• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Media > E se Wikipedia chiudesse veramente?

E se Wikipedia chiudesse veramente?

Per chi non sapesse come funziona Wikipedia lo spiego molto brevemente: in pratica il Wiki è un software, un bacino ad uso "orizzontale" in cui tutti possono inserire informazioni o modificare quelle esistenti. Semplicissimo: io inserisco una voce, un altro la modifica rendendola più veritiera e neutrale, un altro ancora apporta qualche limatura e così via fino ad arrivare ad avere delle informazioni "vere" ed in equilibrio tra le parti.

Come vedete è un progetto fatto dalla gente per la gente e state certi che le voci di Wikipedia che contengono delle informazioni "stabilizzate", ovvero vagliate e modificate, sono informazioni che rappresentano la verità (nel 99% dei casi).

Ora a causa dello sciagurato DDL "ammazza blog" che il Governo vuole portare avanti insieme ai paletti per le intercettazioni, esiste l’opportunità che tutti possano chiedere a chiunque una rettifica su quanto scritto, non in base ad una motivazione oggettivamente valida ma in base alla percezione che si ha nei confronti della notizia stessa: se mi sento offeso chiedo a prescindere la rettifica e se non viene fatta entro 48 ore il proprietario del blog/sito sarà nei guai. E in quel caso posso denunciarlo per mancata rettifica.

Ovviamente appare chiaro che una simile legge manderebbe in pappa tutto il sistema Wikipedia e blogger: basterebbe che Dell’Utri dichiarasse di sentirsi offeso nel leggere che è stato considerato un pregiudicato per aver obbligato Wikipedia a rettificare una informazione vera. Siamo al manicomio.

Wikipedia, quindi, avendo preso atto di questo delirante disegno di legge, avvisa tutti (nella sua homepage) che questo cambiamento metterebbe in crisi non solo Wikipedia stessa ma tutto il sistema informativo italiano:

"Tale proposta di riforma legislativa (…) prevede l’obbligo per tutti i siti web di pubblicare, entro 48 ore dalla richiesta e senza alcun commento, una rettifica su qualsiasi contenuto che il richiedente giudichi lesivo della propria immagine.
Purtroppo, la valutazione della "lesività" di detti contenuti non viene rimessa ad un Giudice terzo e imparziale, ma unicamente all’opinione del soggetto che si presume danneggiato.
Quindi, in base al comma 29, chiunque si sentirà offeso da un contenuto presente su un blog, su una testata giornalistica on-line e, molto probabilmente, anche su Wikipedia, potrà arrogarsi il diritto — indipendentemente dalla veridicità delle informazioni ritenute offensive — di chiedere l’introduzione di una "rettifica", volta a contraddire e smentire detti contenuti, anche a dispetto delle fonti presenti (…) Sia ben chiaro: nessuno di noi vuole mettere in discussione le tutele poste alla salvaguardia della reputazione, dell’onore e dell’immagine di ognuno. Si ricorda, tuttavia, che ogni cittadino italiano è già tutelato in tal senso dall’articolo 595 del codice penale, che punisce il reato di diffamazione".

La scorsa settiana, in una intervista radiofonica al GR1 ho cercato di spiegare in poche parole (minuto 13), perché è considerato folle il fatto che si voglia mettere in pratica questa norma che ucciderà l’informazione dal basso.

Come è scritto sulla pagina di Wikipedia: “In tali condizioni, gli utenti della Rete sarebbero indotti a smettere di occuparsi di determinati argomenti o personaggi, anche solo per non avere problemi"

Vogliamo davvero questo o è arrivato il momento di agire?

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares