• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Con Monti il 59% degli Italiani. Una maggioranza per il presente e, forse, (...)

Con Monti il 59% degli Italiani. Una maggioranza per il presente e, forse, per il futuro

"... dobbiamo riconoscere come Monti non abbia rappresentato la fine della nostra politica, ma,  proprio al contrario, le abbia restituito, dopo due decenni sprecati tra berlusconismo e anti-berlusconismo, un senso".

Chi guardasse alla realtà italiana solo attraverso la rete, sarebbe portato a pensare che il governo Monti sia il peggiore tra quelli che hanno retto fino ad ora le sorti dell’Italia; peggio anche di quello che lo ha preceduto, il cui operato, certo criticatissimo, era comunque difeso da un’agguerrita minoranza di stakanovisti della tastiera.

Contro il Professore, descritto contemporaneamente come feroce comunista e servo delle multinazionali della finanza, si stanno invece scatenando quasi tutti; le critiche gli piovono addosso da destra come da sinistra, anche da chi si riconosce nei partiti che, obtorto collo, dopo averli pesantemente condizionati nei contenuti, hanno votato a favore dei suoi provvedimenti. Per lui, e per i suoi ministri, il nostro sistema informativo ha addirittura riscoperto l’importanza dello stile in politica; polemiche furibonde, in un paese governato fino ad ieri dall’alleanza tra un cabarettista ed un ubriaco da bar, sono state montate attorno a loro singole frasi, magari non troppo felici, citate completamente fuori contesto.

Può sorprendere, dunque, che, stando al sondaggio condotto per Ballarò dall’istituto di Pagnoncelli, il 59% di italiani, nonostante finora non abbia potuto fare altro che imporre loro sacrifici, si fidi di Mario Monti.

Un dato che certo trova una parziale spiegazione nella diminuzione del costo del nostro debito che il suo governo è riuscito ad ottenere: mentre scrivo il differenziale tra il rendimento dei nostri titoli e quelli tedeschi si aggira attorno ai 350 punti e, cosa ancor più rilevante per valutare l’operato di Monti, il differenziale con quelli spagnoli si è quasi annullato, arrivando a 30 punti o meno.

Un risultato ottenuto, prima che con questa o quella misura, dando dell’Italia un’immagine radicalmente diversa e migliore, che dice molto di Monti (oggi a Washington incontrerà Obama,; qualcuno riesce ad immaginarlo mentre racconta barzellette o mendica la comprensione del presidente americano per i propri guai giudiziari?), ma assai poco, ed è quello che sarebbe più importante sapere, di chi componga la maggioranza silenziosa, o che perlomeno non sforna blog, dei suoi sostenitori.

Per comprenderlo dobbiamo riconoscere come Monti non abbia rappresentato la fine della nostra politica, ma, proprio al contrario, le abbia restituito, dopo due decenni sprecati tra berlusconismo e anti-berlusconismo, un senso. Un senso che si è perduto con la fine della prima repubblica, quando una benedetta azione giudiziaria ha spazzato via i nidi di corruzione a cui si erano ridotti i partiti, ma non ha ovviamente potuto cambiare una società che si è trovata senza punti di riferimento. Monti non è certo di sinistra, ma, diversamente dal populismo berlusconiano e leghista, rappresenta una realtà facilmente collocabile dentro gli schemi che sono ancora di tanti italiani. E’ un uomo di destra , più a destra di quanto non lo sia io, che pure di destra mi ritengo; un liberal-democratico di formazione cattolica. E’, detto fuori dai denti, un democristiano: rappresenta quel che avrebbe potuto essere la DC se non fosse caduta nella spirale delle proprie contraddizioni; se fosse riuscita a non farsi corrompere da un cinquantennio di potere ininterrotto e se fosse maturata al punto da liberarsi dalle pretesa di essere un partito confessionale, anacronistica in una società sempre più laica e in un paese in cui affluivano nuovi cittadini di altre religioni.

Gli italiani che ora sostengono Monti sono, semplicemente, quelli che un tempo avrebbero votato per i partiti dell’arco costituzionale; un arco che oggi ha perso le estreme, i reazionari fautori dell’ordine (rigorosamente per gli altri) che, votassero DC o altro, restano abbarbicati al berlusconismo e gli eterni rivoluzionari, più o meno da salotto, che non sembrano mai essere capaci di venire a termini con la realtà, sociale e culturale, del paese in cui vivono.

Monti rappresenta perfettamente solo una minoranza di cittadini, peraltro contenuta solo molto parzialmente nel Terzo Polo, ma è accettabile per tutti quelli, e sono evidentemente la maggioranza, che si riconoscono in quel continuum libera-social-democratico che costituisce il panorama politico di ogni democrazia europea; una maggioranza che, per quanto multiforme, è l’unica abbastanza ampia da sostenere, nel prevedibile futuro come ora, un governo capace di avviare qualunque riforma.

E’ questa la realtà che da tanto fastidio ai più severi critici di Monti; ai leghisti, ai berlusconiani, che già sbavano per i cadreghini persi, e agli oppositori a vita che al fare preferiscono un eterno e completamente irresponsabile sognare.

E’ questo che preferisce ignorare chi si illude, finita l’esperienza di questo governo, di tornare alla pseudo-politica che ci siamo lasciati alle spalle.

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.112) 10 febbraio 2012 11:40

    Se a Monti riuscirà l’operazione di salvare l’Italia da una "crisi greca" è fuor di dubbio che stravincerà politicamente (lui o chi lo sostituirà) e si candiderà a guidare il paese. Così ancora una volta la sinistra, i partiti che si dicono tali (moderati o radicali) e che rappresentano (o ci provano) gli interessi degli strati popolari, rimarranno all’opposizione.

    C’è qualcuno tra la miriade di frequentatori di sinistra di Agoravox che sia in grado di spiegare questo arcano mistero che perseguita la sinistra italiana sin dalle origini?

    Una domanda a Daniel, perché ti consideri di destra? quali valori, idee, concezioni ti portano a considerarti di destra?

    Io mi considero di sinistra perché aborro le gerarchie, l’autoritarismo, l’individualismi insano,sono per l’eguaglianza, la solidarietà, la democrazia e la pace (ma non pacifista).

  • Di Daniel di Schuler (---.---.---.182) 12 febbraio 2012 11:11
    Daniel di Schuler

    Sono prima competitivo che cooperativo tutto lì. 

  • Di paolo (---.---.---.206) 12 febbraio 2012 19:43

    Prima una precisazione Daniel : non c’era il berlusconismo e l’anti berlusconismo ,c’era Berlusconi con quello che ha rappresentato e che è inutile elencare e c’era chi capiva che quest’uomo avrebbe inquinato e portato il paese alla rovina .Gli ismi sono frutto di ideologie ,nel caso specifico non c’entrano .

    Hai ragione nel dire che Monti ha un sostegno etereogeneo (i sondaggi lasciano il tempo che trovano) per lo più riferito ai partiti che hanno un radicamento sociale , ma guarda che anche la Lega che è all’opposizione non rappresenta assolutamente l’orientamento del suo elettorato .
    Chi è convintamente all’opposizione sono proprio gli ismi di destra e di sinistra . Lo sarebbero comunque stati se ci fosse stato un governo di sinistra o di destra rispettivamente.

    Oggi il sostegno a Monti ha due motivazioni principali : è un inedito sganciato dai partiti ed è l’estremo tentativo di salvare il paese dal default(leggi rovina).
    Lo appoggia chi riconosce in Monti una serietà ed una competenza finora mai sperimentata dagli italiani e lo appoggia chi ha convenienza a farlo sia per rifarsi la verginità perduta (PDL)sia per usarlo come trampolino di lancio (terzo polo) ;il PD invece lo deve fare perché deve confermarsi come partito leader . In generale chi ha un minimo di buon senso capisce che non c’erano alternative .

    Sei di destra perché credi nella competizione , ma guarda che anche chi è di sinistra(per usare categorie ormai prive di significato ) non rinuncia alla competizione , però se avviene con regole uguali per tutti .
    Che poi è anche una risposta a xxx.112, uguali devono essere le regole non i risultati delle azioni.
    ciao

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares