• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > La Cina controlla il meteo: la pioggia artificiale

La Cina controlla il meteo: la pioggia artificiale

Il governo di Pechino ha messo in cantiere un piano per produrre pioggia artificiale come risposta alla grande siccità che ha colpito il sud-ovest del Paese. Già sperimentata su piccole aree, l'operazione ha come fine quello di permettere la condensazione dell'umidità nell'aria, sfruttando artiglieria e aerei militari. Il costo complessivo? 25 milioni di euro, solo per il mese di luglio.

Con due mesi tra i più caldi dal 1951, la Cina corre ai ripari pensando di piegare la natura con l'arma dell'aviazione e dell'artiglieria. La strategia sarebbe la stessa utilizzata durante l'estate: quella di immettere nell'atmosfera sostanze capaci di implementare la condensazione dell'acqua presente nell'aria, rendendola sufficientemente pesante da permetterne la precipitazione.

La pioggia, insomma. Tra queste sostanze lo ioduro d'argento, spedito nell'atmosfera con 15987 colpi d'artiglieria e 727 razzi, ai quali va aggiunta l'azione portata avanti dall'aviazione. In conseguenza della prima sperimentazione, un nuovo e più complesso piano sarebbe in progetto, per 130 milioni di euro complessivi.

Subito si è pensato al rischio di effetti nocivi, dovuto alla natura tossica dell'ioduro d'argento. I tecnici cinesi sarebbero già alla ricerca di sostituti altrettanto efficaci, ma le autorità si sono premurate di assicurare che la presenza di tale sostanza nelle soluzioni è minima. Ben differenti le preoccupazioni più generali riguardanti tale pratiche di intervento su fenomeni naturali di vasta scala.

Guido Santevecchi su Il Corriere della Sera sintetizza il problema in maniera efficace: "Proiettili, cannoni e bombardieri, strumenti inquietanti per l'ambizione di conquistare la natura". Facendo seguire una dichiarazione per la quale i fan del complottismo potrebbero fare la ola. Sottolinea infatti la natura militare del piano, rifacendosi nientemeno che all'esperienza dell'Operazione Popeye, con la quale gli Stati Uniti, intervenuti nello scontro in Vietnam tentavano di intensificare i monsoni per rendere più difficili gli spostamenti ai vietcong. Un rimando non rimasto nell'ombra neanche all'estero: è il Daily Mail a ricordare tale operazione, sottolineandone la scarsa efficacia.

Una mappa interattiva dell'Air Quality and Pollution Measurement da l'idea di quanto il problema climatico sia ad oggi strettamente legato al modello di sviluppo cinese e al suo inevitabile prodotto: l'inquinamento. Il problema è talmente grave da spingere la World Bank a stilare un rapporto che mette in relazione i costi dell'inquinamento sull'economia del paese e i rischi che hanno spinto le autorità di Pechino ad optare per la "semina delle nuvole".

Alla base - e di qui la critica di Santevecchi - c'è la volontà di controllare la natura, ma tale è anche la soluzione. L'obiettivo è piegare le condizioni atmosferiche perché considerate tra le variabili comprimibili del proprio modello di sviluppo.

La Cina è posta di conseguenza di fronte ad un bivio, e le immagini di Pechino avvolte nello smog ne sono un'immagine esemplare. Un passaggio complesso, specie in un regime di stampo totalitario, inevitabilmente rigido di fronte a qualsiasi forma di resa. Anche quando il nemico è un soggetto con il quale pure gli antichi greci si erano arresi a contrattare, rendendo omaggio al fine di avere una navigazione calma e sicura: il meteo.

Foto: Bridget Coila/Flickr

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.145) 7 settembre 2013 20:41

    Ma io non capisco bene quello che viene detto e si vuole dire in questo e in altri articoli che immagino abbiano lo stesso refrain. Il problema è la Cina oppure è il controllo della natura? Se il problema è la Cina allora si faccia un articolo in cui si critichi il sistema cinese. Se il problema è il controllo della natura allora dovremmo andare a piedi perché i piedi sono fatti per camminare mentre le auto sono una delle maggiori cause dell’inquinamento.

    Non è forse vero che per piegare la natura alla nostra volontà a al nostro sistema della globalizzazione selvaggia abbiamo inventato il motore a scoppio che trascina un vasetto di yogurt per migliaia di kilometri in giro per il globo? Insomma chi è senza peccato scagli la prima pietra.

    • Di Francesco Finucci (---.---.---.139) 8 settembre 2013 01:35
      Francesco Finucci

      Mah, io credo che alla fine le due cose vadano assieme. Ovviamente la questione non riguarda solo la Cina (dal 1975), ma anche le sue concorrenti nel sud-est, Corea del Sud e Giappone. E riguarda anche noi, solo che nella costa cinese la situazione sta diventando kafkiana, il mar giallo è inquietante, e così Pechino, in certe zone - dalle immagini che vedo almeno - quasi non si vede. Possiamo anche parlare delle città americane dove si va al bagno in chevrolet, ma il discorso non cambia. Si tratta di agire su fenomeni estremamente delicati, e non in maniera indiretta. L’inquinamento da anidrite è una cosa, e tra l’altro non riguarda tanto le macchine, quanto la produzione industriale e quella di energia tramite centrali termo-elettriche (quelle che abbiamo noi per intenderci). Qui invece si tratta di intervento diretto, scientifico, totalmente volontario. Per questo è pericoloso, perché non è un effetto collaterale, ma una scelta, e oltretutto una scelta che combatte il fuoco con il fuoco. In questo il modello cinese è il massimo esempio, assieme a quello americano. Solo che ad oggi, considerando le enormi disuguaglianze tra entroterra e costa, il livello intollerabile di smog e le necessità di controllo delle autorità cinesi, è proprio la Cina nel mirino, e il motivo è semplice: se non cambiano strada la Cina sarà sempre più forte, ma i cinesi sempre di meno e sempre più piegati.

  • Di (---.---.---.225) 16 novembre 2013 00:06

    si potevano risparmiare dei soldi usando il metodo di Wilhelm Reich che già nel 1955 fece piovere per 40 giorni nel deserto dell’arizona. Tale metodo non richiede sostanze chimiche che possono essere nocive all’ambiente. Per saperne di più visitare il sito di James De Meo www.orgonelab.org 

     

     

     

     

     

     

     

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares