• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > India. Tra i morti un italiano. Cordoglio del Ministro Frattini

India. Tra i morti un italiano. Cordoglio del Ministro Frattini

Sul sito del Ministero degli Affari Esteri, il Ministro Frattini esprime il cordoglio per l’italiano morto a Mumbai:

Al termine di complessi accertamenti in una situazione che rimane molto tesa l’Unità di crisi in stretto raccordo con le nostre autorità diplomatico consolari in India ha potuto confermare l’avvenuto decesso di un nostro connazionale negli attentati che hanno avuto luogo a Mumbai. Si tratta del sig. Antonio de Lorenzo. Il Ministro degli Esteri Frattini nell’esprimere il suo profondo cordoglio e la sua vicinanza ai familiari ribadisce la più ferma condanna per quanto accaduto a Mumbai che conferma la necessità che la comunità internazionale mantenga alta la guardia contro questi atti di violenza gratuita ed ingiustificabile che colpiscono la popolazione inerme.


Dopo gli attacchi di stanotte a Mumbai e le dichiarazioni di Obama, l’Italia, quindi, piange il suo morto.
 
La Farnesina ha confermato la morte di un cittadino italiano: Antonio De Lorenzo (deceduto probabilmente a seguito dello scoppio di una granata). 
 
Questa tremenda notizia è arrivata proprio mentre la polizia liberava il Taj Mahal (che però adesso continua ad essere in fiamme).
 
All’Hotel Oberoj, invece, cominciano le prime liberazioni.

 
Secondo un primo bilancio provvisorio della polizia indiana ci sarebbero 101 morti di cui 6 stranieri e più di 300 feriti (fonte Le Monde)
 
Tra i morti stranieri, oltre all’italiano, ci sarebbero un cittadino britannico un giapponese e un australiano.
Tra gli ostaggi invece ci sono anche due membri del Parlamento europeo.
 
Gli attacchi sincronizzati sono cominciati alle 22.30 ora locale (18.00 ora italiana). Uomini armati hanno attaccato la stazione centrale di Mumbai (Bombay), gli stessi attacchi sono avvenuti negli hotel di lusso Taj Mahal e Oberoi (Trident) e nel caffè Leopold, celebre ristorante dei turisti, e in svariati ospedali della città.
 
Il numero preciso dei commandos è ancora incerto. La loro età, però, sembra aggirarsi tra i 20 e i 25 anni.
 
Sembra anche che le prime rivendicazioni riguardino la liberazione dei mussulmani detenuti in India.
 
La polizia indica gli assalitori come facenti parte del movimento Studentesco Islamico d’India (SIMI), un’organizzazione fuorilegge. Le prime dichiarazione (fonte AP) li indicano legati a dei gruppi pakistani e del Bangladesh. Il SIMI e il gruppo che già 2 anni fa si era reso autore degli attentati esplosivi alle periferie di Bombay che fecero 187 morti, nei convogli ferroviari.
 
Il governo regionale di Maharashtra (ovest dell’India) ha decretato la chiusura del centro di Bombay e di tutti gli uffici pubblici.

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.83) 28 novembre 2008 09:59

    questa è una mia analisi,geopolitica del mondo. Della nuova strategia terroristica.bin o chi x lui cerca di coinvolgere paesi mussulani,ostacolandone la crescita. Non gli interessa portare attacchi in europa o in america,(aspettando OBAMA) il mondo è globale attacchiamo gli interessi europei, causando morte e paura ed insicurezza, coinvolgendo l’india un enorme paese asiatico, inasprendo il già cattivo rapporto con il pachistan.Forse si vuole arrivare ad uno scontro politico religioso che sfoci in una guerra aperta nel nuovo mondo emergente dove il sottoproletariato,non ha niente da guadagnare se non nel caos ed accetterà di partecipare al TERRORE pesudo rivoluzionario.Tutti contro tutti.INDù mussulmani cristiani in una guerra di religione planetaria. Ma la guerra di religione cinvolgerà tutti i paesi che non stano li tranquilli come l’africa sud america ed america stessa in grande recessione.l’europa russia e cina pensano al guadagno.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares