• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Media > Il fallimento de Il Clandestino storia triste e misera

Il fallimento de Il Clandestino storia triste e misera

Il fallimento de Il Clandestino storia triste e misera

È finita dopo nemmeno sei mesi l’avventura de Il Clandestino, presentato a novembre è fallito in questi giorni insieme al suo editore. Il Clandestino avrebbe dovuto essere l’evoluzione cartcea di Clandestinoweb, sito dedicato alle news, vicino al centrodestra e che cerca di spacciarsi per terzista e indipendente.

Nell’avventura editoriale erano associati Pierluigi Diaco e i fratelli Crespi, noti sondaggisti. A sostenere economicamente l’impresa c’era la famiglia Caso, che in questi giorni affronta pesanti rovesci giudiziari ed economici, culminati ieri con l’arresto di Gian Gaetano e Fabio Caso.

Sdegnata la reazione dei Crespi, che oggi dicono: "Abbiamo avuto più che una sensazione di essere stati vittime di una truffa che tra l’altro a coinvolto collaboratori e giornalisti".

Peccato non averla avuta prima quella sensazione, a novembre per Luigi Crespi, il più giovane dei Caso era solo il: "Giovane editore di altri periodici come ‘In Tutto’, ‘DiTutto Buona cucina’, ‘Top Salute’ e ‘La mia casa’".

E qui entra in campo la miseria, perché se gente non certamente sprovveduta come i Crespi, Diaco e gli altri "giornalisti" arruolati nell’impresa, è rimasta vittima della famiglia Caso, le responsabilità sono grosse. Non è infatti la prima volta che i Caso lasciano senza stipendi i loro dipendenti e la loro carriera imprenditoriale non è certo di quelle trascorse lontano dai guai e al di sopra di ogni sospetto.

Il che ci riconsegna due ipotesi alternative sulla storia, per la prima delle quali i soci dei Caso sono degli ingenui, ignoranti e un po’ pirla. La seconda prevede invece che le vicende dei Caso fossero prefettamente conosciute da soci e dipendenti, i quali però non ci hanno trovato nulla di male, così come non hanno trovato nulla di male nel costituirsi fiore all’occhiello e strumento mediatico di personaggi del genere e nessun imbarazzo per i crediti pregressi di altri dipendenti e partner della famiglia.

È davvero pietoso che i Crespi parlino oggi di "epilogo sconvolgente del crac dei Caso", visto che fino a ieri sono stati platealmente indifferenti alle sorti di altre vittime delle acrobazie finanziarie dei Caso e ai reati loro attribuiti, che non sono pochi e nemmeno modesti: "Abusivismo bancario per oltre 200 milioni di euro, 9 milioni di euro di fatture false, 80 milioni di euro di fittizi aumenti di capitale sociale, bancarotta fraudolenta per Hopit Spa, Net.Tel. Spa, Editoriale Dieci Srl e Segem Spa, tentata truffa aggravata nei confronti della Regione Abruzzo per l’ottenimento illecito di fondi pubblici, falsità, calunnia aggravata e resistenza a pubblico ufficiale."

Lo stesso si può dire di Diaco e del resto della redazione, ma non è una novità i giornalisti italiani sono da sempre portatori sani (?) di un virus che impedisce loro di vedere i difetti di datori di lavoro, amici, soci e sponsor pubblicitari. 

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares