• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Media > "Giù le mani dal mio lavoro!", il concorso dell’Unione europea

"Giù le mani dal mio lavoro!", il concorso dell’Unione europea

Si chiama “Hands off my design” ed è un concorso indetto dall’Unione Europea per sensibilizzare i cittadini sulla proprietà intellettuale. “Proteggi il tuo lavoro, o qualcun altro ne trarrà profitto” è il motto della parte del sito dedicata agli studenti. Christoph Brehme è uno dei partecipanti, è un professionista del design, ed è arrivato secondo con il suo video. Christoph lavora e ha fondato PioPictures in Italia. La sua esperienza nell’intervista.

Com’è nata la tua idea di partecipare al concorso?

Me ne ha parlato un’amica e la prima immagine che mi è venuta in mente è quella dei video all’inizio dei dvd comprati. Sono molto aggressivi e dicono “tu sei un ladro”. A me non piacciono per niente. Al contrario, secondo me sono molto controproducenti. Quando ho saputo del concorso mi sono detto: questa è l’occasione per proporre un video che rimetta in discussione quell’impostazione.

Dunque qual è il tema al centro del tuo video?

Al centro non ci dovrebbe essere chi abusa dei contenuti di proprietà intellettuale, ma chi li produce attraverso il suo lavoro, che è molto bello. Penso che la strategia di pubblicità contro chi copia dvd sia troppo facile e antipatica. Il punto non è criminalizzare l’utente, ma spiegare allo spettatore perché è importante comprare gli originali (film, musica, design, medicine, gioielli, vestiti, ecc). Urlargli contro che non si ruba, dandogli del ladro non è la tattica migliore.

Il tuo video parla della contraffazione nel campo della musica, come mai hai scelto questo tema?

Ho deciso di parlare di un musicista perché è un esempio molto vicino e comprensibile a tutti. Il Creative Commons è una iniziativa molto importante, e questo concorso ha l’obiettivo fondamentale di mettere l’accento sulla cooperazione fra Paesi nella ricerca di soluzioni condivise. Le procedure sono ancora troppo complesse perché si possa diffondere come dovrebbe. “Hands off my design” è principalmente questo, un punto di riferemento europeo.

Commenti all'articolo

  • Di Sandro kensan (---.---.---.240) 13 aprile 2012 16:27
    Sandro kensan

    «Penso che la strategia di pubblicità contro chi copia dvd sia troppo facile e antipatica. Il punto non è criminalizzare l’utente, ma spiegare allo spettatore perché è importante comprare gli originali (film, musica, design, medicine, gioielli, vestiti, ecc). Urlargli contro che non si ruba, dandogli del ladro non è la tattica migliore.»

    Non è importante comprare gli originali ma dare i propri soldi all’autore che è cosa ben diversa.

    Per adesso i soldi degli originali non vanno agli autori se non le briciole. I soldi servono a tutt’altro che a pagare gli artisti.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares