• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cultura > Renato Basile. Storie di ordinaria eccellenza

Renato Basile. Storie di ordinaria eccellenza

Il caso letterario di Renato Basile appare alquanto complesso. Lo scenario editoriale col quale conviviamo ci ha purtroppo abituato ad autori dal talento incerto. Questi esistono e prolificano, spesso, solo grazie a strategie di marketing. Nulla di nuovo, se non che questa premessa ci aiuterà a comprendere ancori più il valore letterario di Basile. Basile, scrittore lo è stato nei fatti. Diciamo lo è stato perché è morto 23 anni fa a 59 anni lasciandoci in eredità cinque racconti raccolti in tre volumi, di cui due pubblicati postumi. Abbiamo detto scrittore nei fatti perché Basile non viveva dei frutti della sua scrittura. Condizione che spesso condanna l’autore a facilità di giudizio, se non scarsa considerazione, da parte degli addetti ai lavori.
La sua carriera di funzionario di banca ha attraversato anni e vicende di una Napoli che chi scrive ha personalmente condiviso. In vita Basile riuscì a pubblicare, nel 1984, Epilogo movimentato scritto tra il 1977 ed il 1978, con una breve ma significativa prefazione di Ermanno Rea. Partner è apparso nel 1989 ma risulta frutto di un lavoro eseguito tra l’81 e l’82, mentre Puntate impossibili è stato pubblicato nel 1992. In quest’ultimo libro, che gode di una prefazione di Michele Prisco, sono pubblicati i tre racconti Il Raggiro ( scritto tra il ’79 e l’80), Testimone a discarico (1985) e La puntata impossibile (redatto tra l’86 e l’87 e concluso poco prima della morte).
 
In questi scritti, Basile non mette mai mano al consumato e patetico arsenale della napoletanità. Quello che a lui interessa, evidentemente, non è la facile commerciabilità delle sue opere, ma il profondo e quotidiano lavoro dell’autore. La Napoli di Basile non è quella dei luoghi comuni facilmente rappresentabili, cioè di tutto quello che normalmente si vuol sentir dire, e far dire, di questa città. Non gioca, fortunatamente, con la parodia, se ne tiene lontano. Basile intreccia le sue storie in una città normale, nel senso che evita, al tempo stesso, esasperazioni e normalizzazioni. Lo sfondo ai suoi racconti è quella Napoli quotidiana con i suoi abitanti, fatta di eventi, sentimenti, umori. Certo, la città esiste e si sente, ma è in sottofondo, traspare nel linguaggio e nelle scrittura, raramente nella forma, spesso nel clima, sempre nei rumori e nei silenzi del traffico.
 
Le sue storie sono piccoli drammi famigliari e professionali. Il protagonista é sempre apparentemente è un uomo, dico apparentemente perché le vere protagoniste sono le donne, meglio le amanti. Si tratta di amori sfuggenti, temporaneamente corrisposti e spesso incompresi, che però segnano una svolta irreversibile per chi li ha vissuti. Il contesto è una Napoli che ruota intorno al commercio, fatta spesso di inconsistenti intrighi legati a cambiali, a banche, a creditori. I personaggi non sono eroi, è gente ordinaria, vicini di casa, maschere più che individui.
 
Leggendo Basile ci si chiede, a più riprese, se questo autore si possa considerare uno scrittore della domenica. La risposta è certamente no. La sua non è l’opera di un dilettante, fin troppo sono presenti sentimenti e riferimenti che ci dicono che Renato Basile possedeva una sua propria idea, strutturata e consapevole, della scrittura. I segnali di precisi riferimenti alla letteratura italiana ed europea di qualità, non sono pochi. Non fosse altro che per la scelta dei temi costanti in ogni racconto. Il presentimento, il presentimento della morte, il fascino ordinario di giovani amanti, spesso belle ma anche, fin troppo, possibili. Ma presentimenti e l’amore appagato si confondono , e l’amante diventa, come riflettendosi allo specchio, la morte. Una morte con la quale si arriva a desiderare di andare in trattoria, oppure con la quale andare a fare una gira al mare. Amore e morte non appaiono in antitesi, Basile della morte-amante cerca lo sguardo, la seduce, la ama, ma non ne accetta il tradimento, a costo della rovina personale.
 
I protagonisti dei suoi racconti si muovono in un mondo indifferente, senza affetti, l’amore è solo quello fisico. Le cose appaiono messe lì, casualmente, tutto e transitorio, tutto è troppo reale e sfuggente. Una umanità che potrebbe passare inosservata se non ci fosse, costante, il presentimento della morte nel protagonista, e se questa non intervenisse, in modo liberatorio, per dare un senso, il solo accessibile a queste esistenze ordinarie. Come le nostre.
 
Bibliografia
Renato Basile, Epilogo movimentato, Marotta Editore
Renato Basile, Partner, Tullio Pironti Ediore
Renato Basile, Le Puntate Impossibili, Tullio Pironti Editore

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares