• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cronaca > Carcere di Sollicciano: troppe morti sospette

Carcere di Sollicciano: troppe morti sospette

"Come se operasse un Mostro".

Care teste di capra, purtroppo voi che mi seguite da tempo avete sentito nominare quel maledetto carcere duro molte volte. E’ in quel carcere, cella numero 10, reparto B, sezione 4, ove Niki è stato ritrovato morto, lo hanno impiccato nel bagno durante l’ora d’aria. L’ora dove può succedere di tutto. La nostra battaglia al fianco di mamma Ornella è inarrestabile, e sono sicuro che arriveremo alla verità.

Una delle tante verità è che le condizioni delle carceri sono disumane, e ve l’ho spiegato molto bene in quel famoso post dove ci furono anche molte polemiche perché ho osato mettere in discussione il regime carcerario. Poi mi ha fatto piacere vedere che qualche giorno dopo è uscito un bellissimo libro della Davis che si intitola "Aboliamo le prigioni?".

Lei è una militante degli anni 70, e oggi è una studiosa di fama internazionale e ha focalizzato la sua battaglia per abolire il carcere.

Nel suo libro ci spiega molto bene che il carcere è diventato un sistema industriale ove vengono rinchiusi per la maggior parte neri, ispanici, donne tossicodipendenti, persone con problemi mentali. In pratica gli ultimi.

In America è così, come anche nel nostro cosiddetto "Bel Paese".

Se rileggete i dati che tempo fa vi avevo messo a disposizione vi accorgerete come questo nostro Stato ha diverse Guantanamo sparse su tutto il territorio, con le relative morti. Morti poco chiare come suicidi, omicidi, per malattie contratte dentro. In meno di nove anni le morti accertate sono esattamente 1449. E il triste elenco è in continuo aggiornamento.

Ma c’è un dato inquietante che supera qualsiasi statistica e voglio vederci chiaro: a Sollicciano le morti sono aumentate in maniera esponenziale!

Allora vi elenco le morti avvenute nel carcere di Sollicciano nel solo arco di quest’anno che è appena cominciato, osservate bene le date:

M.B. un signore di 60 anni morto il 30/01/2009 impiccandosi alle sbarre di ferro della cella, sfuggendo al controllo degli agenti e del suo compagno di cella, una persona molto anziana che non si è neanche accorta di quello che stava accadendo in quel momento.

Ihssane Fakhreddine un ragazzo morto il 24/04/2009 in circostanze poco chiare. Prima di andare a dormire ha fatto una visita medica e risultava sano, ma non si è più risvegliato.



Samir Mesbah, ragazzo palestinese morto il 27/05/2009, pare che si sia impiccato legando le lenzuola alla finestra della sua cella.

Anna Nuvoloni, donna di 40 anni morta il 12/06/2009, morta in
circostanze poco chiare, pare che si sia strozzata con la mozzarella. E solo ieri è avanzata l’ipotesi di omicidio da parte di una psicolabile. Gli avrebbe con la forza messo la mozzarella in gola per soffocarla. Ma per fortuna noi siamo gente che sa ragionare, e senza che vi dico nulla avrete capito che qualcosa non quadra.

Un ragazza di
27 anni è morta il 7/07/2009 in circostanze poco chiare, dicono un malore visto che non presenta nessun segno. Qualcuno avanza l’ipotesi che si sia inalata il gas della bomboletta. E anche qui siamo gente che ragiona, e non si fanno ipotesi: o c’era il gas, o non c’era.

Care teste di capra tutti morti a Sollicciano in circostanze ancora da chiarire per Ihssane Fakhreddine, Anna Nuvoloni e la ragazza di 27 anni di cui ancora non si sa il nome.

Osservate le date e capirete che c’è un incremento delle morti a Sollicciano, morti che fanno rabbrividire, specialmente le ultime tre. E come se fosse l’opera di un assassino seriale che uccide con una certa regolarità e poi come se non riuscisse più a controllarsi, non si ferma più e comincia ad uccidere a giorni ravvicinati.

Ho voluto fare un paragone di criminologia giusto per farvi capire che adesso è veramente troppo. Quello è un carcere che fa paura, è davvero inquietante.

Allora chiedo con forza le dimissioni del Direttore, e del cosiddetto "garante dei detenuti" Franco Corleone, quello che si è permesso di bollare, senza nemmeno approfondire, come suicidio la morte di Niki.

Per ultimo, chiediamo una ispezione immediata da parte del Ministero Della Giustizia per controllare cosa davvero stia accadendo in quel carcere maledetto.

Dobbiamo fermare questa mattanza!

Commenti all'articolo

  • Di paolo praolini (---.---.---.104) 10 luglio 2009 18:32

    E’ aberrante che dentro una istituzione rieducativa possano accadere questi fatti.
    Ma soprattutto è inaccettabile che il ministero di grazia e giustizia di fronte a questa sequela di incresciosi accadimenti sia così assente.
    Mi associo alla tua richiesta!

  • Di (---.---.---.53) 2 settembre 2012 13:33

    io volevo comunicare che nel carcere di solliciano a firenze si trova un detenuto che gli e stato revocato la detenzione domiciliare ma questo detenuto a un distanziatore esterno a gli arti inferiori e a bisogno di controlli periodici di cui li nn vengono fatti , il nn capisco come il giudice possa tenere un detenuto con una attrezzzo del genere e mi domando come puo entrare un attrezzo del genere ,se quando andiamo ai colloqui ci fanno togliere tutti gli oggetti addirittura nn passa neanche il biberon per fare bere il propio figlio..... chiedo un consiglio su come fare tornare a casa questa persona che poi deve fare solo 4 mesi pero ha molto bisogno di cure che li nn gli danno .... lettera da anonima

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares