• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > L’Alcoa ed i luoghi comuni

L’Alcoa ed i luoghi comuni

L’ALCOA è un’azienda multinazionale produttrice di alluminio, metallo molto resistente ma più leggero dell’acciaio, quindi molto richiesto dalle industrie che fabbricano aerei e automobili di fascia alta per le quali il peso costituisce un handicap.

Ai giorni nostri, tutte le attività umane, compresa la vita privata di un pensionato, sono utenti di energia elettrica. A maggior ragione le attività produttive. Le industrie produttrici di alluminio, in particolare, che devono separare l’alluminio dalla bauxite e altri inerti, richiedono grandi quantità di energia elettrica.

L’Italia, grazie, si fa per dire, allo sciagurato referendum del 1987, riproposto nel 2011, ha rinunciato a quella fondamentale fonte di energia che sono le centrali nucleari, per di più dopo avere speso ingenti risorse per costruirle. Gli italiani hanno esorcizzato le paure dei rischi, puramente ipotetici quanto improbabili derivanti da una disfunzione delle centrali in discorso, regalando significativi vantaggi ai paesi confinanti, sia in termini di nostra ridotta competitività, sia perché questi ci vendono energia elettrica, ovviamente, guadagnandoci.

Tutti noi cittadini italiani stiamo pagando il prezzo di questa scelta, ma qualcuno, come gli ex dipendenti dell’ALCOA, ora disoccupati, pagheranno anche, un sovrapprezzo. Chi li aveva convinti a votare “no” ai referendum queste cosette non gliele aveva spiegate. 

Per "luoghi comuni" si devono intendere quelle opinioni assai diffuse tra la gente, spesso prive di fondamento e promosse da chi ha interesse a condizionare l’opinione pubblica a proprio vantaggio.

Secondo un diffuso luogo comune, noi saremmo molto indietro nello sfruttamento delle fonti alternative di energia elettrica. La verità è un’altra. Siamo secondi solamente alla Germania, che però ha iniziato molto tempo prima di noi. La regione Puglia, ma non solo, ha visto il panorama delle campagne stravolto da migliaia di torri eoliche. La diffusione di pannelli fotovoltaici ha sottratto milioni di ettari alle produzioni agricole, il prezzo dei terreni è arrivato ai massimi livelli d’Europa.

Nessuno s’illuda, le fonti alternative, compreso il carbone, cancerogeno, l’idroelettrico, il gas, ecc. al massimo ci potranno assicurare il trenta per cento del fabbisogno; il restante settanta per cento dovrà essere ricavato importando petrolio, costoso e inquinante, gas o energia dai paesi che la ricavano dalle centrali nucleari.

Nel nostro Paese, la diffusione di pannelli fotovoltaici e torri eoliche si è sviluppata grazie ai seducenti incentivi statali, finanziati a spese di tutti noi contribuenti, compresi i lavoratori dell’ALCOA che quindi hanno pagato tre volte quella scelta referendaria: come cittadini, come contribuenti e come lavoratori.

La disinformazione, una certa pusillanimità caratteriale, hanno un prezzo. Ora gli incentivi sono stati ridotti. Qualcuno del governo ha ragionato.

Commenti all'articolo

  • Di paolo (---.---.---.134) 8 novembre 2012 11:44

    Se avesse l’autore scritto questo articolo ,diciamo alcuni mesi orsono ,ovvero prima che gli italiani si affidassero ai soliti santoni dell’ecologismo più o meno in buona fede ,come minimo si sarebbe beccato le offese della multitudine di "figli del sole" che affollano tutti i blog della rete .

    Io l’ho fatto ,assieme a pochi altri ormai ben individuati , e mi sono beccato di tutto .
    Adesso ,dopo decenni di assenza di un piano energetico nazionale ,siamo arrivati alla resa dei conti e la situazione peggiorerà rapidamente .
    Ma chi risponderà di questo ? Sicuramente non i Bonelli e i Tozzi di turno che hanno illuso i citrulli di risovere il problema tappezzando l’Italia di pannelli e pale e neppure quei politici che hanno cavalcato l’ecoterrorismo di maniera .

    La stanno pagando e la pagheranno sempre di più i lavoratori italiani e le loro famiglie ,anche quelli che hanno creduto al miracolo energetico delle rinnovabili .
    Volete la riprova ? Ormai stiamo avviandoci ad essere il paese europeo a maggior densità di fonti rinnovabili , siamo in concorrenza con la Germania ma abbiamo più risorse naturali ,e sapete di cosa si sta parlando per tentare di salvare capra e cavoli ? di centrali a carbone (?!!) ,olio combustibile e gas . Alla facciaccia del protocollo di Kyoto e dell’ecologismo nostrano .
    Complimenti!!

    • Di Cesarezac (---.---.---.148) 8 novembre 2012 14:46

      Caro Di Paolo,

      Lei ed io, apparteniamo a quella ristrettissima cerchia di persone informate,non condizionabili né dalle fobie, né dalle mode, né dalle ideologie, né dai politici che strumentalizzano tutto ciò che possono per le loro carriere. 
      A farne le spese , purtroppo non sono solamente loro, i vegetali ambulanti, le pecore,che lo meritano, ma anche noi.
      Cordiali saluti . 

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares