• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > L’Egitto fra terroristi e terrorizzati

L’Egitto fra terroristi e terrorizzati

Due settimane or sono quello scontro con tre automobili lungo le Corniche che aveva fatto esplodere un’auto-bomba proprio davanti l’Istituto Nazionale Oncologico del Cairo, provocando venti vittime e una cinquantina di feriti, era stato attribuito al movimento Hasm. Così hanno dichiarato le autorità di polizia e di governo. 

Quella frangia jihadista, attiva dal 2016, era finora nota soprattutto per gli agguati falliti: nell’agosto di tre anni fa al Gran Mufti egiziano, Ali Gomaa, un mese dopo ad Abdel Aziz, assistente del procuratore generale, quindi a novembre 2016 al giudice Aboul Fotouh, uno dei tre magistrati che avevano condannato l’ex presidente islamista Morsi. Tutti attentati non andati a segno. Qualcosina al gruppo armato era riuscita: colpire a morte sei poliziotti nell’area monumentale di Giza proprio alla fine dell’anno della comparsa sulla scena “politico-esplosiva”. Poi null’altro, mentre diventavano obiettivo di retate poliziesche suoi presunti membri finiti in questi anni nelle carceri speciali d’Egitto oppure falciati per via, durante azioni antiterroristiche. Alcuni giovani accusati di farne parte sono stati fermati anche nei giorni scorsi, così che gli apparati della sicurezza, incentivati e protetti dal presidente al Sisi, possano vantare la tanto sbandierata efficienza. 

Sulla finalità dell’ultimo attentato, che ovviamente non doveva verificarsi nel luogo dell’esplosione e doveva colpire non si sa chi, c’è silenzio totale. Mentre l’Hasm con un comunicato nega l’azione bombarola, apparati interni ed esterni al Paese sostengono la sua vicinanza alla Fratellanza Musulmana, che a sua volta si dice estranea al gruppo e a qualsiasi strategia politica armata. Ma bombe maldestramente attivate oppure pilotate dai mukhabarat la quotidianità egiziana continua a vivere la ben nota emergenza senza alcun cambiamento di rotta. E oppositori o giovani libertari finiscono in galera per la sola ragione d’esistere o il sospetto di contestazioni che ormai non sono più pubbliche a seguito del pesante clima persecutorio. Il gruppo che aveva denominato “piano Speranza” la propria azione continua a subire carcerazioni preventive, anche se non fa nulla, recenti sono gli arresti di giornalisti e avvocati dei diritti che s’erano interessati a quel programma. Le storie di giovani reclusi da loro raccolte ripetevano cliché drammaticamente noti: torture sessuali che conducono chi le subisce a stati depressivi da suicidio, decessi dovuti ad assenza di cure mediche adeguate. Del resto è accaduto all’ex presidente Morsi, figurarsi quel che può succedere a detenuti qualsiasi. Giovani egiziani che studiano all’estero e sono in contatto coi coetanei in loco, barcamenandosi fra social e censure, riescono ad avere via Istagram alcune notizie di piccoli e grandi abusi.

Parte del materiale è fotografico, immagini scattate coi cellulari che tante guardie tollerano in cambio di denaro. Chi può paga e si tiene lo smartphone con cui mostra compagni di cella e se stesso, chiedendo aiuto se finisce in punizione in quelle specie di tombe da un metro per uno. Comunque non tutti restano sepolti vivi in galera, qualcuno con accuse meno gravi viene liberato, oppure i magistrati zelanti col regime praticano l’altalena di ‘arresto, rilascio, riarresto’ volta a estorcere delazioni o rivelazioni seppure inventate pur di uscire dal circolo vizioso di fermo e arresto. Lo scopo è fiaccare resistenze e spingere gli interessati a non interessarsi di nient’altro che la propria incolumità psico-fisica. Nel Paese del terrore di Stato che è diventato l’Egitto estraniarsi dalla realtà, far finta che l’orrore non esista è un viatico offerto dal governo alla massa silente. Che può diventare più numerosa di quella, in fondo minoritaria, avvinta al sistema vincente. Sisi, che prova a imitare altri presidenti votati al presidenzialismo pur non avendone un pari carisma e restare in sella sino al 2034, vanta adesioni al 97%. Ma di fronte a un elettorato pari al 40% degli aventi diritto. Percentuale gonfiata secondo organismi internazionali che gli attribuiscono un realistico 25% e sospettano ampi brogli sui 21 milioni di consensi dichiarati nella rielezione del marzo 2018.

Enrico Campofreda

 

 

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità