• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Home page > Tempo Libero > Redazionali > Donne delegittimate, prive d’identità

Donne delegittimate, prive d’identità

Giornata Nazionale contro la violenza sulle donne.Donne escluse da processi sociali tiranneggiate, considerate bottino di guerra. 

Ieri 25 novembre 2015 il tema torna alla ribalta in tutta la sua drammaticità, specie se si guarda a quanto sta succedendo nel MO, con una jihad, che utilizza le donne come oggetto di godimento, corpi da violentare per poi liberarsene, uccidendole o rimandandole indietro nei villaggi d’appartenenza, perché non più vergini.

La storia dell’umanità è costellata da episodi simili. Basti pensare alla contesa tra Agamennone ed Achille, per il possesso di una schiava. Gli antichi greci, consideravano lo stupro di guerra una regola, e le donne erano dei trofei da esibire dopo una battaglia. Tale atteggiamento continuò nel Medio Evo fino al XIX secolo, quando prevalse la pratica di adottare leggi che preservassero le donne e le proteggessero sia in periodi di guerra che di pace. Le violenze sessuali legate alla guerra, erano un modo per spargere il terrore in campo nemico; stessa cosa che si sta verificando attualmente con la guerra santa condotta dai jihadisti.

Come dimenticare le violenze inaudite durante la guerra dei Balcani, con donne violentate nei campi dello stupro e che diventavano schiave sessuali, o vendute nei bordelli dove stazionavano anche i soldati dell’ONU. Un genocidio senza precedenti che dimostra quanto la violenza sessuale sia una pratica assodata e diffusa. Intenti questi per distruggere la dignità, umiliare, punire il protagonismo delle donne. Donne continuamente abusate, dimenticate, che nel corso della storia ci parlano di quanto siano state sottovalutate in società patriarcali e maschiliste che le voleva obbedienti, dedite alla casa ed alla cura dei figli. Una visione di subalternità che ha scalfito il modello di società preesistente, dopo le rivolte femminili, per affermare una parità non ancora completamente raggiunta e che fa registrare attualmente scarsa propensione ad ascoltare le voci delle donne.

Nell’era della globalizzazione, si è globalizzata la violenza di uomini che hanno dentro di sé la cultura del possesso. Eppure la nostra società pare abbia compiuto passi da gigante dal punto di vista tecnologico, con creazione di macchine robot ,capaci di lavorare al posto degli umani, peccato solo che sul piano reale non riescano ad innescare processi di uguaglianza tra i sessi. Per porre riparo alla piaga del femminicidio sono state varate leggi che dovrebbero tutelare le donne; ma lo fanno solo a metà a causa di sentenze blande e condanne che diminuiscono poi in appello ed ancora in cassazione per compagni e mariti che uccidono senza pietà.

Se ci fossero provvedimenti adeguati ai casi di continua sopraffazione forse molte situazioni non si verificherebbero e quella parità così tanto agognata sarebbe stata da un bel pezzo raggiunta. Le celebrazioni vanno bene, se fatte per mantenere alta l’attenzione su un fenomeno, che adesso riguarda il vissuto di altre donne che vivono in un occidente privo di risposte, incapace di elaborare una cultura per eliminare le discriminazioni con i fatti e non solo a parole. L’esclusione comporta emarginazione, l’emarginazione accettazione di qualsiasi situazione. Si è sempre parlato di donne non protagoniste della loro storia, ma per esserlo ed affrancarsi dalla schiavitù è necessario essere rispettate, capite, amate, valutate per ciò che si è. Di contro le cifre parlano di una disoccupazione crescente che ha investito prepotentemente la fascia femminile, ragion per cui se non si vuol finire come barboni si accetta con rassegnazione la propria condanna e le manifestazioni finiscono per essere parole che al banco dei pegni non si impegnano.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità