• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cronaca > L’ultimo partigiano

L’ultimo partigiano


La scomparsa di Vittorio Foa mi riempie di tristezza.
Per quanto il suo nome non sia noto a molti, è un lutto che dovrebbe ammantare di silenzio tutta la penisola.

La scomparsa di Vittorio Foa mi riempie di tristezza.
Per quanto il suo nome non sia noto a molti, è un lutto che dovrebbe ammantare di silenzio tutta la penisola.

Abbiamo perso uno tra i pochi ideatori e fautori della resistenza, abbiamo perso uno dei pochi veri partigiani, abbiamo perso una memoria e coscienza storica di lucidità inattaccabile.

Vittorio Foa è morto, e il solito strombazzare di chi c’è ancora e cerca di porgere gli ultimi falsissimi ossequi è iniziato. Chi ha voce non perde mai tempo ed occasione per stare zitto. C’è da chiedersi perchè una persona tanto illuminante, pacata e ragionevole non sia mai stata invitata nei salotti "in" della televisione, che so, da Vespa ad esempio.


Vittorio Foa è morto due giorni fa, e intristito, mi sono chiesto come volgergli due parole di saluto e ringraziamento. Ho pensato che forse l’unico modo giusto di farlo fosse attraverso le sue parole, di inaudita forza e saggezza.


"Vi sono anche altre tentazioni di lettura di insieme di questo Novccento. Lo si rappresenta come il conflitto ideale fra grandi principi, fra democrazia e totalitarismo, fra capitalismo e socialismo, fra sviluppo e sottosviluppo. In un modo o nell’altro un conflitto fra Bene e Male. Come non esservi coinvolto se vi si è stati in mezzo? E’ una tentazione facile perchè esonera dall’analisi dei fatti, si galleggia tranquilli in nozioni generiche delle quali non c’è nulla da dimostrare: tutti sanno cos’è la democrazia, cos’è il capitalismo e via dicendo. Nella lettura ideologica del secolo c’è pigrizia, rinuncia a pensare. Ma vi è anche la nostalgia, il rimpainto della giovinezza, dei tempi dell’azione, quando ideologie e miti davano sicurezza all’agire umano, prima di entrare in questo oceano magari calmo e persino lattiginoso ma carico di insicurezze. E’ la nostalgia delle grandi passioni, a sinistra la nostalgia antifascista e (su una dimensione temporale più lunga che copre tutto il secolo) la nostalgia comunista. Io rispetto quelli che si sentono orfani, molti di essi li stimo. Ma perchè non sentono con altrettanta forza le passioni e le tensioni di oggi coi loro conflitti che ci chiedono scelte di valore? Perchè farsi prigionieri della memoria, come se i nodi da sciogliere oggi fossero gli stessi di ieri? Perchè non capire che la memoria non è prigione ma è libertà solo se rielabora i valori del passato nel presente, in vista del futuro? Ma vi è anche un’altra nostalgia che è pericolosa, è quella revisionista che cerca di giustificare Hitler e il nazismo. I fatti non sono cancellati ma sono collegati in modo da falsarne il senso (...)"

"Mi è stato chiesto un augurio, anche solo un consiglio. Lo do: è di stare svegli, non abbandonarsi ai sogni. So il valore del mito, so come riesce a dare luce alla vita, anche a farcela capire. Ma non devo accettarlo come autorità che trascende la mia scelta. Può accompagnare la vita, non deve determinarla. Quando scegli non devi sognare, tu sei responsabile."

Vittorio Foa, Questo Novecento

Commenti all'articolo

  • Di Paolo Praolini (---.---.---.147) 24 ottobre 2008 23:33

    Sono sincero dicendo che non conosco profondamente Foa, ma leggendo negli ultimi giorni di quanto ha costruito nella sua vita, debbo dire che dovrebbe essere eretto un monumento alla sua personalità.
    Soprattutto è stato testimone diretto di importanti cambiamenti del nostro Paese ed un uomo politico di spessore che credeva e viveva il suo ideale politico.
    Chissà cosa avrà pensato conoscendo i nostri rappresentanti politici degli ultimi 15 anni, ’forse è meglio rimanerne fuori dalla politica’.
    Un grande uomo.

  • Di Riciard (---.---.---.239) 24 ottobre 2008 23:43
    Riciard

    Posso con certezza dire, citandolo, che sosteneva una logica del "A ognuno il suo", ovvero: i nodi di oggi non sono spiegabili e scioglibili con gli argomenti di ieri, verrà uno più in grado di me di spiegare e leggere la situazione attuale.
    Davvero un grande uomo, davvero.

    E ti consiglio di leggere il suo "Questo Novecento" illuminante in alcuni aspetti.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares