• domenica 20 aprile 2014
  • Agoravox France Agoravox Italia Agoravox TV Naturavox
  • Fai di AgoraVox la tua homepage
  • Contatti
AgoraVox Italia
  Home page > Attualità > Media > IJF12: i mass media hanno ancora un futuro? La risposta di Khanfar
di Ilaria Raffaele (sito) domenica 29 aprile 2012 - 1 commento oknotizie
0%
Articolo interessante?
 
100%
(3 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

IJF12: i mass media hanno ancora un futuro? La risposta di Khanfar

Wadah Khanfar, ex boss di Al-Jazeera, arriva a Perugia per un discorso su “Integral media: il futuro dei mass media nell’era dei social network”. Tema più che attuale, in un Festival del giornalismo attento a come i nuovi mezzi di comunicazione influenzano il giornalismo tradizionale.

Un personaggio di spicco - A presentarlo è Francesca Caferri, giornalista di Repubblica, che lo definisce «uno dei più influenti esponenti dei media, per anni mister Al-Jazeera, con un’esperienza che lo ha portato dall’Africa a Kabul. Un uomo che ha fortemente rinnovato Al-Jazeera, rendendolo più multimediale, più aperto al mondo non arabo, e dandogli un ruolo di primo piano durante le rivoluzioni arabe. Foreign Policy lo ha messo al primo posto degli uomini dei media per “aver reso Al Jazeera la fonte più influente del mondo arabo”. Picchi di utenti di 2000 volte maggiori rispetto a prima delle rivoluzioni arabe: ecco il suo più grande successo».

Sopraffatto dalla rivoluzione - Proprio l’uso delle nuove tecnologie è stato al centro del discorso di Wadah Khanfar: «Questa rivoluzione a mio avviso non si è ancora conclusa. Tutti sappiamo che ci saranno grandi trasformazioni e un nuovo concetto di giornalismo ne verrà fuori. Non sapiamo molto della strada che prenderà questa trasformazione, ma sappiamo per certo che c’è e continuerà. E soprattutto che in 5-10 anni rivoluzionerà il modo di fare giornalismo».

Qualità e meno costi - «Il nuovo giornalismo sarà basato su nuove fondamenta: sarà sempre più un servizio per gli altri e non più un modo per fare profitto. Questo passaggio sarà una grande opportunità per acquisire credibilità. Tutto ciò è permesso dalle nuove tecnologie: i grandi network necessitano di centinaia di milioni di dollari per sopravvivere, ma con le nuove tecnologie i costi di produzione si ridurranno a un quarto. Ora ognuno di voi con uno smartphone può essere un reporter senza alcun costo». Maggiore qualità a minore costo: ecco il futuro secondo Wadah Khanfar.

Più spazio all’approfondimento - «Nel mainstream i contenuti sono creati da corrispondenti (solo Al Jazeera ha 75 uffici nel mondo) che li inviano alla sede centrale, che le elabora e infine pubblica. Questo processo è dispendioso e non permette la contestualizzazione e l’approfondimento delle notizie. Con i social network e brillanti blogger, invece, la raccolta delle notizie avviene in rete (e non mi parlate di problemi di verifica perché la rete offre la possibilità di controlli incrociati). Questo renderà i giornalisti importanti nella creazione dell’agenda delle priorità e per inserire l’informazione in un quadro completo; infine il professionista sarà indispensabile nel fare previsioni sugli scenari possibili in futuro che aiutino il lettore a capire le conseguenze di quello che sta accadendo ora. Il vecchio modello ha caricato il giornalismo di costi insostenibili. I nuovi media si dovranno sostenere con modelli di finanziamento decentralizzati». Insomma, il giornalismo del terzo millennio immaginato da Khanfar sarà decentrato, dinamico e democratico.




 



di Ilaria Raffaele (sito) domenica 29 aprile 2012 - 1 commento oknotizie
0%
Articolo interessante?
 
100%
(3 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

Commenti all'articolo

Lasciare un commento


(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione : questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell’articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista… Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l’articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere :

  • I nuovi iscritti
  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L’autore dell’aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.

Pubblicità

Pubblicità

Sondaggio

Dal palco del V-Day Beppe Grillo ha proposto di indire un referendum per uscire dall’Euro. Secondo voi


Vota

Palmares

Pubblicità


  • Groupe Agoravox sur Facebook
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox Mobile

AgoraVox utilizza software libero: SPIP, Apache, Debian, PHP, Mysql, FckEditor.


Sito ottimizzato per Firefox.


Avvertenza Legale Carte di moderazione