• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Economia > Italia, in crescita l’occupazione stabile

Italia, in crescita l’occupazione stabile

Cresce l'occupazione stabile in Italia. Ce lo dicono i dati pubblicati dall'Inps relativi al periodo gennaio – maggio 2015.

 

JPEG - 249.3 Kb

L'Inps ha analizzato, e confrontato con quelli del corrispondente periodo 2014, assunzioni e cessazioni di lavoratori dipendenti. E i numeri sono confortanti.

Restano esclusi dalla rilevazione i dati relativi ai dipendenti pubblici, operai agricoli e lavoratori domestici.

Aumentano le assunzioni a tempo indeterminato (+152.722) ed i contratti a tempo determinato (+51.270). Diminuiscono le assunzioni di apprendisti (-19.021). Il contratto di apprendistato, nonostante i continui adeguamenti legislativi, o forse proprio per questo motivo, si rivela sempre meno apprezzato e utilizzato dalle aziende italiane.

Complessivamente le assunzioni a tempo indeterminato sono state 760.059, ben il 25% in più rispetto allo stesso periodo 2014. In aumento consistente (+20,5%) anche le trasformazioni a tempo indeterminato di contratti a termine che sono state 261.877 rispetto alle 217.352 del 2014. Si è quindi consolidata nel 2015 la percentuale di lavoro stabile, pari al 39,11% dei contratti contro un 34,6% del 2014. Da notare che analizzando le assunzioni e le trasformazioni a tempo indeterminato del solo mese di maggio emerge come quasi il 60% dei contratti usufruisca dei benefici contributivi (Esonero triennale dei versamento contributivi) previsti dalla legge di stabilità 2015.

Le cessazioni dei rapporti di lavoro registrano una diminuzione del 6,7% rispetto allo scorso anno, scendendo da 663.257 del 2014 a 619.031 del 2015.

Gli incrementi percentuali maggiori per le assunzioni a tempo indeterminato si registano nelle Regioni del Centro-Nord anche se va segnalato un +27% della Sardegna, migliore percentuale nel Sud e Isole.

Riguardo alla qualifica aumenta la percentuale di impiegati che passa dal 23,8 del 2014 al 31,5 del 2015.

La maggior parte delle assunzioni a tempo indeterminato è a tempo pieno (67,4%) percentuale in aumento del 4,2% rispetto al 2014.

I dati completi sono disponibili sul sito www.inps.it nella sezione "Osservatorio sul precariato"

 

 

 

 

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità