• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Rom sinti caminanti al Ministero dell’Interno contro sgomberi e (...)

Rom sinti caminanti al Ministero dell’Interno contro sgomberi e razzismo

JPEG - 793.7 Kb
ROM SINTI CAMINANTI CONTRO RAZZISMO, SGOMBERI ED ESPULSIONI (foto di Claudia Piras)

Si è svolta ieri mattina, una assemblea pubblica in Piazza Santi Apostoli a Roma, davanti alla Prefettura, a sostegno di MADALINA GAVRILESCU e GORDANA SULEJMANOVIC, donne di etnia Rom, attiviste, impegnate nelle lotte antirazziste, contro sfratti e sgomberi, con il Movimento per il Diritto all'Abitare di Roma ed il Consiglio Nazionale Rom Sinti Caminanti. Ambedue sono state protagoniste della marcia organizzata dagli #INDIVISIBILI, svoltasi a Roma il 10 novembre 2018, CONTRO GOVERNO, RAZZISMO E DECRETO SALVINI.

https://www.youtube.com/watch?v=KecQ4ylUgEM

Negli ultimi giorni e settimane si sono intensificati attacchi ai diritti civili di ROM ed IMMIGRATI, messi in atto da Comuni, Questure e Prefetture. Il 6 febbraio 2019, a Roma, in Via Collatina Vecchia, l'ennesimo sgombero di una comunità ROM, in aperta violazione di direttive europee e nazionali, tra cui quella impartita dal Prefetto Matteo Piantedosi – Capo Gabinetto del Ministero Interno a Prefetture, Regioni ed Enti Locali. La stessa prevede di implementare, percorsi di INCLUSIONE SOCIALE e protezione abitativa per gli occupanti sgomberati.

JPEG - 22.8 Kb
Assemblea Pubblica in Piazza Santi Apostoli a Roma

Tra gli sgomberati GORDANA SULEJMANOVIC, donna, madre di 10 figli, profuga della guerra dei Bosnia, già sgomberata insieme a 419 cittadini da Matteo Salvini e Virginia Raggi dal Camping River, il 26 luglio 2018, è stata trasferita nel CIE di Ponte Galeria per essere espulsa dall'Italia.

Durante le operazioni di sgombero di questa estate, GORDANA SULEJMANOVIC, insieme decine di cittadini, donne, bambini, uomini ed anziani, denunciarono pubblicamente le violenza perpetrata dalla Polizia Municipale comandata da Antonio di Maggio e gli Abusi di Stato in atto, sulla truffa relativa ai Fondi Strutturali Europei commessa da Governi, Regioni e Comuni.

https://www.youtube.com/watch?v=8yI_rbk8GwA&t=142s

A metà gennaio 2019, MADALINA GAVRILESCU, cittadina ROM e RUMENA, ha ricevuto una notifica di espulsione dall'Italia per 5 anni motivata da “mancata integrazione”. Centinaia di esponenti della ricerca, arte, giornalismo, politica, sindacato, hanno sottoscritto un appello contro il decreto di allontanamento dall’Italia che è stato consegnato al Prefetto Paola Basilone con la richiesta di ritirarlo immediatamente. Nel frattempo la sua espulsione è stata bloccata e sospesa grazie all'intervento degli Avvocati Antonello Ciervo e Francesco Romeo.

Prosegue intanto la preparazione della Manifestazione indetta dall'Associazione Nazione Rom (ANR) a Roma, in Piazza dell'Esquilino, mercoledì 20 febbraio 2019, alle ore 16.00, per chiedere l' immediata liberazione di GORDANA SULEJMANOVIC, il ritiro dell'espulsione di MADALINA GAVRILESCU, il ritiro del disegno di legge in materia di sicurezza ed immigrazione, la chiusura dei CIE, l' apertura dei porti, la sospensione degli sgomberi ed accoglienza per tutti. Un evento sostenuto dall' Assemblea Nazionale degli #INDIVISIBILI.

La manifestazione è stata autorizzata ieri pomeriggio dalla Questura di Roma. Definita la delegazione che sarà ricevuta al Ministero dell'Interno, composta da Marcello Zuinisi legale rappresentante ANR, Beganaj Nedzat del Consiglio Nazionale Rom Sinti Caminanti, l'Avvocato Federica di Menna in rappresentanza di Gordana Sulejmanovic, l'Avvocato Francesco Romeo in rappresentanza di Madalina Gavrilescu e la Deputata del Parlamento Europeo Eleonora Forenza, Capodelegazione de L'Altra Europa e componente della Commissione Diritti delle Donne ed uguaglianza di Genere a Bruxelles.

Durante l'assemblea in Santi Apostoli è intervenuto telefonicamente Gringo, marito di Gordana con un appello a tutti i sinceri democratici ed antirazzisti alla partecipazione e condivisione, alla costruzione di solidarietà con gli ultimi, con i più poveri, con le donne recluse nel lager di Ponte Galeria. Un appello a scendere in piazza e difendere i diritti umani.

 

Intervenuti anche Giovanni Russo Spena, ex Senatore e ricercatore dell’Istituto di studi sulle società del Mediterraneo del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Issm), i giuristi dell'ASGI, Serena attivista del Movimento Femminista Non Una di Meno, Margherita Grazioli e Michele Colucci del Movimento Diritto all'Abitare di Roma, il Parlamentare Europeo Eleonora Forenza che ha annunciato un’interrogazione alla Commissione Europea, ricordando l’articolo 18 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea che prevede non ci debba essere alcuna discriminazione sulla base della nazionalità.

 

ufficio stampa e comunicazione

Associazione Nazione Rom



Pubblicità




Pubblicità



Palmares

Pubblicità