• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Berlusconi non si è mai dimesso. Vi spiego perché

Berlusconi non si è mai dimesso. Vi spiego perché

A chi quella sera del 12 novembre scorso ha festeggiato le dimissioni dell’ex Premier Berlusconi vorrei dire: forse non immaginavate e forse non avete ancora compreso bene che, se è vero che le dimissioni sono avvenute ed un governo tecnico oggi siede nelle poltrone del Parlamento, nella realtà dei fatti una regia nemmeno troppo occulta tiene i fili delle sorti Italiane ed ha un nome: Berlusconi.

Già poche ore dopo l’insediamento del nuovo governo tecnico, Berlusconi ed i suoi ebbero modo di dichiarare che, loro, quelli del Pdl, avrebbero potuto “staccare la spina” al Governo Monti quando più lo avessero ritenuto utile e necessario. Che poi – per ora – ciò non sia accaduto, poco male. Ma le parole hanno un senso. Sempre. E solo chi è sordo dentro poi, non ha nemmeno occhi per vedere.

Una conferma del fatto che, pur in una condizione che definirei piuttosto di “sospensione” - e non certo della Democrazia, dal momento che in Italia sappiamo tutti essere solo una menzogna – di un percorso politico che era ed è tutt’ora ai confini della realtà e della fede di milioni di cittadini, ci viene ad esempio, dalla trasmissione “Ballarò” in onda tutti i martedì sera su Rai3.

Nella trasmissione del 13 dicembre infatti, si è potuto assistere ad una conferma del fatto che, se da un lato l’Italia è oggi governata da un pool di tecnici dall’altra è supervisionata dai soliti noti del precedente Governo. Avete presente la situazione della Federazione Russa? Putin “abdicò” in favore di Medvedev, attuale Presidente russo, ma nella realtà dei fatti, ancor oggi ed è palese ormai a tutti, è Putin a tenere le fila della nazione e dei rapporti internazionali.

Lo stesso “giochetto” è ciò che sta accadendo qui da noi. Come scrivevo quindi, proprio durante la puntata di “Ballarò”, che fra gli ospiti ha annoverato il sottosegretario all’Economia Gianfranco Polillo. Fin qui, nulla di male. Il “problema” per gli italiani, è sorto dal momento che – chiamato a spiegare alcuni parametri della manovra Monti – egli ha avuto modo di ammettere di fronte alle telecamere ed che “il governo ha bocciato l’asta per le frequenze televisive perché questo ordinava il patto con Berlusconi”.

E quando l’Onorevole Di Pietro, presente in studio ha chiesto il motivo per cui “non è stata fatta l’asta sulle frequenze televisive” il sottosegretario ha trovato una sola, misera risposta: “Non l’abbiamo fatta perché non l’abbiamo fatta”. “Il patto con Berlusconi”? Ma stiamo scherzando? Questo quindi conferma la strategia delle dimissioni di Berlusconi in tempo utile per non soccombere totalmente ai criteri di una opinione pubblica ormai al limite della sommossa civile.

Conferma la “lettera di intenti” inviata a Bruxelles non per proporre ma per imporre. Conferma inoltre, che piuttosto che operare autonomamente per il bene del Paese e dei suoi cittadini, anche il Governo Monti ha come priorità assoluta le regole della Casta. Ammettere, peraltro di fronte a milioni di telespettatori che sono contribuenti ed elettori, che il Governo attuale ha stretto “patti” con l’ex Premier decaduto per insolvenza nei confronti degli italiani, vuol dire ammettere una qualche sorta di corruzione in atto nel nostro Parlamento.

Tutto ciò con buonapace di noi Italiani, costretti anche adesso a Governo tecnico in corso, a dover subire non solo l’onta di una diseguaglianza esorbitante in tema di misure e pressioni fiscali che determina una volta in più la differenza fra comuni cittadini onesti e ricchi italiani in cerca di maggiori agevolazioni, ma che non toglie mano alla reiterazione di un danno, di un abuso, di una aberrazione: la Politica in italia è solo cosa loro. E spesso, fa rima con “Cosa nostra”.

Che sia Cosa nostra loro, o cosa loro e basta, a noi rimane solo una cosa: la torbida deduzione che in ogni caso, in ogni modo, “loro” avranno sempre ragione. Perfino se sprezzanti delle leggi e delle regole. Quelle stesse leggi e regole che a noi riducono alla schiavitù. A “loro” servono solo a bloccare la Nazione da qualsivoglia legittimo senso della difesa contro uno Stato iniquo e padrone delle vite di tutti noi.

Commenti all'articolo

  • Di Geri Steve (---.---.---.12) 17 dicembre 2011 22:26

    E’ tutto vero, ma non e’ poi tanto sorprendente.

     

    Il punto e’ che -finalmente- e’ caduto il governo Berlusconi e la sua maggioranza si e’ sfaldata, ma il parlamento e’ sempre quello, anzi: pur con gli stessi parlamentari, e’ riuscito a peggiorarsi.

     

    Le soluzioni possibili erano tre:

    1) Sciogliere le camere e andare a nuove elezioni lasciando che continuasse a governare Berlusconi.

    Sarebbe stata una catastrofe di democrazia, di credibilita’ dell’Italia, di economia e di finanza.

    2) Incaricare Monti, che non ottenesse la fiducia e che governasse fino alle elezioni e a un nuovo governo nel 2012.

    Sarebbe stata la soluzione piu’ democratica, ma qualunque cosa facesse, un governo senza fiducia non avrebbe avuto credibilita’ all’estero e il costo degli interessi sull’indebitamento ci avrebbe travolto.

    3) Incaricare Monti che utilizzasse la situazione di crisi per negoziare la fiducia e che quindi governasse con la fiducia del parlamento.

    E’ la strada che e’ stata seguita: se dispiace chiamarla la via migliore, chiamiamola pure " la via meno peggio". 

    Berlusconi, i partitii e il parlamento hanno evidentemente un potere di ricatto, limitato soltanto dal fatto che i parlamentari vorrebbero terminare la legislatura per loro tornaconto e che i partiti non desiderano apparire come gli affondatori del governo "salvatore dell’Italia".

    Monti e il suo governo non hanno gran forza parlamentare, ma hanno la forza che deriva dall’aver ridato un po’ di dignita’ all’Italia e dal poter comunque governare fino alle nuove elezioni in caso di sfiducia, il che ha un certo potere deterrente su tutto il parlamento.

     

    Non e’ una situazione meravigliosa, non e’ certo la situazione che vorremmo, e’ difficile credere che -con quei figuri che sono stati eletti e con il ricatto finanziario- si potesse fare di molto meglio, comunque e’ sbagliato riassumere la situazione attuale affermando che "Berlusconi non si e’ mai dimesso".

     

    Per fortuna nostra non e’ piu’ a capo del governo e non ci tornera’ mai piu’.

    Per nostra sfortuna, il suo potere non e’ annullato, come invece sarebbe desiderabile.

  • Di radi33 (---.---.---.6) 19 dicembre 2011 18:01

    Perfetto Emilia! Analisi precisa! E’ così. Il punto è che stiamo a guardare cosa dicono i soliti imbelli alla televisione e la maggioranza dei nostri concittadini pensa ora ai regali di natale ed a capodanno. Tutto è calcolato, pensato e ponderato. Ma non sbaglieranno mai? Ma saremo sempre così fessi? E se esagerassero un pochino e fossimo un pochino meno fessi... ciao.

  • Di (---.---.---.242) 29 dicembre 2011 02:35

    Come siamo combinati male,..... quello che ci fa incazzare di piu e il fatto che tra i primi responsabili su tutto quello che ci sta succedendo ora .... .la e colpa nostra,e ancora non ne siamo pienamente consapevoli. purtroppo,siamo portati a personificare i problemi fuori di noi. Per troppo tempo abbiamo giocato a chi mandare ad amministrarci,pur sapendo chi erano.....Che ingenui..pensavamo che 2 piu 2 domani potesse fare 5....o ipocriti.E il peggio e che sembriamo tutti ipnotizzati o addormentati ,e il meglio che sappiamo fare e dare la colpa a qualcuno,...... ad personam. Ma e cosi difficile COMPRENDERE che finche siamo divisi , LORO ci fanno,DIVIDILI E LI COMANDI ,...... che fessi che siamo.......E poi facciamo pure la parte di quelli che capiscono tutto,ma continuiamo a fare sempre il loro gioco......P.S. Sarebbe un utopia o un miracolo,vedere domani un governo fatto dai MIGLIORI politici,di tutti i partiti, sedere intorno allo stesso tavolo,.....e non mi si dica che non e possibile,tanto un precedente ce ... questo governo. purtroppo non per intenti in comune ma per obbligo.Che bel GOVERNO sarebbe se i criteri di selezione fossero come quelli calcistici,i migliori dell INTER,i migliori del MILAN,i migliori della JUVE,i MIGLIORI POLITICI............Che bravi che siamo quando dobbiamo formare la squadra della Nazionale di Calcio,sulle Palle non ci frega nessuno perche usiamo il cuore,in politica invece usiamo la tasca,e li ci colpiscono............... 

  • Di (---.---.---.242) 29 dicembre 2011 02:38

    N.B. secondo il mio punto di vista, berlusconi ha solo passato il CAMPANELLO a monti.A buon intenditore poche parole......ciao 

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares