• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Elezioni in Israele: urge una svolta nella politica israeliana a favore di (...)

Elezioni in Israele: urge una svolta nella politica israeliana a favore di diritti, lavoro, istruzione, dialogo e pace

Foad Aodi: “Il partito arabo “Unita” presieduto da Aymen Odeh è il terzo partito con 13 seggi, adesso più decisivi nell’alleanza politica con Blu e Bianco”. Così, le comunità del mondo arabo in Italia(Co-mai) e l’Unione internazionale Arabi 48 (U.I. Arab 48) commentano il risultato delle elezioni in Israele, che si prospettavano molto incerte e difficili. 

di Co-mai Comunità del Mondo Arabo in Italia

Difatti i risultati lo stanno dimostrando: nessuno ha la maggioranza e c’è un testa a testa tra il partito “Blu e Bianco” e il Likud. La sorpresa è il buon risultato del partito arabo “Unita” presieduto da Aymen Odeh che questa volta ha ottenuto ad ora 13 seggi  perché si è presentato unito. Comprende 4 movimenti arabi storici che hanno lavorato fianco a fianco fino all’ultimo minuto per coinvolgere la popolazione araba residente in Israele a votare a favore della loro voce: unità, determinazione, diritti e vera democrazia.

Infatti sono riusciti a passare da 10 a 13 seggi, coinvolgendo tutti: giovani, donne, anziani. Ma bisogna fare ancora di più e far valere i diritti degli arabi che vivono in Israele per raggiungere una convivenza pacifica e serena senza scontri e stress perpetui, dichiara il Fondatore delle Co-mai e l’unione internazionale Arabi 48 (U.I.Arab 48) Foad Aodi, che ha seguito tutta la campagna elettorale insieme ai nostri movimenti e alle comunità arabe e palestinesi in Italia e in Israele.

Il nostro appello alle diplomazie internazionali è di riattivare il processo di pace tra palestinesi e israeliani, due stati e due popoli, e fermare le politiche dei muri e dell’odio nei confronti degli arabi e dei palestinesi in Terra Santa. Inoltre ci rivolgiamo al partito Arabo e al presidente Odeh per aprire una trattativa con il partito Blu e Bianco per alleanze e incarichi governativi, per essere più decisivi da dentro e cambiare l’azione politica e per non rimanere per sempre all’opposizione senza essere ascoltati e poter dare risposte alla popolazione araba e al popolo palestinese, conclude Aodi.

Il capo della Lista araba Unita, Ayman Odeh (Foto di www.bocchescucite.org)

 

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità