• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > Il New York Times potrebbe chiedere agli utenti online di “pagare per (...)

Il New York Times potrebbe chiedere agli utenti online di “pagare per leggere”

Il New York Times sta seriamente considerando l’opportunità di offrire i propri contenuti online in abbonamento per 5 dollari al mese. Considerata la portata e la drammaticità della crisi che sta colpendo la carta stampata americana, la notizia non stupisce più di tanto.


Anzi, ben si accorda con le recenti affermazioni del magnate austrialiano Rupert Murdoch, secondo cui entro un anno bisognerà pagare per accedere ai contenuti delle sue testate online, ponendo fine a quello che egli stesso ha definito un “malfunctioning business model”.

Detto questo, mi sembra valga la pena ricordare che solo due anni fa, nel settembre 2007, l’NYT annunciava trionfalmente l’apertura al pubblico del suo intero archivio storico online.

Da allora ad oggi ne è passata di acqua sotto i ponti.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares