Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS

 Home page > Attualità > Società > In ricordo di Peppino Impastato, il rivoluzionario

In ricordo di Peppino Impastato, il rivoluzionario

5 gennaio 1948 - 9 Maggio 1978, Cinisi (PA). 

"Appartiene al tuo sorriso
l'ansia dell'uomo che muore,
al suo sguardo confuso
chiede un po' d'attenzione,
alle sue labbra di rosso corallo
un ingenuo abbandono,
vuol sentire sul petto
il suo respiro affannoso:
è un uomo che muore".
P. Impastato

Solo poche parole per ricordare un rivoluzionario comunista come Peppino Impastato, che moriva il 9 maggio del 1978.

Peppino Impastato rappresenta quella resistenza militante che nel meridione è conosciuta come lotta alla mafia; una mafia forte di collusioni con politica e forze dell'ordine. Una mafia che diviene quindi piovra asfissiante, in cerca di una continua legittimazione.

Capisco che riportare - adesso - le sue citazioni sulla bellezza può sembrare troppo retorico, non tanto per il loro contenuto (che resta di altissimo valore), ma perché etichettando un pensiero con citazioni sparse, come avviene sempre più spesso oggi (quasi come se fosse dettato da una strana legge di mercato), si finisce col banalizzare il discorso, si svilisce di senso e si perde contenuto.

Come vuoti possono essere i simboli, per definizione fermi nel divenire; immobili. Icone da venerare per lo spettatore o consumatore. No, Peppino andrebbe ascoltato, compreso e contestualizzato. Bisogna aprirsi al discorso e studiare la sua storia, per capire i vili meccanismi mafiosi. Mi piace allora ricordarlo come rivoluzionario, come combattente di sinistra.

Non è come Falcone o Borsellino, simbolo di uno Stato forte, che vede nel diritto e nella repressione, la guerra alla mafia. Peppino era un militante rivoluzionario, un sessantottino che vedeva nel padre, colluso con la mafia, l'espressione dell'ingiustizia. Il potere paternalistico della mafia andava combattuto con la rivolta dei figli, che dissacravano quei (dis)valori imposti dall'alto. L'ironia, lo sberleffo - la mancanza di rispetto - e quindi l'informazione erano gli strumenti per dissacrare quel potere che si serviva di omertà ed indifferenza della popolazione.

Per questo Peppino è stato un rivoluzionario: perché parlava alla coscienza delle persone, credendo che fosse possibile cambiare partendo dal basso, da una rivoluzione culturale più che da uno stato forte, che allora era rappresentato da forze dell'ordine, spesso al servizio e connivente con quella mafia.

Questa è la bellezza per Peppino, rivoluzione dell'anima, trasformazione delle coscienze. La sua morte ci aiuta a comprendere quella "montagna di merda": la mafia uccide due volte, prima eliminandoti fisicamente e poi diffamandoti. Per questo ricordarti è importante, perché significa scegliere la coscienza, la bellezza, la rivoluzione.


LEGGI ANCHE: L'INCARCERATO: Il martirio di Peppino Impastato

 


Ti potrebbero interessare anche

Rocco Chinnici (1983-2014)
La grande Muos-truosità
Quando la fantasia supera la realtà. “Il Vomerese” di Veraldi, il romanzo che annunciò il sequestro Dozier
Giulio Cavalli: “Sono sotto scorta perché voi fate finta di niente”
Il partito della polizia di Marco Preve


Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.33) 9 maggio 2012 13:20

    Articolo più che interessante. Hai pienamente ragione quando dici che Peppino Impastato andrebbe contestualizzato. Troppo poco si parla di questo rivoluzionario coraggioso che ha puntato i piedi contro un sistema radicato quale è la mafia. Non andrebbe fatto un discorso sulla destra o sulla sinistra, anche se è più che giusto ricordarlo come rivoluzionario di sinistra. Grandissimo UOMO ( e la scelta del maiuscolo non è un caso).

  • Di (---.---.---.129) 9 maggio 2012 15:34

    per arrrivare a parlare al popolo, al ciociaro di Frosinone od al mafioncello siculo, occorre mettere una linea di demarcazione nel programma elettorale:

    La tassazione al 95% dei redditi sopra i 70.000 euri annui.

    Solo così tutti i morti di fame (il 90% del paese) potranno riconoscere il loro partito di appartenenza e la smetteranno di farsi sodomizzare dal restante 10%, che astutamente si infiltra in tutti i partiti presenti nel cosiddetto arco politico tajano e continua tranquillamente a farsi i cassi propri raggirando con 4 fregnacce i bambini che li votano.
     ben li conosce lo psiconano, vedrai che prima o poi risorgerà con quarche grandissima nuova idea su cui giurerà sulla testa dei propri figli in presa diretta dal leccaculo ed a spese del valoroso bobbolo tajano.

Lasciare un commento


Sostieni AgoraVox

(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere:

  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L'autore dell'aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.



Pubblicità




Pubblicità



Palmares


Pubblicità