• giovedì 17 aprile 2014
  • Agoravox France Agoravox Italia Agoravox TV Naturavox
  • Fai di AgoraVox la tua homepage
  • Contatti
AgoraVox Italia
  Home page > Attualità > Società > Traiettorie Sociologiche: ma gli alieni sognano gamberi elettrici (ovvero (...)
di Traiettorie Sociologiche (sito) venerdì 9 ottobre 2009 - 0 commento oknotizie
13%
Articolo interessante?
 
87%
(8 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

Traiettorie Sociologiche: ma gli alieni sognano gamberi elettrici (ovvero su District 9)

di Adolfo Fattori

District 9 (USA, 2009) di Neill Blomkamp è una di quelle pellicole che esaltano la moltiplicazione delle tecnologie video: è fatto di spezzoni realizzati con videocamere home, telecamere, cineprese, telecamere a circuito chiuso (di quelle per la sorveglianza), e il risultato è un montaggio concitato, veloce, molto realistico, straniante. Il regista, mescolando gli strumenti, mescola i formati – dal documentario, alla ripresa amatoriale, al film di effetti speciali – e ottiene un prodotto che guarda a tutta la complessità della scena tecnologica, e dell’immaginario, attuale.
 
Chi ha visto il film, superata la perplessità che prende sempre, anche lo spettatore più smaliziato, quando si assiste alla proiezione di un film che non segue del tutto i consueti codici cinematografici, avrà probabilmente, automaticamente, confrontato questa pellicola, frugando nel suo magazzino immaginario personale, con altri film di “contatto con gli alieni”. Si può immaginare che abbia pensato a Incontri ravvicinati del terzo tipo (Spielberg, USA, 1977), o a E.T l’extraterrestre (Spielberg, USA, 1982), o anche – in una dimensione molto più apocalittica, a Independence Day (Emmerich, USA, 1996) o a La guerra dei mondi – quello sempre di Spielberg del 2005, naturalmente.
 
Due film in cui gli alieni sono “buoni”: un naufrago e dei visitatori, due invece in cui sono crudeli e ferociinvasori.
 
Credo che tutti questi confronti non colgano invece nel segno. Credo che – se si vuole – il confronto giusto sia con Ultimatum alla Terra, un film di Robert Wise del 1951. Prima di tutto perché District 9 non è un normale film di science fiction, di quelli tradizionali.
 
Intanto, si svolge nel nostro passato: nelle sequenze iniziali si vedono in flashback delle riprese, realizzate evidentemente da un videoamatore, in cui in basso si legge l’anno in cui sarebbero state girate: il 1982. E la vicenda “al presente” si svolge venti anni dopo: nel 2002, quindi. Sette anni fa. Si svolge in un universo parallelo, in cui il tempo è “in ritardo” rispetto al nostro? Una vicenda avvenuta realmente ma mai risaputa fuori di Johannesburg? Si dice che Blomkamp abbia rielaborato un suo corto del 2005, ispirato a fatti avvenuti a Johannesburg nel 2005… Certo che è un bello sforzo, questo richiesto alla disponibilità a sospendere l’incredulità da parte dello spettatore a cinema… Che fa passare anche sopra qualche smagliatura nella sceneggiatura. Ma facciamo un po’ di conti. Nel 1982 era ancora pienamente in vigore l’apartheid, la politica di feroce segregazione razziale, che separava completamente i bianchi afrikaaners da neri e meticci – che non erano solo i figli di bianchi e africani, ma anche quelli di bianchi e indù, e di africani e indù, numerosi in Africa australe.
 

pagina successiva >>



di Traiettorie Sociologiche (sito) venerdì 9 ottobre 2009 - 0 commento oknotizie
13%
Articolo interessante?
 
87%
(8 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

Lasciare un commento


(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione : questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell’articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista… Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l’articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere :

  • I nuovi iscritti
  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L’autore dell’aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.

Pubblicità

Pubblicità

Sondaggio

Dal palco del V-Day Beppe Grillo ha proposto di indire un referendum per uscire dall’Euro. Secondo voi


Vota

Palmares

Pubblicità


  • Groupe Agoravox sur Facebook
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox Mobile

AgoraVox utilizza software libero: SPIP, Apache, Debian, PHP, Mysql, FckEditor.


Sito ottimizzato per Firefox.


Avvertenza Legale Carte di moderazione