• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Carcere: appello per Roberto Covertera, anche Ristretti Orizzonti in (...)

Carcere: appello per Roberto Covertera, anche Ristretti Orizzonti in sciopero della fame

Roberto Covertera è un ergastolano recluso nel carcere di Padova. Ha un doppio passaporto, italiano e dominicano ed è stato condannato per omicidio. Roberto si è sempre dichiarato innocente di fronte a questa accusa e, recentemente, il suo coimputato nel processo ha ritrattato la propria testimonianza, assumendosi la responsabilità del delitto.

Roberto attende la revisione del processo ma i tempi della giustizia italiana sono lunghi, lunghissimi e lui non ce la fa ad aspettare. Ha iniziato così un nuovo sciopero della fame e della parola. Si dichiara pronto morire, per affermare la sua innocenza, fino alla fine.

La redazione di Ristretti Orizzonti, di cui Covertera fa parte, ha deciso di sostenere la sua lotta e di portare il caso all’attenzione di tutti, con un appello rivolto al Ministero della Giustizia, al DAP e agli Stati Generali dell’esecuzione della pena. Come gesto di solidarietà, anche la redazione entrerà in sciopero della fame, il prossimo 30 settembre. Riportiamo qui di seguito il testo dell’appello.

 

All’attenzione del Ministro della Giustizia, Andrea Orlando

 

All’attenzione del Capo del DAP, dottor Santi Consolo

 

All’attenzione degli Stati Generali dell’esecuzione della pena

 

In sciopero della fame con Roverto, per una Giustizia che apra sempre alla speranza

 Roverto Cobertera è un ergastolano, e anche un redattore di Ristretti Orizzonti, e ha deciso di morire. Vuole morire perché ritiene di essere stato “massacrato” dalla Giustizia italiana, che lo ha condannato all’ergastolo per un omicidio, che lui sostiene di non aver commesso. E questo ora lo dice anche il suo coimputato, che si è assunto tutta la responsabilità per quel reato. Roverto non è un “innocente”, no, lui non ha mai negato di aver commesso dei reati, ma non è un assassino. E noi gli abbiamo creduto non per un eccesso di fiducia verso un amico, ma per la forza della sua rabbia, per il dolore e il senso di desolazione che porta con sé, perché non si rassegna e preferisce morire per riaffermare la verità.

Sappiamo benissimo che ci diranno che uno sciopero della fame della redazione di Ristretti Orizzonti non serve a nulla e forse non aiuta neppure Roverto a trovare la forza di combattere contro una Giustizia spesso poco umana, ma questo sciopero lo vogliamo fare ugualmente, proprio per aiutare tutti a provare a immaginare l’impotenza che si prova a venir condannati ingiustamente e non avere gli strumenti per difendersi.

Il nostro sciopero della fame sarà anche simbolico, ma ha degli obiettivi chiari e concreti:

- in carcere nessuno deve più morire di disperazione, ci vuole attenzione e capacità di dar voce a chi sta male o ritiene di aver subito un’ingiustizia. Vi ricordate la telefonata del Ministro Annamaria Cancellieri per “salvare dal rischio suicidio” una persona amica di famiglia? Allora il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria disse che la sofferenza dei detenuti e delle loro famiglie deve avere risposte immediate, parlò di una linea telefonica dedicata, un Centro di ascolto, una specie di Osservatorio a cui si potessero segnalare i casi critici e avere indicazioni e aiuto. Se ne è più fatto nulla? A noi sembra di no, ma non è mai troppo tardi, è ora di occuparsi della sofferenza in carcere, di monitorare le persone in sciopero della fame, di non abbandonarle;

- Roverto Cobertera deve avere una revisione del processo, con tempi certi e non disumani, perché se poi risulta che una persona è davvero innocente, c’è urgenza di FARE IN FRETTA a salvarla;

 - questa lotta disperata di Roverto sia occasione per ricordare che l’ergastolo è una pena disumana SEMPRE, anche quando comminata a una persona sicuramente colpevole; se poi ci sono dei dubbi, se una persona si dichiara con forza innocente e lotta per dimostrarlo, se una persona davvero lo è, allora quella pena diventa un orrore che nemmeno riusciamo a immaginare. Quando Roverto ci dice “Voi non potete capire cosa vuol dire avere un “fine pena mai’ per un reato di cui non sono responsabile” noi gli rispondiamo che ha ragione, una mente umana non può neppure concepire una simile mostruosità;

- se ci dicono che è difficile trovare alleati per uno che è “nero e cattivo”, noi rispondiamo che non abbiamo paura di una società incattivita che per ogni fatto di cronaca sa urlare solo “in galera, in galera!”. Siamo anzi sicuri che, se si va, come facciamo noi, nelle scuole e nei quartieri a parlare di reati e di pene in modo nuovo, le persone cominciano a capire che nessuno è “totalmente e sicuramente” buono, e nessuno può illudersi di non essere mai toccato dal male. Roverto ha una storia che va raccontata con coraggio: non è un “buono”, non è “senza colpe”, ma merita rispetto e una pena giusta;

- ma la storia di Roverto è anche una storia di affetti negati dal carcere: lui ha retto per anni il peso di un ergastolo ingiusto proprio per la famiglia, per quelle sue figlie bambine che lo cercavano e lo aiutavano a stare al mondo. Ma ora le figlie sono lontane, vivono in Spagna, la famiglia arranca, e quel rapporto di affetto tra padre e figlie non si può salvare con una miserabile telefonata di dieci minuti a settimana, dove un padre dopo tre minuti deve dire alla figlia “Basta, passami tua sorella”, e deve anche sentirsi addosso l’urlo di rabbia della bambina: “Papà ti odio, non puoi avere tanta fretta e non volermi parlare più!”;

- per Roverto e per tutte le persone detenute allora chiediamo che la parola, ormai abusata, “umanizzare”, riferita alle galere, si traduca in fatti. Ci sono al lavoro già gli Stati Generali dell’esecuzione della pena, c’è in Commissione Giustizia una proposta di legge per gli affetti delle persone detenute, noi vogliamo ricordare anche a loro che il primo, fondamentale fatto è: che ogni detenuto possa chiamare al telefono la sua famiglia LIBERAMENTE. Forse, se questo fosse possibile, oggi Roverto, ma anche tanti altri che pensano a togliersi la vita in carcere, desidererebbero un po’ meno morire e avrebbero tra le mani un filo sottile per restare attaccati alla vita. 

Per tutti questi motivi, e primo fra tutti perché vogliamo che Roverto viva, il 30 settembre faremo uno sciopero della fame per ricordare che non ci deve più essere una Giustizia, non ci deve più essere un carcere che creino DISPERAZIONE.

 

La redazione di Ristretti Orizzonti

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità