• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Modelli falliti per gonzi italiani: il Messico e la lotta agli (...)

Modelli falliti per gonzi italiani: il Messico e la lotta agli evasori

In Messico, il presidente populista di sinistra Andres Manuel Lopez Obrador (AMLO, per gli amici e non solo), ha deciso uno spettacolare giro di vite sulla grande evasione fiscale, nel paese in cui il sommerso è stimato al 50% del Pil. Ottimo, diranno subito i miei piccoli e grandi lettori, “facciamo come il Messico!”, visto che siamo da sempre alla ricerca di un modello internazionale da imitare. E visto che ormai ci siamo convinti che in USA “non evade nessuno perché sennò vai in galera, e comunque loro scaricano tutto!” (yeah, right), vediamo il “modello” messicano.

Il provvedimento, attualmente in parlamento assieme alla legge di bilancio 2020, di fatto equipara i grandi evasori fiscali ai cartelli del narcotraffico e prevede, nei casi più gravi, la detenzione preventiva senza cauzione e la confisca dei beni, altrettanto preventiva. Attenzione, ribadiamolo: tutto ciò non al termine di un regolare iter processuale con sentenza passata in giudicato, ma prima.

Sia chiaro: in Messico c’è un drammatico problema di sommerso, causa ed effetto di corruzione endemica. Basti pensare che il gettito fiscale messicano raggiunge solo il 13% del Pil, meno dei poverissimi e devastati vicini, Honduras ed El Salvador. Nel paese prosperano entità aziendali che vendono false fatture, che tra il 2014 e quest’anno avrebbero causato minori entrate per 350 miliardi di pesos (circa 17 miliardi di dollari), secondo il presidente della Commissione Finanze del Senato e membro del partito di AMLO.

Ogni medaglia ha il suo rovescio. La condizione emergenziale della legislazione anti-evasione finisce col mettersi sotto le suole delle scarpe principi garantisti basilari, oltre ad esporre a devastanti sopraffazioni. Basti pensare agli accertamenti fiscali come strumento di intimidazione verso chi si oppone alla grande corruzione della pubblica amministrazione e della politica, come accaduto la scorsa legislatura ad una Ong civica, “Messico unito contro il crimine“.

Dura lex sed lex ma con le immancabili deroghe, come potrebbe testimoniare l’imprenditrice e senatrice Yeidckol Polevnsky, casualmente presidente e segretario del Movimento di Rigenerazione Nazionale (Morena), il partito di AMLO, che nel 2013 si è vista condonare dal fisco imposte per 16 milioni di pesos (800.000 dollari). Un giochino, ora cancellato da AMLO, che ha causato 14 miliardi di dollari di minore gettito a beneficio di 8.000 fortunati, sino a non molto tempo fa pure protetti dalla privacy fiscale. Tra essi, anche il miliardario Carlos Slim.

In definitiva, questo disegno di legge messicano è lo strumento perfetto per mettere in fuga gli investitori internazionali, picconare i già moribondi diritti di proprietà, favorire arbitrio e corruzione e disincentivare l’emersione dei redditi. Qualcosa che si adatta alla perfezione alla situazione italiana ed alla qualità del suo dibattito pubblico, diremmo. Tra l’altro, con un approccio che mi ricorda qualcuno, prima di essere colpito dal contrappasso. E quindi, via con il coro: “Facciamo come il Messico!”

Foto: Wikipedia

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di paolo (---.---.---.49) 14 ottobre 09:08

    E quindi ? Manca la considerazione finale. Lei voleva dire " tana liberi tutti" per non rischiare di diventare come questo famigerato AMLO?

    Ad un tavolo di ieri Sallusti era seduto a fianco di Berlusconi (condannato in via definitiva per frode fiscale e pluriprescritto) che elencava i rischi per la democrazia di una stretta sul fenomeno dell’evazione/elusione fiscale in Italia ( oltre 110 miliardi /anno). Il pericolo incombente, a loro dire, è rappresentato " nelle manette per gli evasori", ovviamente intesi come "grandi evasori" e non per chi omette, per dolo o errore, poche migliaia di euro, sul quale eventualmente pendono sanzioni amministrative.

    E il tono dell’incontro, subissato dagli applausi di un parterre di sodali, era su che razza di mondo bastardo vogliono prepararci questi dannati del M5S, che hanno la assurda pretesa di punire chi ruba a danno della collettività, chi sottrae ricchezza per scopi personali a danno di tutti.

    Ma pensa che razza di pretesa!!! E allora dove va a finire la libertà di rubare, di frodare e di fregare il prossimo? Ma siamo matti ?. Quindi l’invito a chi vuole continuare nell’allegro intrallazzo, restando impunito, di votare chi da sempre lo accoglie a braccia aperte.

    Da non credere.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità