• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Medio Oriente: perché non scoppi l’atomica che sta per arrivare

Medio Oriente: perché non scoppi l’atomica che sta per arrivare

Mentre israeliani e palestinesi si scambiano razzi, una riflessione sulla necessità sempre più urgente di un nuovo paradigma di relazioni internazionali.

Un giorno, tra cinquanta o forse solo cinque anni, arriverà nel porto di Haifa o di Ashdod, nella stiva di una nave con a poppa chissà quale bandiera, un container come tanti altri, che a quel punto avrà fatto il giro del mondo. Dentro ci sarà un grosso tubo di metallo. La canna di un vecchio pezzo d'artiglieria, accorciata e debitamente modificata. Un lavoro ben fatto, ma alla portata di qualunque meccanico degno di questo nome. Quando il container sarà messo sul molo, accanto a migliaia d'altri, in attesa di essere ispezionato dalle autorità doganali, quel che era stato un cannone sparerà il suo ultimo proiettile: una massa "subcritica" di uranio 235 che andrà a colpire un bersaglio dello stesso materiale, posto dove un tempo era la volata. I due blocchi di uranio si uniranno, ne formeranno uno di massa superiore a quella critica e partirà un reazione di fissione nucleare a catena. Una reazione incontrollata e "rapidamente" divergente, per usare la terminologia dei fisici, che trasformerà quell'uranio (certo, solo una sua piccola parte) in energia oltre che in bario 142, krypton 92 e in tutta una serie d'isotopi radioattivi, come il cesio 137, lo stronzio 90 e lo iodio 13. Tutto durerà un istante, poi Israele sarà un deserto nucleare.

Pensate esageri? Costruire una bomba atomica e recapitarla a destinazione è davvero tanto semplice; l'unica difficoltà, per chi lo volesse fare, sta nel recuperare qualche decina di chili di U-235 o, se disponesse di tecnologie solo di un poco più raffinate, di qualche centinaio di grammi, o al massimo qualche chilo di plutonio 239. Questo è lo scenario che hanno in mente, probabilmente, i governanti israeliani, disposti a fare qualunque cosa pur d'impedire agli iraniani di arrivare a mettere le mani su del materiale nucleare. Alla stessa cosa, però, dovrebbe pensare chiunque si trovi alla testa di una democrazia; quello stesso container potrebbe arrivare in qualunque porto del mondo. E potrebbe contenere qualcosa di infinitamente peggio di un'atomica fatta in garage utilizzando dei residuati; potrebbe portare con sé una bomba all'idrogeno capace di spazzar via un mezzo continente.

La vera domanda non è se, ma quando, accadrà qualcosa come quel che ho descritto, se noi occidentali (e di questo passo nel termine andranno inclusi anche i cinesi) continueremo a condurre la nostra politica estera con le modalità di questi ultimi decenni (non parliamo dei secoli precedenti); se continueremo ad atteggiarci a gendarmi del mondo contando sul nostro predominio tecnologico.

Bisogna solo capire che la tecnologia, qualunque tecnologia, finisce inesorabilmente per diffondersi e permette di fare a più soggetti quel che inizialmente era privilegio di pochi. La polvere da sparo ne è un buon esempio. Prima che si diffondessero le armi da fuoco, uccidere era un mestiere tremendamente complicato; ci volevano anni di allenamento per produrre un soldato o un guerriero competente con la spada, la picca o l’arco. I professionisti dell’ammazzare avevano un tale vantaggio su artigiani e contadini che a Roma bastavano una o due legioni, ognuna forte di seimila combattenti, per tenere sotto controllo province grandi quanto dei moderni stati europei. Oggi non è possibile mantenere il controllo su territori tanto estesi, senza impiegare interi eserciti, per il semplice motivo che uccidere un marine è alla portata di un vecchietto o di un ragazzino, armato con un rottame di Kalashnikov.

Israele, poi, con la sua geografia e demografia, avrebbe tutte le ragioni per cercare di sviluppare un nuovo paradigma di relazioni internazionali. Non so cosa dovrebbe fare, badate bene, ma so che lo dovrebbe fare; che non può pensare di imporre indefinitamente le proprie condizioni solo grazie alla potenza delle sue forze armate: i Kalashnikov, là fuori, sono semplicemente troppi, e troppo facili da recuperare.

Il mio sogno, per quel che può valere? Che riuscisse a creare proprio con i palestinesi, gli altri paria di quell’angolo del mondo, una confederazione più o meno simile a quella elvetica, che fu fatta da montanari, di lingua e religione diverse, accomunati solo dal desiderio di essere liberi.

Di questo passo, invece, Israele sta solo marciando verso la propria distruzione. Capisco benissimo che per fare la pace si deve essere in due, credo di capire i dubbi di una parte della società israeliana come capisco quanto sia difficile restare inerti mentre dei razzi cadono ogni giorno sulle proprie città e, ripeto, non ho proprio idea di quel che si possa fare subito per cambiare rotta, ma è certo che continuando così, prima o poi, in un modo o nell’altro, quell’atomica arriverà. Si potrà fermare l’Iran oggi, ma non si potrà controllare eternamente l’intero mondo arabo. Non solo: con un minimo di fantasia si può ipotizzare, nel giro di pochi decenni, il sorgere di procedure di arricchimento tanto efficienti, e poco costose, da rendere accessibili gli isotopi per usi militari anche a gruppi senza le risorse di uno stato sovrano; a gruppi esattamente come Hamas.

Immaginarlo, mentre quei bambini fatti a pezzi dai razzi, oltre ad essere le vittime di un crimine, distruggono quel poco che resta della considerazione che Israele gode nel mondo, non è né catastrofista, né folle; non è cosa da nemico d’Israele o dell’occidente. È quel che suggerisce la ragione se ci si sforza d’usarla. 

Commenti all'articolo

  • Di حكيم النور (---.---.---.86) 20 novembre 2012 10:04
    Luca Troiano

    Costruire una bomba atomica è semplice, certo. L’avevo spiegato anch’io.

    Ma da qui a dire che sarà usata davvero ce ne corre. Chi si dota delle armi nucleari non lo fa per usarle, ma per esercitare una pressione politica. Siamo seri e non lasciamoci andare al terrorismo psicologico, per cortesia.
  • Di (---.---.---.26) 20 novembre 2012 12:42

    Forse tutta quest’enfasi sulla bomba atomica al giorno d’oggi è ingiustificata. Ci sono molte armi, chimiche e batteriologiche, sviluppabili in ogni parte del mondo, e economicamente alla portata di qualsiasi regime, che sono potenzialmente molto più distruttive, in termini di vite umane, rispetto ad un esplosione nucleare.

    L’atomica ha inoltre il problema del fallout radioattivo che si disperde su un vasto territorio, che non è controllabile, e che finirebbe per provocare danni anche oltre il territorio del nemico.
    Poi, siamo così sicuri che dietro lo "scontro di civiltà" fra israeliani e palestinesi non ci siano interessi da ambo le parti per farla continuare in eterno questa guerra? 
  • Di (---.---.---.93) 20 novembre 2012 13:18

    concordo con i commenti precedenti, mi sembra un non tanto vago modo di spandere terrorismo psicologico sulla scia dei più diffusi film apocalittici. Non che le cose descritte siano impossibili (non ne ho idea) ma allora perché non preconizzare un tanto più semplice bombardamento atomico israeliano: una su Teheran, una sul Cairo, una su Damasco, una su Istanbul, una su Ryad, una su Bagdad, una su Amman eccetera. E il problema arabo-islamico è risolto una volta per tutte.
    Stiamo con i piedi per terra che già non è semplice....

  • Di Daniel di Schuler (---.---.---.151) 20 novembre 2012 20:10
    Daniel di Schuler

    Perché si pensa che basti controllare i vettori per scongiurare l’impiego delle arma atomiche. Come vettore, invece, basta un camion. Poi... che altro? Vero; anziché parlare solo di atomica, avrei dovuto dire armi di distruzione di massa. Capisco più di fisica che di chimica o biologia; tutto lì. Il punto è che o cambiamo il nostro modo di trattare le relazioni internazionali o, prima o poi, avremo delle orribili sorprese.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares