Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS

 Home page > Attualità > Politica > Serve (forse) una nuova finanziaria da 8 miliardi

Serve (forse) una nuova finanziaria da 8 miliardi

E Monti deve, e può, farla pagare a qualcuno diverso dai soliti noti.

Le previsioni economiche pubblicate ieri dalla Commissione europea, presieduta da José Manuel Barroso, sono peggiori di quelle, già poco ottimistiche, del nostro Governo. Non solo la nostra economia subirà una recessione più grave, seppur di poco (- 1,4% contro il previsto -1,3% del Pil) di quella preventivata da Monti, ma il nostro rapporto deficit/Pil sarà del 2% e non dell’ 1,7% quest’anno, e del 1,1 %, non dello 0,5%, l’anno prossimo. Numeri che si traducono in modo del tutto ovvio in una revisione del rapporto debito /Pil, che dovrebbe essere del 123,5% alla fine del 2012 e attestarsi al 121,8% alla fine dell’anno prossimo.

L’Italia, insomma continua a stare male; peggio del resto d’Europa. Gli unici altri paesi il cui Pil quest’anno diminuirà più del nostro sono Grecia (-4,7%), Portogallo (-3,3%) e Spagna (-1,8%). Soprattutto, ed è la peggiore tra le brutte notizie comunicate da Barroso, l’Italia potrà raggiungere un pareggio strutturale di bilancio nel 2013, solo “grazie a una manovra aggiuntiva pari a oltre mezzo punto del Pil”.

Se davvero sarà così, se si renderà necessaria un’ulteriore finanziaria di 8 o più miliardi, tanto il Governo quanto il Parlamento faranno bene a tenere in conto, oltre alle considerazioni di carattere tecnico, l’umore del paese. Le prime, dato l’effetto depressivo per l’economia di qualunque manovra che tolga denaro dalle tasche dei consumatori, non possono che suggerire il ricorso a misure di carattere patrimoniale; di tassare di più quei cittadini abbastanza ricchi da non risentire di una nuova imposta al punto di cambiare le proprie abitudini di consumo. Il clima che si registra in Italia, lo “sfaldarsi della coesione sociale” di cui parlava il ministro Passera e di cui sono testimonianza le proteste, ormai continue, contro Equitalia, impone però, prima di qualunque altro intervento, una riduzione dei costi della politica ben più seria di quella, poco più che cosmetica, attuata finora.

Questo, oltre ad una richiesta di rinnovamento del personale politico dei partiti tradizionali, è anche il messaggio che emerge dal voto delle amministrative: il M5S, per quanto validi possano essere i suoi programmi, non sarebbe cresciuto tanto se i partiti avessero preso atto degli errori del recente passato e si fossero dimostrati disposti al cambiamento; la classe politica sarebbe riuscita a conservare un minimo di credibilità se, come imporrebbe la decenza, avesse rinunciato ai propri privilegi e ad una buona fetta dei propri emolumenti, prima di chiedere qualunque sacrificio ai cittadini. Considerazioni elementari che imporrebbero, proprio a chi è più critico nei confronti di Grillo e dei suoi, di agire subito; di non ripetere gli errori commessi a suo tempo con la Lega. Quando il movimento di Bossi emerse dalle Prealpi, fu oggetto di una massiccia campagna di denigrazione: i suoi esponenti erano trattati come minus habens, abbondavano sulle reti Rai le interviste a suoi militanti incapaci di infilare tre frasi di fila in italiano e i commentatori politici utilizzarono lo stesso identico lessico (antipolitica, populismo, voto di protesta, ecc.) che oggi impiegano per il M5S.

Non fu fatto nulla, però, per cambiare lo stato delle cose, per dimostrare di aver compreso le ragioni di quella protesta; la Lega, pur marginalizzata, o forse proprio grazie a questo, si radicalizzò, si consolidò e quello che poteva essere un fenomeno passeggero divenne, con i risultati che sappiamo, un grosso e grasso partito di governo.

Proprio i risultati delle amministrative, d’altro canto, mettono il Governo Monti nelle condizioni di provare a fare quel che finora non ha potuto per i veti, più o meno espliciti, posti alla sua azione dal PdL, che in Parlamento è sempre il partito di maggioranza relativa. Una cosa, infatti, è pressoché certa: gli uomini di Berlusconi tutto possono volere, tranne andare alle elezioni. Far passare un’imposta sui grandi patrimoni ora è possibile; che i politici approvino delle norme per ridurre i propri privilegi, pure.

Monti, che, prima d’intraprendere qualunque iniziativa, fin qui si è sempre consultato con gli esponenti della maggioranza che lo sostiene, la smetta di fare il parafulmine; dica al Paese quel che vuol fare e perché; quindi, senza tentennamenti vada in parlamento e assieme alle leggi che vuol far approvare, presenti la fiducia.

Approveranno tutto, Onorevoli e Senatori; faranno quel che non si sarebbero neppure sognati di fare ieri. Ne sono certo. Ieri, in fondo, se saltava il Governo rischiava solo di sprofondare il Paese; se Monti si dimettesse oggi salterebbero, già in autunno, i loro cadreghini.

Commenti all'articolo

  • Di Sandro kensan (---.---.---.33) 12 maggio 2012 16:48
    Sandro kensan

    Immagine corretta degli italiani e dei loro rappresentanti:
    Approveranno tutto, Onorevoli e Senatori; faranno quel che non si sarebbero neppure sognati di fare ieri. Ne sono certo. Ieri, in fondo, se saltava il Governo rischiava solo di sprofondare il Paese; se Monti si dimettesse oggi salterebbero, già in autunno, i loro cadreghini.

    Ma una nazione non può andare avanti in questo modo.

Lasciare un commento


Sostieni AgoraVox

(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere:

  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L'autore dell'aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.



Pubblicità




Pubblicità



Palmares


Pubblicità