• domenica 20 aprile 2014
  • Agoravox France Agoravox Italia Agoravox TV Naturavox
  • Fai di AgoraVox la tua homepage
  • Contatti
AgoraVox Italia
  Home page > Attualità > Cronaca Locale > Taranto e quegli scenari poco chiari
di luca lunedì 13 febbraio 2012 - 0 commento oknotizie
0%
Articolo interessante?
 
100%
(0 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

Taranto e quegli scenari poco chiari

Vivo in una città dove accade di tutto, e si perdono occasioni d’oro. Metti per esempio il calcio. Abbiamo una squadra al secondo posto e il suo presidente, D’addario, re dell’usato garantito, non ha più i soldi per gli stipendi e viene punito con due punti di penalizzazione in classifica.

Ma quello che fa ancor riflettere è che lui, D’Addario, chiede aiuti economici alla grande industria, ILVA, Cementir, Eni… ma nessuno risponde. Eppure, lor signori, hanno il territorio in mano e potrebbero dare un aiutino a chi nel pallone vede anche un riscatto per la città jonica.

Capitolo politico. Si andrà a votare in primavera il sindaco. Stefàno sarà quello uscente e avrà dalla sua la benedizione di Vendola, restìo alle primarie nel PD jonico. Dalla sua Michele Pelillo, assessore della Regione Puglia, ancora è incerto sul da farsi e, deluso dall’incertezza del pirata Nicky, aspetterà fino al 18 febbraio.

Insomma un gran casino in città per questioni di scelte e azioni, sia politiche che diciamo socio/economiche sportive. Fatto è che se dovessimo perdere il treno della serie B da una parte e quello della democrazia dall’altra (le primarie son pur sempre un atto democratico di scelta all’interno di un partito), Taranto sarebbe ancora la città incompleta e poco matura per grandi salti. Con la contentezza di molti che in D’Addario non credono (ma nemmeno comprano la sua squadra in vendita), e altri che invece politicamente nelle mancate primarie vedrebbero una quasi vittoria della destra, poiché l’attuale sindaco Stefàno non è poi ben visto da tutti i cittadini. Scenari aperti e possibile debacle di una città sempre disorientata e poco produttiva sotto l’aspetto del cambiamento e dello sviluppo. Eppur ci vivo, con difficoltà.

Casa originale di questo articolo



di luca lunedì 13 febbraio 2012 - 0 commento oknotizie
0%
Articolo interessante?
 
100%
(0 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

Lasciare un commento


(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione : questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell’articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista… Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l’articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere :

  • I nuovi iscritti
  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L’autore dell’aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.

Pubblicità

Pubblicità

Sondaggio

Dal palco del V-Day Beppe Grillo ha proposto di indire un referendum per uscire dall’Euro. Secondo voi


Vota

Palmares

Pubblicità


  • Groupe Agoravox sur Facebook
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox Mobile

AgoraVox utilizza software libero: SPIP, Apache, Debian, PHP, Mysql, FckEditor.


Sito ottimizzato per Firefox.


Avvertenza Legale Carte di moderazione