• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cultura > (In)ter(per)culturando Read&Listen: ’Lumpi Lumpi ’- Il mio amico drago’ (...)

(In)ter(per)culturando Read&Listen: ’Lumpi Lumpi ’- Il mio amico drago’ di Roncaglia e Luciani

"Alla ricerca del tappeto prezioso" (Emme Edizioni, marzo 2011, 56 pagine nel formato 16 x 20 cm, Euro 8) è il primo libro di una serie che ha per protagonista il drago blu Lumpi Lumpi. E' un personaggio nato dalla penna di Silvia Roncaglia e illustrato da Roberto Luciani.
 
Attualmente sono sette le diverse avventure raccontate in altrettanti libri per bambini in una ‘fascia d’età’ che la casa editrice ha etichettato come ‘5+’. Si tratta in effetti di edizioni strutturate per essere una sorta di ‘ponte’ tra i libri illustrati per la fascia 3-5 anni (con qualche breve frase a raccontare e grande dominio delle immagini) e, invece, quelli decisamente narrativi per bambini già in grado di leggere correttamente e con fluidità ma anche con la capacità di ascolto, comprensione e interesse discretamente sviluppati.
 
La struttura delle avventure di ‘Lumpi Lumpi – il mio amico Drago’ è – a mio avviso – intelligente e sensibile rispetto alle esigenze dei potenziali piccoli lettori.
 
Le illustrazioni di Roberto Luciani sono allegre e simpatiche ma mai invasive: restano presenti nelle pagine ma con ‘un passo indietro’ rispetto alle parole. Le storie raccontate da Silvia Roncaglia sono avventurose, misteriose, fantasiose e ricche di dialoghi simpatici e semplici.
 
La macro categoria ‘libri per bambini’ - molto spesso sottovalutata e considerata ‘meno impegnativa’ della ‘narrativa per ragazzi’ per non parlare della ‘narrativa per adulti’ – è invece un mondo a parte di scritture mirate, illustrazioni e immagini finalizzate all’intrattenimento quanto all’educazione, scelte e usi di parole ma anche svolgimenti di storie che devono essere ‘pensate’ per i piccoli fruitori finali (aspetto che, lo assicuro, non è poi così scontato come può sembrare).
 
Con questa serie, Emme Edizioni ha trovato, secondo me, un buon equilibrio tra immagini e parole, con oggetti-libro curati, colorati (ma dominati da tonalità tenui, senza eccessi), arricchiti - all’inizio di ogni libro - di una ‘carta d’identità’ del protagonista drago ma anche una serie di accorgimenti grafici per favorire la comprensione della lettura (come l’aggiunta di miniature dei volti dei personaggi prima di ogni battuta diretta durante i dialoghi).
 
Edizioni adatte al passaggio da “raccontami una storia” a “leggo il mio libro”. Non lasciate soli i bambini mentre leggono, almeno finché non hanno preso confidenza con il linguaggio e la trama (ma – personalmente – tempi e spazi permettendo, suggerisco caldamente ai genitori di affiancare sempre i bambini in un momento intimo come l’approccio alle prime storie lette da soli).
 
Ricordo che l’attuale Emme Edizioni prende ‘forma’ nel 1991 quando Giulio Einaudi Editore diventa socio di Edizioni EL (nata a Trieste nel 1849 con l'apertura della "Sezione Letterario-Artistica"). Giulio Einaudi Editore conferisce a EL, da socio, i titoli editoriali Einaudi Ragazzi ed Emme Edizioni in modo da differenziare le mission dei due marchi.
Per Emme Edizioni nascono, dunque, collane rivolte ai bambini della scuola elementare giocate sulla chiarezza dei testi, la leggibilità tipografica e la forza delle illustrazioni (tra gli illustratori ricordo Altan, Nicoletta Costa, Agostino Traini, Marco Biassoni).
 
Annotazione a margine:
Non date ai bambini, libri che non avete visionato - non per una qualche etica o morale specifica - ma perché l'editoria è ormai ampia, differenziata e varia al punto da dare l'impressione che basti una copertina ad effetto e un prezzo competitivo a individuare un libro 'tutto sommato' adatto ai bambini: non c'è niente di più errato. Gli elementi che fanno la vera differenza per la pre-adolescienza sono, secondo me: cura nella scelta di parole, frasi e sonorità, struttura e gestione della storia che deve essere sensata rispetto al 'target' del potenziale lettore, l'uso di accorgimenti e piccoli dettagli a coinvolgere il bambino e a fargli percepire il libro non come oggetto da 'temere' quanto come un 'compagno' di cui avere cura ma da 'viversi' dove e come vuole (con la supervisione di un adulto).
I libri per bambini possono avere usi e fini legati all'apprendimento e alla crescita, ma devono soprattutto favorirne l'immaginazione, la creatività e un uso propositivo di fantasia e rielaborazioni del reale.

 
 
***

Di seguito, nella registrazione in appendice, la lettura di uno stralcio dal primo volume della serie e alcune considerazioni generali sui libri.

 
 

 
 
 
Link
La serie di libri con le avventure di Lumpi Lumpi dal sito della casa editrice.
Il sito di Silvia Roncaglia, e una breve biografia di Roberto Luciani.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares