• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > La grillaia e il “terzobottismo”

La grillaia e il “terzobottismo”

Spiace dover imbastire una piccola e modesta polemica nei confronti del Movimento 5 stelle e del cosiddetto Terzo Polo.

Ma c’è un tempo per la protesta e per i distinguo - che trovano una loro plausibilità ed una ragion d’essere – e ce n’è un altro che richiede maggior dose di coraggio, non necessariamente compromissorio, affinché la vis polemica, accompagnata da una seria e credibile analisi e proposta politica, non si riducano a terreno improduttivo e luogo sterile. Una grillaia, per l’appunto.

La scelta, né con la destra né con la sinistra, che accomuna la “grillaia” e il “terzobottismo”, seppur con accenti diversi, non può che apparire, in questo delicato frangente, piuttosto pilatesca.

L’analisi di chi cataloga la situazione attuale in un indistinto egualitarismo al ribasso (questo o quello per me pari sono) non aiuta di certo a superare la criticità del momento.

Esistono motivazioni di natura diversa tra la “grillaia” e il “terzobottismo”.

La “grillaia” vuol forse relegare se stessa nel recinto dei duri e puri, quelli che disprezzano la classe politica attuale, senza alcun distinguo, che vogliono destrutturare il sistema, magari ridurlo a macerie. Per poi ricostruire cosa e con chi? Da soli? Nella prospettiva di poter governare solo dopo il raggiungimento di una maggioranza bulgara? (il che rende loro il rovescio della medaglia dell’attuale decadente telecrazia) O la vocazione è quella di costituire una nutrita minoranza in eterna opposizione a tutto e a tutti?

Il “terzobottismo”, invece, pensa e spera di potersi ritagliare un adeguato spazio in virtù di un moderatismo contrapposto all’estremizzazione dell’odierno bipolarismo.

Nell’uno e nell’altro caso, seppur nella diversità, l’errore è quello di non provare a cogliere un possibile terreno di iniziativa comune col centrosinistra.

Evitare il confronto a priori, in una situazione d’emergenza, non trova – dal mio modesto e ininfluente punto di vista – adeguata giustificazione.

La rinascita dell’Italia, non necessariamente costretta allo sfascio prima di potersi risollevare, avrebbe richiesto una minor dose di oltranzismo o di pregiudizio politico e ideologico.

Magari non si sarebbe raggiunto alcun possibile accordo, ma valeva la pena provare.

Come capita nelle altre normali democrazie che hanno adottato un sistema elettorale a doppio turno.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares