• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Istruzione > Violenza contro i professori. Facciamoci qualche domanda...

Violenza contro i professori. Facciamoci qualche domanda...

Sono uno studente di V ginnasio, vivo cinque e più ore al giorno dal lunedì al venerdì in una scuola; da quando sono entrato alla materna fino alle superiori i miei genitori mi hanno sempre insegnato una cosa: gli insegnanti sono tali perché hanno studiato e hanno precisi doveri, di onestà, trasparenza e di tramandare la cultura e formare il futuro, doveri che portano a compimento sempre con il massimo impegno; chi non svolge così il proprio lavoro, non è un insegnante. Eppure quello che ho letto nei giorni scorsi mi ha fatto un attimo rabbrividire...

“La Repubblica”, 24 marzo 2011, pagina 29. Titolo:

La rivolta dei prof contro i genitori, «Basta aggredirci per i voti dei figli»”.

Subito ho pensato a diverse cose ma, anche nella mia esperienza di studente, mai avrei immaginato quanto poi ho letto nell’articolo. Vediamo velocemente alcuni fatti:

  • Liceo classico Parini, Milano: due insegnanti hanno chiesto il trasferimento e altri tre si dicono pronti a farlo per gli insulti subiti dai genitori dei loro alunni durante i colloqui.
  • Scorso febbraio, scuola elementare Sorelle Agazzi, Milano: la preside finisce in ospedale dopo essere stata picchiata dalla mamma di un bambino di nove anni che aveva il simpatico vizietto di lanciare sedie dalla finestra; la colpa della preside? Non saper gestire lo studente, e quindi giù con le botte.
  • Scuola elementare Paolo VI, Roma: una maestra di un alunno sospeso insieme ad altri tre studenti per aver costretto un’altra compagna a spogliarsi (da notare che siamo in una scuola elementare...) è minacciata dalla madre di questo alunno.
  • Scorso giugno, Napoli, scuola media Sant’Alfonso dei Liguori: la preside viene pestata dai genitori che avevano saputo dell’avvenuta bocciatura del figlio.
  • Ostia, i parenti di una studentessa di scuola media aggrediscono un’insegnante che aveva rimproverato una ragazza che aveva chiamato “balena” una compagna disabile.

Ora, man mano che andavo avanti a leggere questi episodi mi sembrava di vivere in un’altra dimensione... ma dove? Ma stiamo scherzando? Genitori che difendono i figli ad oltranza, che aggrediscono con parole, insulti e soprattutto con le mani i professori? Ma siamo diventati degli emeriti cretini?

Vediamo i casi uno per uno, molto velocemente, giusto per focalizzare l’attenzione:

  • Liceo Parini. Un unico commento, detto da me, studente proprio di un liceo classico: se tuo figlio è un asino, cerca di dare una svegliata al pargoletto, non certo all’insegnante che ha fatto il proprio dovere, avvisandoti che stai crescendo una bestiola ragliante.
  • Elementari Sorelle Agazzi. Questo lancia sedie dalla finestra e la colpa è della preside? Forse sarebbe stato meglio provare a lanciare la madre dalla finestra... chissà che avrebbe capito qualcosa in più.
  • Elementari Paolo VI. Siamo in delle scuole elementari. Penso basti questo a farci capire dove stia andando il nostro futuro se dei bambini delle elementari obbligano una compagna a spogliarsi.
  • Media Sant’Alfonso. Come sopra, se tuo figlio è un asino, è un asino.
  • Ostia. Forse avrebbero capito qualcosa in più della vita se avessero avuto una figlia disabile...forse però.

Di fianco a questo articolo c’erano due colonne di consigli per professori e genitori per evitare questi episodi; già il fatto che un giornale debba pubblicare questi consigli è scandaloso in un Paese evoluto (o che come tale si presenta) come il nostro. La cosa che però mi ha letteralmente lasciato senza parole è stato l’ultimo consiglio per i genitori... riporto testualmente:

“Non spingere l’insegnante in un angolo, non urlargli in faccia “hai rovinato mio figlio”, non prenderlo a botte”.

Ma dico... serve un giornale per ricordare questa cosa? Serve un giornale per ricordarci che la libertà finisce dove inizia quella del mio prossimo? Serve un giornale per ricordarci che è assurdo, oltre che reato, prendere a botte un insegnante perché ha bocciato il figlio o l’ha richiamato? Dunque è questo l’esempio che viene dato a noi giovani? Serve un giornale per dircelo?

Se la risposta è sì allora io comincerei a preoccuparmi... seriamente.

Cari ragazzi, cari studenti, cari genitori e cari adulti... forse è ora di iniziare a farsi qualche domanda.

Chissà mai che troviamo anche una qualche risposta.

I commenti più votati

  • Di paolo (---.---.---.159) 29 marzo 2011 19:54

    Nella mia prima breve esperienza di insegnante in un liceo scientifico presi a calci nel sedere (calci veri! ) un’imbecille noto per le sue bravate ai danni degli insegnanti . Era verso la metà degli anni settanta . Gli feci male (anche nel morale)al punto che per giorni non si fece più vivo , in seguito ,almeno con me , si stabili’ un rapporto corretto . Se oggi un’insegnante facesse una cosa del genere non solo verrebbe licenziato in tronco ma penso che si beccherebbe una denuncia per percosse ,trauma psicologico ,danni biologici e finirebbe alla gogna in televisione .Allora non venne nessuno a protestare nè la Preside ritenne di convocarmi per chiarimenti .

    Il mio esecrabile comportamento mi convinse a lasciar perdere . Vedo , leggendo l’articolo , che da allora la situazione è radicalmente cambiata e si è spalmata su scuole di ogni ordine e grado .
    Ho l’impressione che sia la conseguenza della inesorabile crisi del ruolo dell’insegnante . Le scuole sono diventate diplomifici e guai se l’insegnante si permette di ostacolare l’ascesa culturale del pargolo , ci mancherebbe altro .Credo che la Gelmini avrebbe dovuto mettere proprio l’insegnante come pietra miliare della riforma e invece ... Boh! . Un’articolo che fa riflettere. 

    ciao


Commenti all'articolo

  • Di pint74 (---.---.---.204) 29 marzo 2011 18:24
    pint74

    Che domande vuoi che si facciano simili esempi di "cultura" del ceto medio?Abbiamo subito un’involuzione probabilmente a causa del mezzo di cultura preferito dalla gente,la TV. L’unica cosa che capisce quel genere di persone,potremmo definirlo il volgo, è la violenza. Sono forti con i deboli e deboli con i forti. Anzi,direi deboli,servizievoli e lecchini con i forti. Nota che hanno abbassato i livelli di difficoltà delle scuole nell’ultimo decennio. Se continua così risaliamo sulle piante ed accendiamo i fuochi con le pietre.

  • Di pint74 (---.---.---.204) 29 marzo 2011 18:26
    pint74

    P.s Il problema che descrivi è purtroppo generalizzato in Italia... Non c’è scuola che non abbia problemi o genitori che difendano a spada tratta comportamenti ,da parte del pargolo,indifendibili. Pensa che bel futuro abbiamo quando il pargolo potrà fare una x sul certificato elettorale...

  • Di paolo (---.---.---.159) 29 marzo 2011 19:54

    Nella mia prima breve esperienza di insegnante in un liceo scientifico presi a calci nel sedere (calci veri! ) un’imbecille noto per le sue bravate ai danni degli insegnanti . Era verso la metà degli anni settanta . Gli feci male (anche nel morale)al punto che per giorni non si fece più vivo , in seguito ,almeno con me , si stabili’ un rapporto corretto . Se oggi un’insegnante facesse una cosa del genere non solo verrebbe licenziato in tronco ma penso che si beccherebbe una denuncia per percosse ,trauma psicologico ,danni biologici e finirebbe alla gogna in televisione .Allora non venne nessuno a protestare nè la Preside ritenne di convocarmi per chiarimenti .

    Il mio esecrabile comportamento mi convinse a lasciar perdere . Vedo , leggendo l’articolo , che da allora la situazione è radicalmente cambiata e si è spalmata su scuole di ogni ordine e grado .
    Ho l’impressione che sia la conseguenza della inesorabile crisi del ruolo dell’insegnante . Le scuole sono diventate diplomifici e guai se l’insegnante si permette di ostacolare l’ascesa culturale del pargolo , ci mancherebbe altro .Credo che la Gelmini avrebbe dovuto mettere proprio l’insegnante come pietra miliare della riforma e invece ... Boh! . Un’articolo che fa riflettere. 

    ciao


Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares