Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS

 Home page > Attualità > Scienza e Tecnologia > Motore a idrogeno per un’auto sostenibile

Motore a idrogeno per un’auto sostenibile

Presentata a Londra una vettura per molti versi rivoluzionaria

La sostenibilità, parente stretta dell’efficienza energetica, è un tema che lentamente sta entrando tra quelli che consideriamo importanti.
Non è ancora sentito come un’esigenza, purtroppo: pochi si preoccupano del fatto che di solito, per trasportare i nostri 70 o 80 chili spostiamo oltre una tonnellata di ferraglia spendendo e inquinando. Le auto attuali, e soprattutto quelle che ci attraggono di più, non mirano ancora alla sostenibilità.

La Riversimple è una piccola azienda britannica che ha invece come obiettivo primario quello di creare un’auto sostenibile, energeticamente efficiente.
E’ nata così una concept car a idrogeno, la RUC (Riversimple Urban Car), presentata il 16 giugno a Londra.
Nei piani dell’azienda dovrebbe essere sul mercato presto, entrando in produzione in serie nel 2013.

Come le altre automobili a idrogeno, usa una cella a combustibile (da 6 kW) che combina idrogeno e ossigeno, scartando semplicemente vapor acqueo.
Dispone di quattro motori elettrici, uno per ogni ruota, sviluppati dall’Università di Oxford per spingere i 350 chiogrammi dell’auto a una velocità massima di 80 chilometri orari. I motori rigenerano l’energia durante la frenata, per ridurre gli sprechi e migliorare l’efficienza.

Una citycar superleggera in stile Smart quindi, non una sportiva da grido o un’auto per viaggi lunghi.

La RUC non sarà venduta, ma concessa in leasing al prezzo di circa duecento sterline (poco meno di 240 euro), compreso il carburante presso una stazione di rifornimento costruita dall’azienda.



Innovativa anche la formula opensource che il progetto prenderà: chiunque potrà partecipare al miglioramento del design.
E’ l’unico modo di sopravvivere - sostiene la Riversimple - alla competizione con colossi come Toyota, Honda e Fiat. I contributi aperti potranno ridurre i tempi di sviluppo, generare prodotti più affidabili, guidare la creazione di standard comuni e abbassare i costi dei componenti.

Alzi la mano chi non ha pensato per una attimo a Linux e Windows.

Il problema principale da risolvere resterà la disponibilità del carburante. La creazione di una rete distributiva sembra un compito troppo grande per la piccola azienda britannica, che probabilmente conta anche sulla community opensource per smuovere l’opinione politica.

Non lo vedo un compito facile, ma anche Linus Torvalds probabilmente non immaginava cosa sarebbe diventato Linux.

Fonti:
http://www.riversimple.com
http://www.newcientist.com

Commenti all'articolo

  • Di Paolo06 (---.---.---.203) 18 giugno 2009 10:34

    200 sterline al mese? All’anno? Al giorno?
    Utilizzerà quindi delle batterie per accumulare l’energia prodotta dalla cella e durante le frenate?

    • Di francesco venuto (---.---.---.168) 18 giugno 2009 12:24
      francesco venuto

      Si tratta del prezzo mensile (scusa la svista nell’articolo).
      Quanto all’altra domanda: l’auto non utilizzerà una batteria tradizionale, ma accumulerà l’energia in un sistema di nuovi ultracondensatori in grado di fornire - scrive la riversimple sul suo sito - l’80% della potenza richiesta per l’accelerazione.

  • Di Rocco Pellegrini (---.---.---.3) 18 giugno 2009 12:36
    Rocco Pellegrini

     il proptotipo è interessante ma 80 km l’ora ed i kw di cui parli sono troppo ma troppo poco per le nostre abitudini che vanno cambiate ma che difficilmente saranno stravolte. La potenza di questa macchina è quella di un motorino ed il paragone con Linux mi sembra affascinante ma poco pertinente.... essendo Linux più veloce di Windows e quindi, per molti versi, più potente.
     Comunque l’articolo è utile perchè tutto quello che favorisce il cambiamento è degno di attenzione.

    • Di francesco venuto (---.---.---.168) 18 giugno 2009 13:20
      francesco venuto

      E’ vero, 80 Km/h sono pochi, ma pensandola come citycar diventa quasi accettabile. La potenza è bassa, è vero, ma la RUC pesa anche molto poco...comunque concordo con te: spero che possa essere lo sprone per diffondere abitudini "sostenibili", ma non credo - purtroppo - che entro pochi anni moltissimi decideranno di acquistare un’auto del genere.
      E’ comunque un inizio...

  • Di Ocram (---.---.---.146) 18 giugno 2009 15:28

    80 km/h sono pochi per andare dove? A quanto riuscite andare in città? Perchè io quando supero i 60 km/h faccio i salti di gioia, è più il tempo che sto fermo a spendere soldi per nulla.
    E’ chiaro che non siano auto per ogni esigenza, così come le prime release di Linux non erano alla portata (concettuale) di molti. Il paragone è calzante.

Lasciare un commento


Sostieni AgoraVox

(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere:

  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L'autore dell'aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.



Pubblicità




Pubblicità



Palmares


Pubblicità