• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > La Buona Scuola

La Buona Scuola

In data 16 luglio u.s. è entrata in vigore la riforma dell’istruzione, comunemente nota con la denominazione “La Buona Scuola”. Dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale è stato così possibile conoscere puntualmente il provvedimento.

Si tratta di ben 212 commi, che spaziano dalle dichiarazioni di finalità politico-istituzionale, all’organizzazione delle singole Unità scolastiche, alle modalità di valutazione degli allievi, alle modalità di valutazione dei docenti, all’assunzione dei precari, al trattamento del personale e così via in un profluvio di richiami alla normativa preesistente.

Per poter leggere e capire il contenuto della norma senza correre il rischio di un triste abbrutimento estivo, sarebbe necessario un tomo di esplicativo di qualche migliaio di pagine. E comunque sia di ciò, con ogni probabilità dal testo della legge nasceranno una miriade di circolari esplicative su ciascuno dei settori affrontati.

Risulta difficile credere che i tanti appassionati contestatori della riforma la conoscano adeguatamente.

Quel che certamente si può affermare (salvo errori di lettura del testo da parte del vostro cronista) è che il provvedimento del tutto si disinteressa della scuola dell’obbligo. Il che non è proprio “di sinistra”.

Eppure la necessità di adeguare ai tempi la scuola dell’obbligo è difficilmente negabile. Sarebbe come se i cattolici volessero continuare a sentire messa in latino.

Ai tempi dell’adozione della Costituzione Repubblicana la previsione della scuola dell’obbligo aveva come obiettivo quello di far in modo che tutti indistintamente i cittadini sapessero scrivere, leggere e far di conto almeno. E se qualcuno, dopo aver imparato a scrivere, leggere e far di conto, lo avesse poi dimenticato perché ritornato ad un lavoro manuale, ebbene questo cosiddetto “analfabeta di ritorno” sarebbe stato ri-alfabetizzato quando la leva obbligatoria (allora esistente) lo avesse portato nelle Forze Armate.

Oggi le cose sono alquanto diverse ed alquanto più complicate. Certo non basta saper scrivere, leggere e far di conto per essere integrati nella società.

Una Buona Scuola avrebbe potuto considerare questo problema e prevedere sia una estensione del periodo della scuola dell’obbligo sia una corposa integrazione degli insegnamenti in essa previsti.

Ad esempio appare certamente di grande utilità che i futuri cittadini conoscano bene le Istituzioni, siano esse pubbliche che private; come esse siano strutturate e come ci si debba relazionare con esse; ivi compresa l’Istituzione scolastica normata dal provvedimento.

Sorprende che i tanti impegnati nella critica appassionata al provvedimento non si siano minimamente indignati per questa dimenticanza.

Speriamo che, adesso che la riforma è legge, il Governo si preoccupi di fare una Legge Quadro del settore, spiegando anche al popolo in soldoni come la Buona Istituzione Scolastica dovrà funzionare. Il vostro cronista la aspetta con ansia e non ha alcuna paura ad essere inserito fra gli analfabeti di ritorno, necessitati di adeguata alfabetizzazione istituzionale.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità