il reintegro del lavoratore (caso discriminatorio), ma, dall’altro, c’è soltanto la quantificazione di un indennizzo (caso economico). Nel mezzo (caso disciplinare) è rimasta al giudice l’alternativa tra reintegro e indennizzo.

    Un “costrutto” davvero “esemplare” per simmetria e gradualità.
    E’ facile però pronosticare che, a fronte di 2,3 licenziamenti “ingiustificati”, formalmente comminati per motivi “economici”, sarà impossibile avvalorare una presunta diversa “matrice”. Con buona pace degli articoli 3 e 4 della Costituzione.
    L’esperienza insegna che di verità e costrutti “artefatti” trabocca anche un qualsiasi Dossier Arroganza

  • Di (---.---.---.131) 4 giugno 2012 23:54

    un altro da non votare mai +, svegliatevi ragazzi, questa gente è da mandare in esilio a vita...vergognosi!

Lasciare un commento


Sostieni AgoraVox

(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere:

  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L'autore dell'aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.



Pubblicità




Pubblicità



Palmares


Pubblicità