• venerdì 18 aprile 2014
  • Agoravox France Agoravox Italia Agoravox TV Naturavox
  • Fai di AgoraVox la tua homepage
  • Contatti
AgoraVox Italia
  Home page > Tribuna Libera > Maledetto il giorno in cui l’atomo fu scisso
di Giuseppe Caglioti martedì 5 aprile 2011 - 7 commenti oknotizie
30%
Articolo interessante?
 
70%
(37 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

Maledetto il giorno in cui l’atomo fu scisso

Lungi da me il proposito di speculare sulla tragedia di un intero paese che potrebbe coinvolgere tutto l’Estremo Oriente, ma il dramma giapponese sta mettendo in evidenza che sottovalutare le potenzialità distruttive della natura può portare, per un chiaro eccesso di fiducia nelle tecnologie dell’uomo, a catastrofi immani che potrebbero segnare definitivamente il passo per tutta l’umana specie. L’era atomica è iniziata proprio nel peggiore dei modi: due bombe su due città del Giappone. A distanza di quasi 66 anni, dopo altri gravissimi incidenti sparsi per il mondo, il Paese del Sol levante rischia di riavere - speriamo di no - il suo triste primato nel campo delle tragedie indotte dall’uomo. Dai terremoti e dai maremoti la vita può rinascere, dalla radioattività, il più delle volte, no.

L’aver imbrigliato il potere dell’atomo può essere considerato una conquista? A veder i risultati, sembra proprio di no. Il “concorso di colpa” nella tragedia giapponese mostra ancora una volta come il progresso massimo dell’umanità abbia raggiunto l’apice del suo contrappasso: la possibile autodistruzione.

È bello celebrare le invenzioni e le scoperte, ma quando queste si rivelano delle disgrazie, bello sarebbe celebrarne la “disinvenzione”. Cionondimeno, in molti sembra esserci la percezione che tale opzione sia impossibile da attuare. Stando all’imperterrita stupidità che non cessa mai di manifestarsi, sembra che la damnatio memoriae della disgraziata scoperta debba avvenire solo attraverso la medesima autodistruzione della specie che l’ha prodotta, salvo che la specie in questione non escogiti il modo di rifiutarla moralmente, così come si rifiutano cose turpi come la pedofilia, l’infanticidio, il parricidio e, ancora peggio, il matricidio.

Il termine “matricidio” designa molto bene il trattamento che l’uomo sta riservando a madre natura. Questa volta però la nostra “truce” madre ha dimostrato che non starà a guardare, foss’anche distruggendo la sua medesima prole anche attraverso le sue medesime “armi”.

Se a commentare quello che è successo in Giappone ci fosse stato Carl Jung, certamente avrebbe avallato l’ipotesi che quanto accaduto, e sta tutt’ora accadendo, non è stato un caso.

Che la teoria della sincronicità possa spiegare quanto è successo è dubbio, tuttavia sembra esserci un messaggio di fondo: “Io, Destino, per due volte ho colpito nella stessa terra, sullo stesso suolo, per lo stesso medesimo problema! Non tentatemi per l’ennesima volta!”

E poi, a che serve spiegare quando il danno è fatto? Beh, serve ad evitarne degli altri ben peggiori, prima che sia troppo tardi.

Ai grandi sapientoni che sostengono la politica del nucleare vorrei ricordare che è il caso di non sottovalutare nulla, anche quando s’installa una centrale dell’ennesima generazione. Chi avrebbe mai pensato che, proprio in un paese così avanzato e previdente, la natura avrebbe bypassato tutte le precauzioni prese? Com’è successo nel paese del “sole nascente”, sperando che non divenga in eterno quello del “sole calante”, l’imprevedibile potrebbe sempre verificarsi e potrebbe infine non esserci nessuna “remissione di peccato”.

La Terra non è in una campana di vetro. Infatti, come lo fu in passato, essa è sempre esposta a piogge di meteoriti o simili. Chiedo venia, sembrerò catastrofista, ma vorrei ricordare che a Tunguska, in Siberia, nel 1908, cadde un frammento di meteorite – c’è chi dice una cometa. L’impatto fu devastante. Il caso o la grazia divina e i tempi non maturi per l’era atomica vollero che non ci fosse ancora nessuna centrale nucleare né alcun deposito di scorie radioattive sul luogo o nei pressi dell’impatto, altrimenti non saremmo stati qui a raccontarlo.


pagina successiva >>



di Giuseppe Caglioti martedì 5 aprile 2011 - 7 commenti oknotizie
30%
Articolo interessante?
 
70%
(37 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

I commenti più votati

  • 5 voti
    di Giuseppe Caglioti (---.---.---.49) 8 aprile 2011 14:21
    Giuseppe Caglioti

    Hai ragione Steve, chiedo scusa. Ho sbagliato nel darti la cifra di 16 mq in realtà erano 36 i mq della persona in questione. Resta il fatto che con 36 mq di pannelli fotovoltaici ha comunque abbattuto il costo delle bollette e il discorso fatto in precedenza assume ora aspetti più realistici e concreti. Ti ringarzio comunque per avermi dato la possibilità di verificare e rettificare.
    Certo, tu hai ragione quando parli del fatto che le industrie assorbono grandi quantità di energia, però per le centrali nucleari, di qualunque generazione esse siano, e per i depositi di scorie, rimane sempre il rischio dell’evento naturale imprevisto che può ’fottere’ -scusa il termine - intere aree del globo per generazioni, qualora un tale spiacevole evento dovesse verificarsi.
    Per me il nucleare non è percorribile, troppo rischioso. Ci potrebbero essere altre strade, e tu sai bene che è vero.

    Un saluto: Giuseppe

  • 5 voti
    di Giuseppe Caglioti (---.---.---.233) 11 aprile 2011 17:48
    Giuseppe Caglioti

    Lei, caro signore, ha un ingente e impellente bisogno di farsi ricoverare, ... lei e tutti quelli che come la sua esimia persona, con siffatte "argomentazioni", non riescono minimamente a capire che senza l’energia nucleare si può vivere! 

    Mi stia bene: Giuseppe C.

Commenti all'articolo

Lasciare un commento


(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione : questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell’articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista… Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l’articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere :

  • I nuovi iscritti
  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L’autore dell’aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.

Pubblicità

Pubblicità

Sondaggio

Dal palco del V-Day Beppe Grillo ha proposto di indire un referendum per uscire dall’Euro. Secondo voi


Vota

Palmares

Pubblicità


  • Groupe Agoravox sur Facebook
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox Mobile

AgoraVox utilizza software libero: SPIP, Apache, Debian, PHP, Mysql, FckEditor.


Sito ottimizzato per Firefox.


Avvertenza Legale Carte di moderazione