• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > A questo punto il Cavaliere cerca il governo tecnico

A questo punto il Cavaliere cerca il governo tecnico

Non lo ammetterà mai. Ma da settimane il Cavaliere lavora ad un piano B da far scattare al momento più opportuno. Un progetto che gli permetta di uscire dall’angolo e gli consenta di raggiungere uno dei due risultati a cui sta lavorando: la propria ricandidatura alle prossime elezioni politiche o l’imposizione a palazzo Chigi di un suo prescelto, Angelino Alfano o (perché no?) sua figlia Marina Berlusconi. Scenari per adesso fantascientifici nella mente di molti ma a portata di mano per un uomo che i limiti è abituato ad abbatterli

I sondaggi danno il Pdl in picchiata, l’alleato leghista è sempre più riottoso, il referendum sul porcellum potrebbe far esplodere la coalizione di governo, l’incontro tra terzo polo e Pd rischia di concedere una vittoria al fronte progressista sia che le prossime elezioni politiche si tengano nella primavera del 2012 sia che si svolgano nel 2013. E allora che fare?

La situazione impone un colpo di reni, una pensata da fuoriclasse pari a quella che portò Silvio Berlusconi a salire sul predelino della sua auto provocando la nascita del Pdl, primo partito italiano ed indiscusso vincitore delle scorse elezioni politiche.

In questo caso il colpo da maestro a cui il Cav sta lavorando sotto traccia sarebbe un governo tecnico sostenuto da Pd, terzo polo e frange del Pdl, che si potragga fino al 2013, apparentemente ostile alla sua figura ma in fin dei conti congeniale ai suoi disegni. L’operazione presenterebbe molti vantaggi. Provocherebbe un’uscita di scena temporanea del Cavaliere che avrebbe tempo per leccarsi le ferite, riorganizzare le idee e le strategie da utilizzare nei molti processi in cui è coivolto. E soprattutto gli consentirebbe di sottrarsi alla morsa mediatica che non gli da tragua da due anni a questa parte.

Dismessi i panni di San Sebastiano, il Cav avrebbe tutta la lucidità per comprendere quello che è accaduto fino ad adesso e organizzare la controffensiva. Al contempo il nuovo scenario farebbe emergere i molti esponenti politici, non completamente fedeli all’attuale Presidente del Consiglio che adesso come un domani rappresenterebbero una zavorra per la compattezza del fronte berlusconiano. Coloro che, provenendo dal Pdl, sostenessero l’eventale nuovo esecutivo, si giocherebbero irrimediabilmente la possibilità di essere candidati alle elezioni del 2013, liberando allo stesso tempo preziosi posti in lista.

Nell’anno e mezzo in cui il governo “ribaltonista” si trovasse a governare, le forze politiche disposte a sostenerlo (pincipalmente Pd, Terzo polo, e fuoriusciti del PDL) sarebbero oggetto di una immane campagna deligittimatoria da parte del duopolio Rai – Mediaset che farebbe in parte dimenticare i fallimenti del passato esecutivo dando la possibilità a Pdl e Lega di ricostrursi una nuova verginità in vista delle elezioni che comunque vada, si terranno nel 2013.

L’esecutivo di transizione si troverrebbe ad affrontare il passaggio delicato del referendum elettorale, ed allo stesso tempo dovrebbe assumere decisioni impopolari come la riforma delle pensioni o l’istituzione di una tassa patrimoniale per arginare la crisi economica, togliendo le castagne dal fuoco all’attuale compagine governativa che per i vari veti incrociati fino ad adesso in tal senso ha fatto poco o nulla.

Nella mente dell’attuale premier, il “governo dei migliori” dovrebbe essere abbastanza diviso per non governare e capace di varare, spinto dalle necessità, provvedimenti ammazza consensi di cui sopra. Allo stesso tempo dovrebbe mostrarsi eterogeneo e disunito per parlare un linguaggio incomprensibile agli italiani. Qualora ci riuscisse potrebbe varare una nuova legge elettorale (perché il Cavaliere se è messo nelle condizioni di vincere, vince con qualsiasi sistema elettorale).

In sostanza il nuovo esecutivo dovrebbe essere simile all’ultimo governo Prodi. Dovrebbe ricordarne il fallimento e dovrebbe divenire il simbolo di quello che gli italiani si troverebbero di fronte qualora un fronte eterogeneo e accomodato di sinistra andasse unito alle urne, e si ritrovasse a governare.

Andando alle elezioni con un governo, non direttamente espressione del risultato elettorale del 2008, nel 2013 Silvio Berlusconi avrebbe solamente da guadagnarci: perché la retorica del complotto e della congiura di palazzo, amplificata dai mezzi d’informazione, paga sempre. Un po’ come succese nel 1996 dopo il governo tecnico di Lamberto Dini. Quando Romano Prodi vinse per pochissimi voti le elezioni contro il Cavaliere, non sulla scia del fallimentare esperimento del primo governo berlusconiano, ma perché Bossi si sfilò dalla coalizione di centrodestra. Se la Lega avesse optato anche in quella tornata per l’alleanza con Forza Italia ed An forse non ci sarebbero stati i governi dell’Ulivo.

Se il Cavaliere venisse accontentato nel veder nascere un governo tecnico, le elezioni del 2013 potrebbero riservare clamorose sorprese per il fronte progressista. Complicando l’elezione del prossimo Presidente della Repubblica.

A quel punto infatti il Cavaliere potrebbe rischiare di rivincere le elezioni e decidere di giocarsi con più chance le carte che gli rimangono nel mazzo.

Potrebbe optare per Palazzo Chigi o per il Quirinale, oppure potrebbe imporre a capo del governo una persona a lui vicina che gli curi, dalla plancia di comando, gli interessi delle aziende, lasciando che diventi Capo dello Stato il suo fido Gianni Letta.

Per questo motivo l’attuale opposizione, pur essendo consapevole che un governo tecnico potrebbe completare la transizione italiana, non dovrebbe paventare il sorgere di una nuova maggioranza da qui al 2013. Finirebbe per fare il gioco di Silvio Berlusconi, facendolo risorgere politicamente, e legittimandolo a provare il governo del paese per l’ennesima volta, in nome della “legislatura mutilata” dall’ennesimo ribaltone.

Il bandolo della matassa è nelle mani di Pierluigi Bersani dica con chi sta e con quali forze vuole proseguire il suo cammino. Incominci con loro la campagna elettorale che in Italia è iniziata da un pezzo e non tentenni più in soluzioni temporanee che hanno il solo merito di ridare fiato a colui che fino ad adesso ha badato a tutto fuorché all’interesse del paese.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares