• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Patrimoniale: colpire la ricchezza statica

Patrimoniale: colpire la ricchezza statica

Correva l’anno 1986, quando il professor Franco Gallo, ex ministro delle Finanze e attuale vice presidente della Consulta, analizzò le ragioni teoriche, economiche e tributarie riguardo l’introduzione di una tassa patrimoniale nel nostro Paese.

Sono passati ben venticinque anni, e già allora, alcuni studiosi, avevano capito l’impossibilità di mantenere un sistema profondamente sbilanciato sulla tassazione del reddito delle persone fisiche.

Oggi, non si fa altro che continuare nella direzione sbagliata, perché più facile da perseguire, perché salvaguarda quei poteri rappresentati oggi da una folta schiera di ministri banchieri, con interessi che vanno ben oltre quelli del Paese, interessi personali che non si agganciano per nulla alla collettività e ad un percorso comune.

Il professor Gallo scrisse riguardo la patrimoniale: “Trova la ragione d’essere nell’esigenza di colpire la ricchezza statica tenuta “oziosa” non collegata di per sé all’esercizio di un’attività produttiva”. Dunque, l’introduzione di un prelievo sul patrimonio è la stessa esigenza economica di “perseguire obiettivi di discriminazione qualitativa rispetto ai redditi più rischiosi, cui non corrisponde un patrimonio”.

Soffermandosi sulla capacità contributiva richiamata dall’articolo 53 della Costituzione, Franco Gallo rileva che se si accettasse la tesi secondo cui almeno per le imposte reali immobiliari la capacità "è manifestata non tanto e non solo dalla capacità economica in senso stretto ma in termini più propriamente economico-finanziari dalla forza economica qualificata dal godimento dei pubblici servizi da parte del soggetto di imposta, la logica conseguenza giuridica sarebbe che il titolare di un patrimonio gode dei pubblici servizi molto più del reddituario o del consumatore. Egli quindi manifestando maggiore capacità contributiva dovrebbe essere assoggettato prima di ogni altro soggetto ad imposizione”.

Tassare chi oggi gode di privilegi, chi oggi detiene capitali senza investire in lavoro e futuro, semplice.

Già nel 1986 se ne parlava, e non sono certo chiacchiere da bar. Eppure appena si parla di “patrimoniale”, sembrano diventare tutti sordi, come se la tanto corteggiata parola “equità” svanisse nel nulla.

Ma l’equità non passa forse attraverso un carico tributario su una più ampia materia imponibile?

Ma l’equità non passa forse attraverso un assoggettamento delle rendite finanziarie e ad un conseguente minore carico sui bassi redditi e su quelli da lavoro?

Altri interessanti spunti sulla “famigerata” patrimoniale, si possono trovare leggendo l’intero articolo del professor Gallo, cliccando qui.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di radi33 (---.---.---.6) 25 dicembre 2011 14:06

    Hai perfettamente ragione. Questo sarebbe quanto un governo come l’attuale, sganciato da interessi di partito e, teoricamente, di lobby, dovrebbe fare, molto semplicemente. Questo sarebbe quanto si dovrebbe fare. assecondando i tanto proclamati assiomi del liberismo economico: il capitale fermo è capitale inutile. Allora perchè non si fà?
    Perchè molto banalmente non è il benessere economico del Paese, non è la ripresa economica che si vuole, ma ben altro: la contrazione del tenore di vita e della prassi ad esso connessa, in funzione di una maggiore disponibilità a condizioni di lavoro peggiori ed alla sua pervasività nel quotidiano.
    Puro egoismo. Come si risponde al puro egoismo? Se la popolazione di buona volontà saprà dare una rispostatempestiva a questa domanda, per la prima volta in Italia, avremo un effettivo, tangibile cambiamento delle cose, diversamente sarà una lunga agonia, prima di un evento sicuramente deflagrante e nefasto per tutti.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares