• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cronaca > Pino Maniaci e le minacce all’attore: "Anche io sono Giulio Cavalli"

Pino Maniaci e le minacce all’attore: "Anche io sono Giulio Cavalli"

"Altro che pubblicità, è scattata la solita operazione. Prima le mincacce e le intimidazioni poi le calunnie le voci per fare terra bruciata attorno"
«Oltre alla mia preoccupazione esprimo a Giulio Cavalli, l’autore e attore che da mesi riceve minacce e intimidazioni da parte della criminalità organizzata a causa del suo pspettacolo "Do ut des", la solidarietà mia e di tutta la redazione dei TeleJato». Questo dichiara Pino Maniaci, il fondatore e conduttore della televisione comunitaria TeleJato di Partinico da mesi sotto tutela per gli attentati e aggressioni fisiche subite.

Assieme a Maniaci si mobilita per Giulio Cavalli la rete di associazioni, gruppi, cittadini, giornalisti, politici e artisti dell’iniziativa "Siamo tutti Pino Maniaci", che da due mesi sta attivamente contribuendo alle conduzioni del telegiornale giornaliero. «Nei prossimi giorni Giulio verrà qui a Partinico a condurre il nostro telegiornale in occasione del piccolo tour di spettacoli che verrà a fare in Sicilia – prosegue Maniaci – Ho collaborato a questo spettacolo, fornendo anche alcuni contributi video. Lo spettacolo è un grande atto di coraggio. La mafia non sopporta chi li prende in giro, chi svela la loro vera faccia, la loro "non onorabilità". Giulio li sberleffa, trasforma i mafiosi in personaggi grotteschi. Per i boss è intollerabile. E infatti lo hanno minacciato subito dopo la prima a marzo».

«In questi giorni Cavalli è stato oggetto anche di una serie di voci e calunnie che affermano che questi abbia deciso di rivelare le minacce per farsi pubblicità – prosegue Maniaci – Non è così. Giulio non ha bisogno di nessuna pubblicità. Quando a marzo ha ricevuto le prime minacce ha deciso, sotto consiglio delle Forze di Polizia, di tenere tutto sotto silenzio. Ne parlammo subito. Ero in Lombardia anche io in quell’occasione proprio per lo spettacolo. Poi alcuni giorni qualcuno ha pensato di fare un scoop estivo senza neanche avvisare il protagonista della vicenda. Cavalli e la sua compagnia non sapevano nulla dell’operazione, altro che pubblicità. A tutte queste persone che cercano di colpire Giulio ho solo una cosa da dire: anche io sono Giulio Cavalli. E ora è scatta la solita operazione. Prima le minacce e le intimidazioni, poi le calunnie e le voci per fare terra bruciata attorno. Un altro segnale dei tanti, che ancora non abbiamo reso pubblici, che si stanno concretizzando in questi mesi attorno a chi, senza coperture politiche "pesanti, sta lottando contro una società dalla cultura mafiosa. Come a Giulio, o Crocetta a Gela o noi di TeleJato o alle tante realtà e persone che hanno partecipato e partecipano all’iniziativa "Siamo Tutti Pino Maniaci". Le coincidenze sono troppe e confermano un clima pesante»

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares