• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > Jivis Tegno e "Musulmani d’Italia" ignorato dall’informazione (...)

Jivis Tegno e "Musulmani d’Italia" ignorato dall’informazione italiana

Jivis Tegno è uno scrittore, editore, regista e documentarista di origine camerunense ma da diciotto anni in Italia, due lauree conseguite all’Università di Perugia, diplomato come regista cinematografico alla Scuola Internazionale di Cinema a Roma. Una carriera lunga e complessa, la sua, che inizia nel lontano 2001 quando, con il cortometraggio “Società d’oggi”, vince il IV Festival del Corto in Sabina "Nanny Loy" e crea la Casa Editrice “Jivis Editore Multimediale”. Da quel momento non si ferma più, Jivis, che pubblica il suo libro "Ma come sono gli italiani" (frutto di 10 anni d’indagini) e lo presenta al Maurizio Costanzo Show; stampa contemporaneamente due romanzi: “Paura d’Amare”, racconto di una travolgente storia d’amore tra un arabo musulmano ed un’americana cristiana, e “Comme ci Comme ça”; produce il documentario “L’ultimo saluto a Papa Giovanni Paolo II”, i cui diritti sono stati venduti all’emittente televisiva “RAI International”, che ha trasmesso poi il prodotto in tutto il mondo. Partecipa a diversi programmi televisivi e radio, è protagonista di interviste e recensioni che riguardano i suoi lavori, collabora con una rubrica per il gruppo “Informare per Resistere” su Facebook.
 
Nel maggio del 2003 inizia inoltre la realizzazione e la produzione indipendente di un documentario sull’Islam italiano, “Musulmani d’Italia – L’Islam nel cuore della cristianità”, del quale comincerà il montaggio solo dopo 5 anni di riprese (di cui una parte girate in Vaticano, in Siria, in Irak), 80 ore d’immagini inedite, 132 imam incontrati, 127 moschee visitate e numerosi personaggi di primo piano intervistati, ma che vedrà la luce solo entro il mese di giugno 2009. Il prodotto, considerato dallo stesso Jivis Tegno come “un documentario socio-demografico e politico religioso”, ha purtroppo incontrato qualche resistenza e qualche “discriminazione”, così come la definisce lui su un video-denuncia fatto girare su YouTube, poiché «nessun giornalista, dico bene nessun giornalista, si è presentato malgrado mi avessero confermato la loro presenza» ad una conferenza stampa organizzata a Roma, per far conoscere il lavoro ai media italiani.
 
In un momento in cui gli editori, i giornalisti e le varie associazioni della categoria sono seriamente preoccupati per il ddl sulle intercettazioni che limita drasticamente la libertà dei giornalisti e il diritto dei cittadini ad essere informati come sancito l’articolo 21 della Costituzione italiana, sostenuti peraltro dall’intera società civile e da movimenti come il “Popolo Viola”, «nessun giornale, televisione, giornalista mi ha nemmeno richiesto una copia del dvd per visionarlo. Nessuna intervista, nessuna recensione. È davvero incredibile. Perché il mio lavoro viene ignorato proprio da chi ora sta chiedendo aiuto al mondo intero per la liberta di informazione e per la difesa del diritto dei cittadini di essere informati? Perché noi immigrati abbiamo l’attenzione dei media in Italia solo quando ci sono casi di droga, stupri o simili fatti di cronaca? I cittadini non hanno forse il diritto di essere informati pure su un documentario impegnativo e fatto in 6 anni da un immigrato? Finché vivrò in Italia, - scrive Jivis in una lettera aperta, inviata alle più importanti associazioni giornalistiche italiane - non smetterò mai di “lottare” per far conoscere quel documentario molto sofferto ai mass media. Nonostante io sia discriminato nel mio lavoro, sostengo incondizionatamente i giornalisti italiani contro ogni forma di limitazione dei loro diritti. Sarò presente il 1 luglio in Piazza Navona a Roma per la manifestazione contro questa legge-bavaglio».

 

Commenti all'articolo

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares