• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Economia > Manovra stravolta dal vertice di Arcore

Manovra stravolta dal vertice di Arcore

Un topolino si aggirava ieri ad Arcore a Villa San Martino. Era quello partorito dalla montagna della manovra finanziaria del 15 agosto. Da lacrime e sangue si e’ passati all’acqua di rose.

Tutto si può dire tranne che in questo momento il governo abbia le idee chiare, e sappia quale strada intraprendere. Due settimane fa il Consiglio dei Ministri aveva approvato una manovra definita “lacrime e sangue” che ruotava intorno a tre provvedimenti cardini: "contributo di solidarietà" per i redditi superiori ai 90.000 euro, tagli agli Enti locali con annessa soppressione dei piccoli Comuni ed abolizione di alcune Province.

Dopo 15 giorni di discussioni in cui la manovra era stata giudicata negativamente non solo dalle opposizioni e dalle parti sociali ma anche dalla stampa di centrodestra, la maggioranza in vista del passaggio parlamentare stravolge il decreto apportando pesanti modifiche al testo firmato dal Capo dello Stato.

Il vertice di Arcore avvenuto ieri a casa di Silvio Berlusconi ha infatti sancito essenzialmente 4 cose: abolizione del “contributo di solidarietà", mini-riforma della previdenza (che prevede di sottrarre agli anni per il calcolo pensionistico il periodo di studio universitario e la leva militare), riduzione dei tagli agli Enti locali, mentre l’eliminazione delle province avverrà per via costituzionale, spingendo di fatto il provvedimendo su un binario morto.

Se la logica che doveva sottendere alle modifiche da apportare alla manovra, doveva essere quella di mantenere invariati i saldi del decreto di ferragosto, così non è stato. All'appello secondo le prime analisi, mancherebbero 4 miliardi di euro.

Si è scelto di cancellare e depotenziare gran parte dei provvedimenti che erano stati presentati appena quindici giorni fa. Attualmente sembra infatti improbabile che la manovra anti-crisi possa sortire gli stessi effetti che si erano inizialmente previsti. Cosa diranno i mercati della ritirata del governo che riscrive una finanziaria ritenuta da piu’ parti dolorosa ma necessaria?

Per il rientro di bilancio fissato al 2013 il governo aveva molte strade da percorrere. A metà agosto si era scelto di intervenire principalmente su due fronti: aumento delle imposte e taglio dei trasferimenti per gli Enti locali. Adesso si eliminano le nuove imposte e si posticipa il taglio delle province sine die.

Delle due l'una. O in pochissimo tempo la situazione economica è improvvisamente migliorata rendendo superflui provvedimenti che prima erano stati presentati come indispensabili. Oppure il governo spinto dalla paura di perdere ulteriori consensi ha cambiato le carte in tavola, smentendo la linea del rigore che fino ad adesso professava di voler seguire.

Per la mancanza di riforme strutturali che incidono realmente sulle spese dello Stato e per l’assenza di vere politiche di crescita, nel giro di pochi mesi ci ritroveremo probabilmente nella stessa situazione in cui eravamo ad inizio estate. Mentre i mercati ed il mondo continuano a chiedersi come una montagna abbia potuto partorire un topolino.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di pv21 (---.---.---.92) 30 agosto 2011 19:17

    Epopea >
    Cosa scriveranno i libri di storia sul Cavaliere di Arcore?

    Sarà l’elenco di promesse “sottoscritte”, di imprese “miracolose” e di riforme “epocali” che “cambiarono” il paese facendolo “più forte e più libero”.
    Si racconterà dei “complotti” orditi da finanzieri, magistrati e giornalisti post-comunisti che invano cercarono di fermare il “tedoforo” della competizione democratica.
    Le più autorevoli “fonti” internazionali saranno citate a testimonianza del prestigio e della credibilità dello “statista di rara capacità” che meritò più di un monumento.
    L’inimitabile tycoon, dalla “straordinaria squadra” di governo, che con “gran sacrificio” e la “convinta” fiducia di una maggioranza “responsabile” superò “meglio di altri” una crisi “planetaria”.

    Sarà di certo un’apologia di “amore e generosità” quella del magnate che “elargì” milioni di euro senza mai chiedersi “per chi e per cosa”.
    Del leader di una “realtà mediatica” fattrice di “ottimismo” e modello di “facile” successo.
    Di quel cuore che “grondò sangue” al solo pensiero di chiedere la "solidarietà" dei più ricchi.

    Il tempo non cancella le Voci dentro l’Eclissi di uomini esempio di rigore, coerenza ed impegno civile …

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares