Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS

 Home page > Attualità > Politica > Il Giornale: "Pertini all’Avanti fece peggio di Lavitola"

Il Giornale: "Pertini all’Avanti fece peggio di Lavitola"

La memoria di un Paese e il giornalismo italiano hanno subito l’ennesimo duro colpo.

Il 18 settembre, un editoriale di Marcello Veneziani sulle pagine de Il Giornale dal titolo “Pertini all’Avanti! fece peggio di Lavitola”, segna il passo di uno pseudo-giornalismo dedito alla strenua difesa dell’indifendibile. Secondo Veneziani, Lavitola all’Avanti! è nulla rispetto a quello che scrisse Sandro Pertini – allora capogruppo in Parlamento del Partito Socialista – riguardo l’esaltazione della figura di Stalin.

L’Urss e Stalin – a quei tempi – erano vissuti come una “realtà” che con venti milioni di morti aveva salvato l’Europa dal nazismo. Marcello Veneziani questo non lo scrive, per mero opportunismo e spasmodica difesa del suo padrone, Silvio Berlusconi.

Gettare fango su una figura politica imponente, quale è quella di Pertini, è aberrante. L’intento di far credere che tutti i politici alla fine sono uguali, è un gioco sporco, squallido, che non fa onore al Paese e al giornalismo, quello serio e libero.

Sandro Pertini non per niente è ricordato da tutti come il Presidente più amato dagli italiani, in quegli anni caratterizzati da una situazione sociale estremamente difficoltosa, addirittura cruenta dovuta anche alla presenza del terrorismo.

Partigiano, protagonista di una energica opposizione al fascismo, senza dietrologie, senza interessi, senza quella proposizione di corsa al potere, soltanto una grande carica umana, una forte impronta personale, questo è tutto quello che ha rappresentato agli italiani. Pertini come sinonimo di solidarietà e giustizia sociale, sinonimo di impegno nella costruzione quotidiana della Pace, della difesa della libertà, valori mai come in questo momento attuali e necessari, in un Paese che deve guardare al futuro senza mai scordare il suo migliore passato.

Caro Veneziani, non conosci la libertà, sei vittima inconsapevole di un padrone che con forza costringe un Paese in una soffocante morsa di qualunquismo degenerante. Caro Veneziani, scrivi pure pagine di giornalismo schiavo del padrone, rimpinguati pure le tasche di denaro, ma lascia in pace persone che hanno fatto dell’onestà il loro obiettivo di vita, persone che hanno dato tutto quello che potevano al Paese Italia, come la credibilità, l’onore e la stima.

Cose d’altri tempi, che voi non riuscirete mai a comprendere, perché siete delle semplici pedine di un sistema malato, orrendo e torbido, privo della ben che minima purezza intellettuale.

Questo articolo è stato pubblicato qui


Ti potrebbero interessare anche

Un filo di perla tra la Dama Bianca, Valter Lavitola, Sergio De Gregorio e Gennaro Mokbel
Quando la fantasia supera la realtà. “Il Vomerese” di Veraldi, il romanzo che annunciò il sequestro Dozier
Gemellaggio Italia Francia
Ex Novo Musica taglia il traguardo del primo decennio
Applausi e abuso di potere: #ViaLaDivisa!


Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.252) 21 settembre 2011 21:00

    Ma Veneziani dimentica che Pertini, a differenza di chi lo paga per scrivere, ha una storia fatta di carcere, ma non per furto o camorra, ha una storia fatta di lotta con i partigiani per la libertà che consente oggi a Veneziani di poter occupare qualche riga di un giornale che è esattamente l’opposto di un Giornale.
    Come Presidente di questa disgraziata Repubblica si è comportato in modo onesto. Preferirei avere come maestro Pertini piuttosto che Veneziani e credo che ci sarebbe un plebiscito su questo punto.
    in Italia purtroppo abbondiamo di Veneziani, ma non riusciamo a esportarli. Sono invendibili all’estero.

  • Di aellebì (---.---.---.145) 28 settembre 2011 16:40
    aellebi

    ’Un Partigiano come Presidente...’ (’L’italiano’, di Toto Cutugno, 1983).

    Non posso scrivere oltre, non avendo l’assistenza legale di cui dispone l’autore dell’articolo, che non nomino nemmeno.

Lasciare un commento


Sostieni AgoraVox

(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere:

  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L'autore dell'aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.



Pubblicità




Pubblicità



Palmares


Pubblicità