• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cultura > Piero Pelù, in nome del rock

Piero Pelù, in nome del rock

Di Francesca Picciurro

Una serata in nome del rock sanguigno: lo scorso 28 Giugno, Piero Pelù ha dato il via al suo “Fenomeni Tour” , partendo proprio da una località Siciliana, Palazzolo Acreide in provincia di Siracusa.

La piazza, gremita di gente, scalpitava a ritmo delle note di Pelù, che cantando e lanciando messaggi di solidarietà, pace e legalità, ha dimostrato, ancora una volta, di essere un artista sensibile alle problematiche sociali e, nel contempo, l’animale da palcoscenico di sempre. Il concerto, diviso tra la fase dedicata alla sua carriera da solista e la fase dedicata agli “Oldies – Goldies “, ha avuto una durata di circa due ore e trenta minuti.

Gloria per le orecchie dei vecchi e dei nuovi fan, quando la band (composta da Paolo Baglioni detto Zio Pol alla batteria, Daniele Bagni detto Tom Tom Barny, Cosimo Zannelli detto Zanna alla chitarra e Federico Sagona detto Sago alla tastiera) ha iniziato a suonare pezzi indimenticabili come “Fata Morgana”, “Ragazzo”, “Cuore di Vetro”, “Gira nel mio cerchio”, “Bambino”, cavalli di battaglia dei Litfiba, storico gruppo rock Italiano degli anni ’80, di cui Piero era il leader.

Di particolare interesse, due nuovi pezzi di Piero solista: “Nel mio mondo “ e “Mamma Ma-donna”. Il primo, come ha ricordato Piero stesso durante il concerto, è dedicato a Don Andrea Gallo, il prete accusato di essere comunista e allontanato per questa ragione dalla Curia. Don Gallo, fondatore della comunità “San Benedetto al Porto” è tuttora impegnato per la lotta contro gli ideali bellici, per la legalizzazione delle droghe leggere e per l’integrazione degli emarginati. “Mamma Ma-donna” , invece, come ha raccontato Pelù, il giorno dopo, a Fascio e Martello, è un brano dedicato alle Mamme Coraggio dei desaparecidos, che nel 1977 “urlarono in silenzio” a Plaza de Mayo di Buenos Aires, in Argentina,  per chiedere giustizia per i loro figli uccisi durante la dittatura militare.

 Musica impregnata di cultura, questa è l’esperienza artistica di Piero Pelù, che tornerà a far “pogare” i suoi fan Siciliani il 9 Agosto a Partanna, in provincia di Trapani e il 14 Agosto a Tusa, in provincia di Messina.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares