• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Il Governo della continuità nelle mani di Renzi e Di Maio

Il Governo della continuità nelle mani di Renzi e Di Maio

Aveva capito tutto Zingaretti, l’avversario da battere non era solo Salvini, ma anche e sopratutto la destra nella società.

Non bastava scongiurare le elezioni e la vittoria della Lega, per sconfiggerla, occorreva ed occorre battere il fascismo fuori di noi e quello dentro di noi. Occorreva debellare il virus del nuovo fascismo: la sindrome del Governo ad ogni costo, la rincorsa del consenso che ha ridotto i partiti in comitati elettorali, e la politica a pubblicità. Ma era solo Zingaretti.

Solo nel suo partito dove aveva i nemici in casa e subiva il fuoco amico di Renzi, solo nella società ancora annebbiata dalla paura dell’immigrato, solo in un'Europa che non riesce a vedere oltre il proprio naso. 

 E quando Zingaretti in nome dell'unità del partito, subendo le pressioni internazionali, ma anche per mancanza di coraggio, ha iniziato a trattare, chiedendo ai grillini, ma anche al suo partito discontinuità rispetto alle scorie fascio razziste delle ultime esperienza di governo, rispetto ai lager libici di Minniti e ai porti chiusi di Salvini, si è trovato impigliato nella morsa di Renzi e Di Maio che volevano la continuità, per conservare la leadership nei partiti di appartenenza.

Renzi e i renziani si sono inseriti nella trattativa con continui interventi che hanno indebolito la forza contrattuale del Segretario e il suo disegno politico. Hanno consegnato il pallino della trattativa a Di Maio notoriamente contrario all’accordo con il PD consentendogli di chiedere tutto e di piu, di sconfiggere la linea politica della discontinuità.

E così per riprendersi la segreteria, nel momento più difficile per la democrazia, a ridosso di una radicale svolta a destra nelle urne e fuori le urne, Renzi, i renziani e Di Maio hanno unificato il centrodestra, e aperto le porte alla destra fascista.

Le hanno tolto le castagne dal fuoco di una manovra lacrime e sangue, le hanno offerto di fare il suo gioco che non è il Governo ma la protesta, le hanno assicurato un'opposizione PD e Mov5s disarmata e divisa.

Foto: MEF GOV/Flickr

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità