• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > Essere poveri, senza un lavoro e senza una famiglia, in Italia

Essere poveri, senza un lavoro e senza una famiglia, in Italia

Abbiamo realizzato questo reportage fotografico con dolore e sconforto. Le immagini sono più esemplificative di fiumi di parole e sapienti editoriali. Esse offrono in modo immediato e crudo uno spaccato di cosa possa significare, oggi in Italia, essere poveri, senza un lavoro e senza una famiglia.

Potete ammirare l‘ampio ingresso, il corridoio luminoso, la camera da letto easy, l’armadio a muro e l’originale appendiabiti… 

C******A (43 anni) e F*******O (41 anni) sopravvivono a Lucca, in queste condizioni, da oltre due anni e mezzo!

La disoccupazione adulta genera emarginazione economica e sociale, e dissolve il progetto di Vita del disoccupato e della sua famiglia.

Dopo la disoccupazione adulta... la morte civile, il nulla. L’annichilimento dello stesso diritto di Vivere.

Indifferenza, emarginazione, solitudine, dolore. Vite sospese e martirizzate. Condanne a morte? Vite in fumo… e polvere!

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di Fernando Bassoli (---.---.---.248) 24 settembre 2011 10:53
    Fernando Bassoli

    L’Italia della berluscocrazia massmediata è questa. I sedicenti geni dell’economia che promettono miracoli ogni giorno hanno prodotto queste contraddizioni. Loro parlano del debito pubblico. I cittadini muoiono di fame.

  • Di illupodeicieli (---.---.---.198) 24 settembre 2011 12:32

    Con Prodi o Bersani sarebbe lo stesso, per loro e per chi come loro è emarginato. Ai governi interessa solo il pareggio di bilancio e avere i conti in ordine (conti che devono prevedere una buona dose di possibilità di spesa per ciò che importa loro,logicamente). Quanto a stare ai margini della società , ti dico che ,pur avendo avuto la possibilità di mangiare tutti i giorni , da oltre 7 sono stato dichiarato fallito:per me e quelli come me , protestati o falliti, pignorati o sfrattati (come me), non c’è nessun reinserimento, ma anzi accanimento giudiziario. Oltre a dirti come vieni trattato quando ,per sbaglio, finisci davanti ai responsabili di caritas, assistenti sociali, parenti o amici: l’ho scritto nel mio blog ma lo testimonio anche qui: ad alcuni interessa che ci siano poveri, poveracci, sfigati, sfortunati, perchè vivono di questo. Un po’ come le Ong o le varie associazioni. Non hanno a cuore che i due esseri umani di Lucca possano rifarsi una vita autonoma, senza che dopo aver ringraziato una volta siano sempre debitori o,peggio, che non ricevano un aiuto sufficiente perchè possano,veramente, affrancarsi e fuggire da una situazione di disagio. Preferiscono che ,come ho fatto io, si vada tutti i mesi a ritirare il pacco alimentare e non che ti venga data la possibilità di volare con le tue ali. E non credo che sia colpa solo della destra: certo loro non hanno fatto nulla per i cittadini ma l’accanimento prodiano verso i piccoli commercianti o artigiani dove lo mettiamo?

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares