• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cultura > L’Opera Lirica oggi: quale futuro?

L’Opera Lirica oggi: quale futuro?

Rimanendo inebriati sempre e comunque, tutte le volte che ci si accosta e ci si appresta a "vivere" un’Opera Lirica, la domanda sorge spontanea: e ora?

L'Opera Lirica oggi: quale futuro?

Mettendo da parte per un attimo il diverbio politico fra chi vuole i tagli dei finanziamenti alle Associazioni Liriche e chi difende il proprio lavoro dall’enorme peso culturale (sempre che si consideri la cultura indispensabile alla vita e sopravvivenza di un popolo-nazione), mi domandavo: ma qual è il vero e concreto futuro dell’opera lirica?

Basta gettare un occhio sui più importanti appuntamenti e cartelloni nostrani e mondiali per renderci conto che la lirica campa di rendita. Puccini, Mozart, Wagner, Rossini tanto per citarne solo alcuni, sono i Maestri che illuminano le scene di anfiteatri, teatri e affini di tutto il mondo, gli unici che superano la barriera della lingua "imponendo" il proprio libretto originale ovunque, anche dove, ad esempio l’italiano, non è neppur studiato.

Ora, visto e considerato che la modernità dell’Opera risiede solo nella messa in scena di opere ormai datate, dov’è l’innovazione? Dov’è il futuro? E le nuove generazioni? Si susseguono interpreti, allestimenti, direzioni artistiche e Maestri d’Orchestra, ma i compositori? Possibile che non esistano novelli Mozart o Puccini? la risposta è ovvia: no! No perché sembra impossibile ricreare quelle tonalità, quelle storie, quegli intrecci narrativi, quell’empatia che ti faceva sobbalzare sulla sedia, quella magia e potenza devastatrice che non lasciava respiro. Certo, a suo favore l’Opera ha la musica e le straordinarie voci di soprani e affini che, col vibrar di corde vocali da guinness, accendono e accelderano i battiti dei cuori di tutti gli spettatori. Ma allora, che fare?

Arrendersi all’idea che mai alcuna novità sarà proposta, oppure sperar di torvare prima o poi qualche artista poliedrico che sappia, magari anche sfruttando mezzi espressivi differenti, quelle situazioni, quella folgorante passione viscerale che parte dai timpani, insanguina il cuore, spopola nella trachea, fino a irradiare il cervello e tutto l’essere che, in silenzio e commozione, vede, ascolta e vive l’Opera.

In religiosa attesa, noi siam qui pronti a darvi conto dell’arrivo della Buona Novella con gaudio e lacrime.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares