• sabato 19 aprile 2014
  • Agoravox France Agoravox Italia Agoravox TV Naturavox
  • Fai di AgoraVox la tua homepage
  • Contatti
AgoraVox Italia
  Home page > Attualità > Politica > La Legge Levi e l’inadeguatezza del Pd
di Andrea Sironi (sito) venerdì 2 settembre 2011 - 2 commenti oknotizie
0%
Articolo interessante?
 
100%
(5 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

La Legge Levi e l’inadeguatezza del Pd

L’inadeguatezza del Partito Democratico è sempre più lacerante e sconvolgente.

Questione morale, strategie politiche annacquate che imitano quelle della Destra, una opposizione inesistente, che balbetta di fronte a tematiche che necessiterebbero coraggio e fermezza, specialmente da uno dei più grandi partiti italiani.

Eppure, il Pd non perde occasione per dimostrare la propria collusione con una mentalità regressiva, camminando a braccetto con un morto che cammina, che giorno dopo giorno sta divorando un Paese.

Una crisi ideologica imperante che annienta in ogni dove i valori democratici. Una parabola discendente che affonda nel pantano dell’inconcludenza, del “sono tutti uguali”.

Con l’inizio di settembre entrerà in vigore la “Legge Levi”, scritta da Riccardo Levi, deputato del Partito Democratico, al quale si è aggiunto, successivamente, il deputato del Pdl Franco Asciutti. La legge prevede una serie di normative che andranno a colpire l’editoria. Il testo è stato presentato dapprima tre anni fa, nel 2008, per essere stato approvato in via definitiva, qualche settimana fa.

La “Legge Levi” sarà un nuovo duro colpo a quel poco di culturale che è rimasto in Italia, Paese stratificato di lustrini, di reality, di Tv che mercifica, dove gli oggetti e il consumismo si sono sostituiti all’essere, alla ragione, alla razionalità e alla verità.

Infatti, le nuove normative che andranno in vigore, imporranno sui libri un tetto massimo di sconto sul prezzo di copertina pari al 15%.

Una legge che allontana dalla cultura, in disaccordo con l’articolo 41 della nostra Carta Costituzionale, il quale garantisce che l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali.

La cultura rende il popolo libero, aumenta le capacità di critica, aumenta le sensibilità.

Quello che loro non vogliono, ecco perchè anche questa volta hanno favorito le corporazioni e gli interessi di pochi, a danno della collettività.

Casa originale di questo articolo



di Andrea Sironi (sito) venerdì 2 settembre 2011 - 2 commenti oknotizie
0%
Articolo interessante?
 
100%
(5 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

Commenti all'articolo

Lasciare un commento


(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione : questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell’articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista… Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l’articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere :

  • I nuovi iscritti
  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L’autore dell’aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.

Pubblicità

Pubblicità

Sondaggio

Dal palco del V-Day Beppe Grillo ha proposto di indire un referendum per uscire dall’Euro. Secondo voi


Vota

Palmares

Pubblicità


  • Groupe Agoravox sur Facebook
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox Mobile

AgoraVox utilizza software libero: SPIP, Apache, Debian, PHP, Mysql, FckEditor.


Sito ottimizzato per Firefox.


Avvertenza Legale Carte di moderazione