• domenica 20 aprile 2014
  • Agoravox France Agoravox Italia Agoravox TV Naturavox
  • Fai di AgoraVox la tua homepage
  • Contatti
AgoraVox Italia
  Home page > Attualità > Mondo > Traiettorie sociologiche: Ma la dottrina Bush è davvero tramontata?
di Traiettorie Sociologiche (sito) mercoledì 8 settembre 2010 - 0 commento oknotizie
50%
Articolo interessante?
 
50%
(2 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

Traiettorie sociologiche: Ma la dottrina Bush è davvero tramontata?

di Giovanni De Notaris

Ha da poco aperto un suo profilo sul social network “Facebook” con tanto di Inaugural Address, ha ricevuto da Barack Obama l’incarico, assieme al suo predecessore Bill Clinton, di occuparsi della gestione degli aiuti a Haiti, gira il mondo tenendo conferenze; insomma il vecchio W. o “Dubya”come lo chiamano laggiù nel profondo e arido Texas non sembra voler fare come gli altri presidenti suoi predecessori, che dopo il termine dei loro mandati sono praticamente scomparsi dalla scena mondiale tranne brevi apparizioni istituzionali. George W. Bush non può ancora essere considerato un personaggio di secondo piano nell’agenda geopolitica mondiale. Per alcuni è stato un flagello dell’umanità, per altri ha rappresentato un vero e proprio cambiamento necessario per ridefinire le nuove relazioni globali del XXI secolo dall’11 settembre 2001 in poi.

Di lui si sa praticamente tutto o così almeno pare. Molti lo ritengono uno stupidotto come Oliver Stone nel suo film documentario (Stone, 2009), ma in realtà non è proprio così. Bush ha determinato le scelte della sua Amministrazione sia in politica estera che in politica interna. Si è chiaramente fatto guidare o consigliare in alcune scelte da Condoleeza Rice, Donald Rumsfeld o Dick Cheney, ovviamente in bene o in male, ma d’altra parte quale presidente non lo ha fatto. Non si dovrebbe però dubitare della sua onestà quando diceva, e davvero ci credeva, dall’11 settembre in poi, di voler diffondere la democrazia in paesi corrotti come ad esempio quelli mediorientali.
 
Poi tutto è andato come è andato. Un tragico calo di consenso internazionale, le campagne d’Afghanistan prima, d’Iraq poi, che per quanto attiene la prima non si parla di un probabile ritiro se non prima della fine del 2011; il mai dimenticato disastro dell’uragano Katrina, che ha annientato la vita gioiosa e allo stesso tempo tragica di New Orleans, dove il presidente è stato accusato di aver sottovalutato il trauma che l’uragano poteva portare in quelle zone; per concludere con il tracollo del sistema economico americano, con gli scandali delle banche e la crisi del settore automobilistico. E fin qui la storia è ben nota.
 
Ma Obama, il primo presidente afroamericano della storia a stelle e strisce, ha davvero cambiato le carte in tavola? Ha davvero dato una sterzata alla politica estera americana? Oppure ha continuato nel solco tracciato dal suo predecessore?
È d’obbligo partire dall’ormai famosa guerra al terrore globale. Bush aveva i suoi motivi per farla e qui poco importano, ma Obama che aveva promesso un cambio di rotta in politica estera durante la campagna elettorale, ha davvero mantenuto la promessa?
 
Sorvolando sul contesto iracheno dove le truppe sono state ritirate da poco, nel contesto afghano invece parrebbe che egli sia più determinato del suo predecessore a restare e a portare avanti la missione di liberare il paese dai terroristi e dargli definitivamente una situazione politica stabile; cosa più che giusta. È lì che l’America fin dall’Amministrazione precedente si gioca tutta la sua credibilità internazionale, quindi è giusto che il giovane presidente porti avanti il processo di nation building cominciato da Bush.
 
Una piccola differenza però è che Obama, a differenza di Bush che con gli anni ha diminuito la sua presunzione unilateralista, tentando più volte un’intesa con gli alleati, non si è mostrato come al suo solito così tanto bonario e disponibile con gli altri partner della NATO che hanno le proprie truppe schierate sul posto. Egli ha presentato la sua strategia e ne ha messo al corrente i suoi alleati senza consultarsi prima con loro e cioè come sarebbe stato giusto proprio in virtù dei sacrifici anche in vite umane che le altre nazioni coinvolte stanno facendo. Tutto questo ricorda un po’ il primo Bush.

pagina successiva >>



di Traiettorie Sociologiche (sito) mercoledì 8 settembre 2010 - 0 commento oknotizie
50%
Articolo interessante?
 
50%
(2 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

Lasciare un commento


(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione : questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell’articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista… Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l’articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere :

  • I nuovi iscritti
  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L’autore dell’aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.

Pubblicità

Pubblicità

Sondaggio

Dal palco del V-Day Beppe Grillo ha proposto di indire un referendum per uscire dall’Euro. Secondo voi


Vota

Palmares

Pubblicità


  • Groupe Agoravox sur Facebook
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox Mobile

AgoraVox utilizza software libero: SPIP, Apache, Debian, PHP, Mysql, FckEditor.


Sito ottimizzato per Firefox.


Avvertenza Legale Carte di moderazione