• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cronaca > Tagli Pensioni alle vittime delle leggi razziali | Indecentissimo. E (...)

Tagli Pensioni alle vittime delle leggi razziali | Indecentissimo. E squallidissmo

AGGIORNAMENTO: Arrivata la smetinta del Governo dopo le proteste: qui

 

di Nino Lisi (*)

Il governo ha eliminato la modesta pensione assegnata (dal 1955) a coloro – in maggioranza ebrei – che subirono persecuzioni fasciste

Per favore, se vi è un superlativo più forte di indecentissimo suggeritemelo: mi serve per qualificare il provvedimento con il quale – ahimè – il nostro Governo ha eliminato la modesta pensione assegnata sin dal 1955 a coloro (in maggioranza ebrei) che avevano subìto persecuzioni fasciste. Era un piccolo, modesto segno del doverosissimo riconoscimento da parte dello Stato di aver compiuto un orrendo crimine ai danni di propri cittadini, in nome di un’aberrante ideologia razzista. Ed è stato eliminato proprio in un periodo in cui razzismo e antisemitismo rigurgitano da più parti; è stato eliminato nell’ambito della spending review come se si trattasse di uno spreco!

Incredibile. Per favore, se esiste un superlativo più forte di squallidissimo suggeritemelo: mi serve per qualificare chi è stato capace di un’idea così meschina e chi le ha dato seguito non trovando in se stesso la forza di rifiutarsi di redigere quel provvedimento inqualificabile. Ma chi sono costoro? Hanno idea di cosa sono state le leggi razziali? Evidentemente no. Ma non hanno scusanti; mai come in questo caso l’ignoranza non è ammissibile, non può essere una giustificazione. Si informino, si documentino da chi c’era.

Io c’ero. Io ho sentito che ai bambini ebrei della mia stessa età era proibito andare a scuola. Sei ebreo? Non hai diritto di imparare a leggere, scrivere e far di conto. Io l’ho vista – e mi si è impressa nella memoria – una bambina ebrea, calzini bianchi nelle scarpette di vernice nera e una gonna a campana, attraversare il cortile del palazzo n 33 di Piazza della Borsa a Napoli, in cui abitavo. Con una cartella nella mano destra si recava a lezione privata da Ivonne, una giovane ebrea con la licenza magistrale, amica di mia madre, che le faceva scuola. Dalla mia finestra al terzo piano non ne vedevo l’espressione del volto, ma l’incedere lento e la rigidità del corpo, il capo fermo rivolto sempre e solo davanti manifestavano tristezza e paura. Era tutto il suo corpo a denunciare questi sentimenti.

Io li ho visti tanti  negozi sostituire le insegne che recavano un nome ebreo. Sei ebreo? Ti devi nascondere! Sei ebreo? Non puoi fare l’avvocato, né il medico, né l’ingegnere. Fin quando non è arrivato il momento in cui si è detto: «Sei ebreo? Non hai diritto di vivere». E ne sono stati e state uccisi e uccise sei milioni. Tra di essi 9 persone di 11 che io conoscevo perché amiche di mia nonna, di mia zia, di mia madre e di mio padre.

Nella loro casa ho passato a giocare la gran parte delle mattinate della mia infanzia, poiché abitavano al primo piano nella mia stessa scala; una si chiamava Iole (ma per me era “mamma giù”) un’altra persona si chiamava Amedeo (ma per me era “babbo giù”), una Ivonne (ma per me è stata Tatita per tutta la vita), un’altra Elda (per me Ndindina) e poi Aldo, Sergio, Milena, Loris, Renato e i due ultimi nati di cui non ricordo il nome, che forse non ho mai conosciuto.

Il 4 dicembre del 1942, il giorno dopo il primo bombardamento “a tappeto” delle fortezze volanti statunitensi a Napoli, scappammo insieme con lo stesso tram per andare a prendere la Circumvesuviana e “sfollare” nei paesi ai piedi del Vesuvio. Ma le bombe ci raggiunsero anche lì. Allora i nostri anici ebrei pensarono di trasferirsi in Toscana (madre e padre erano fiorentini) e fu la loro rovina. In una retata delle truppe tedesche furono catturati tutti, tranne Ivonne, Renato e Sergio..Sergio chiese ad un amico “ariano” di portare ai congiunti in carcere un cambio di biancheria. I soldati tedeschi capirono che qualche ebreo era scampato al rastrellamento e fermarono l’«ariano» facendo sapere che lo avrebbero rilasciato solo quando l’ebreo scampato si fosse presentato. Fu così che Sergio dette un bacio alla moglie Ivonne e al figlio Renato e raggiunse i parenti insieme ai quali fu messo in un vagone piombato e avviato a un viaggio che si concluse nel camino di un forno crematorio.

Dopo la guerra incontrai nuovamente Ivonne e Renato dai quali ho appreso quel che era accaduto dopo il congedo ai piedi del Vesuvio. E ho assistito alla loro immane fatica di riprendere a vivere portandosi dentro una caverna scavata dal dolore. Ecco io ho vissuto tutto questo, ne sono testimone.

Perciò non riesco a trovare parole sufficientemente efficaci per esprimere la mia rabbia per questo provvedimento governativo – niente di meno che un’infamia – ed il mio disprezzo per chi lo ha ideato e per chi non si è rifiutato di redigerlo.

(*) ripreso da www.articolo21.org

https://www.articolo21.org/2018/10/...

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità