• lunedì 21 aprile 2014
  • Agoravox France Agoravox Italia Agoravox TV Naturavox
  • Fai di AgoraVox la tua homepage
  • Contatti
AgoraVox Italia
  Home page > Attualità > Cultura > (In)ter(per)culturando: check-in breve ’On the road’ - parte I
di BarbaraGozzi (sito) giovedì 4 novembre 2010 - 0 commento oknotizie
0%
Articolo interessante?
 
100%
(2 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

(In)ter(per)culturando: check-in breve ’On the road’ - parte I

‘On the road’ è una collana di libri del neo editore Senzapatria dimensionalmente facili da portare in giro (diciassette centimetri per dieci e mezzo, di lunghezza non eccedente le settanta pagine circa).
 
Dedicata ai viaggiatori, si legge sul sito dell’editore, che si riferisce all'effettiva reperibilità dei titoli di collana disponibili esclusivamente in stazioni, metropolitane, aeroporti, autobus. Non in libreria, insomma. Da ottobre 2010 in alcune città italiane: Roma, Milano, Torino, Napoli, Genova, Firenze, Bologna, Venezia, Padova, Verona. Da maggio 2011 l'editore previsiona una diffusione nazionale.
 
L’idea insomma non è quella di riproporre ‘narrativa di viaggio’ propriamente detta (escludendo la logica ad ampio raggio secondo cui ogni storia è un viaggio). Piuttosto è il viaggiatore il beneficiario finale di questi piccoli oggetti che nascono per essere facilmente tenuti tra tasche, borse e zaini. Oggetti che stanno in un palmo aperto, concepiti per non scandalizzarsi se si verificano piegature, o ogni altro danneggiamento fisico che può derivare dal viaggio in sé (non per questo sempre graficamente gradevoli, l'impatto può essere ampiamente migliorato). Non è dunque nella qualità visiva di questi libri che si dovrebbero ricercare ragioni per l’acquisto al prezzo di cinque euro l’uno.
 
Gli elementi a mio parere interessanti che caratterizzano questa collana sono di ordine pratico e concettuale. Pratico, rispetto all’oggetto-libro di cui ho già accennato in precedenza. Piccolo, maneggevole, che può finire piegato o comunque logorato, a un prezzo più che accessibile. Un oggetto, in sostanza, che non ‘appesantisce’ il viaggio.
 
Concettualmente invece, la collana ha un solo vincolo, la lunghezza. Si tratta comunque di storie ‘corte’ nell’eccezione ampia del termine, non-romanzi si potrebbe semplificare ma nemmeno racconti brevi. Una via-di-mezzo, una di quelle dimensioni che di solito non piacciono all'editoria (al business).
 
Limiti a parte, ogni libro è una storia diversa, un autore diverso, uno stile e un modo che proietta il lettore-ipotetico viaggiatore in una dimensione ‘altra’. E ce n’è davvero per ogni gusto, aspettativa, richiesta, preferenza. È probabilmente questo il vero punto di forza (e anche, come accenno in chiusura, arma a doppio taglio): la varietà tesa alla qualità.
 
Ammetto subito l’azzardo nell’uso del termine 'qualità' che in letteratura contemporanea ha ormai assunto valenze contrastanti e complesse che nulla hanno a che fare con le intenzioni di questo pezzo. ‘Tesa alla qualità’ sottintende storie e scritture differenti ma comunque mature, figlie di autori che più lontani tra loro non potrebbero essere (per biografie, formazioni, mestieri, geografie ed esperienze); eppure scritture libere, che raccontano favole quanto scorci di realtà strappate al quotidiano, proiezioni su futuri catastrofici o passati ancora disseminati di dubbi, tratteggi di personalità complesse, inquadrature tra commissariati, centralini, ricercatori, killer, rapinatori, morti non morti e così via.

pagina successiva >>



di BarbaraGozzi (sito) giovedì 4 novembre 2010 - 0 commento oknotizie
0%
Articolo interessante?
 
100%
(2 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

Lasciare un commento


(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione : questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell’articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista… Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l’articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere :

  • I nuovi iscritti
  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L’autore dell’aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.

Pubblicità

Pubblicità

Sondaggio

Dal palco del V-Day Beppe Grillo ha proposto di indire un referendum per uscire dall’Euro. Secondo voi


Vota

Palmares

Pubblicità


  • Groupe Agoravox sur Facebook
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox Mobile

AgoraVox utilizza software libero: SPIP, Apache, Debian, PHP, Mysql, FckEditor.


Sito ottimizzato per Firefox.


Avvertenza Legale Carte di moderazione