Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS

 Home page > Attualità > Politica > Il Monte dei Paschi: sintomo di un male antico

Il Monte dei Paschi: sintomo di un male antico

La crisi della banca senese, per il momento, è costata 4 miliardi alle finanze pubbliche (lo so, come ha spiegato Mario si tratta solo di prestiti, ma intanto quei soldi li abbiamo dovuti cacciare), vale a dire 60 Euro a italica cucuzza, 240 euro ad una famiglia di quelle numerosissime di una volta, con due figli, dove di cucuzze ce ne sono quattro.

Soprattutto ha dimostrato una volta di più come non ci siano innocenti, neppure a sinistra, quando si vuole andare a cercare i colpevoli del nostro disastro.

Tutti uguali, come dice Grillo? No, certo, ma con tanti malvezzi in comune.

Cattive abitudini di lunga data, come lo è la nostra crisi, iniziata già alla fine degli anni Settanta.

Il peggiore di questi vizi? La pretesa della politica di gestire puntualmente, attraverso i propri nominati, non solo le banche in cui è presente per motivi storici, come il MPS, ma aziende di ogni tipo, pubbliche o partecipate dal pubblico.

Bersani (da cui mi aspetto prima o poi un colpo d’ala. In questo momento si comporta come un berlusconiano di stretta osservanza: meno tasse, nessun taglio e viva la patata) ricordava un paio di giorni fa come la nostra spesa pubblica, levata la componente previdenziale, sia in linea con quella degli altri paesi europei. Bravo. In cambio di quella spesa, però, cittadini, famiglie ed aziende italiane non hanno servizi di livello europeo; non ne hanno per niente (vogliamo parlare di edilizia popolare o borse di studio?) o di pessimi (dalla giustizia civile alle poste nulla funziona in modo remotamente paragonabile al resto d’Europa). Questo è il problema; il resto, è aria fritta o viene dopo.

L’azienda tranviaria (ricordate la Catania di Scapagnini? Non circolavano più gli autobus: mancavano soldi per far loro il pieno e tutti gli autisti era stati promossi dirigenti) quanto la cassa di risparmio sembrano avere altro scopo che quello di fornire poltrone ai trombati della politica. Non servono, se non marginalmente, a fornire i servizi che dovrebbero: sono piuttosto centri di potere, occasioni per acquistare, con assunzioni ed appalti, consenso ed altro.

La politica deve fare un passo indietro? Deve andarsene. Punto.

La Politica detti le linee guida, ma lasci la gestione delle aziende nella mani di dirigenti, possibilmente cresciuti in quelle realtà, che rispondano in prima persona del proprio operato. Responsabili che, esattamente come i loro colleghi del settore privato, possano essere rimossi nel caso si rivelino incompetenti; incapaci di centrare degli obiettivi, questi sì, stabiliti dai politici.

Un discorso alla portata di un bambino, su cui nessuno dovrebbe avere nulla da eccepire; un passo fondamentale per restituire un minimo di efficienza al nostro settore pubblico e un poco di competitività alla nostra economia.

Soprattutto per ridare alla nostra società, corrotta fino ai livelli più infimi, dove bisogna essere amici di o presentati da anche per fare lo spazzino, un minimo di decenza.

P.S. Chi pensa di dibattere su questi temi puntando il dito contro “quegli altri” che sarebbero peggio “dei nostri” (peggio della Lega, però, in questo non credo ci sia nessuno; ha piazzato i propri uomini, a cominciare dal Trota nel cda dell’ente Expo, ovunque le sia stato possibile) farebbe bene a riflettere se non sia il caso di tornarsene all’asilo. Argomentazioni del genere, “ma anche Gigino, papà”, non sono accettabili da parte di chi va già alle elementari.


Ti potrebbero interessare anche

Forza Renzi... per ora
I manager e i mangioni
L'Europa non è l'Italia
Le riforme non si toccano, purtroppo!
Suggerimento a Beppe Grillo per non fare affondare il M5S


Commenti all'articolo

  • Di Sandro kensan (---.---.---.130) 25 gennaio 2013 22:07
    Sandro kensan

    Sicuramente i dipendenti del MPS votano PD e sicuramente per avere un prestito dal MPS bisogna essere del giro PD e quindi votare PD. Forse per questo il PD sfiora il 30% dei voti nei sondaggi. Soldi in cambio di voti oppure posto di lavoro in cambio di voti oppure prestiti in cambio di voti.

    Insomma come si dice nel profondo sud mafioso: voto di scambio. Ma siamo sicuri che al nord non siano mafiosi come al sud, in fin dei conti siamo tutti fratelli italiani. Forse è per questo che ndrangheta comincia ad avere molti fan tra i politici e gli imprenditori della Lombardia, del Piemonte e del Veneto. Qualcuno di assai in gamba diceva che l’autostrada dove viaggia la mafia è la corruzione e quale più sublime forma di corruzione è se non il voto di scambio?

  • Di paolo (---.---.---.219) 26 gennaio 2013 13:53

    Guardate che M.P.S. ,almeno per il momento ,non ha ricevuto ancora un euro di danaro pubblico .
    Quando ciò avverrà sarà lecito discuterne.
    Inoltre se si tratterà ,come molto probabile di un prestito ,lo Stato lucrerà ottimi interessi ,quindi i cittadini non solo non ci rimetteranno un euro ma anzi ci sarà un profit . Chiaro !!
    Se poi non dovesse essere onorato (tenderei ad escluderlo conoscendo la situazione patrimoniale di M.P.S. ) lo Stato diventerà proprietario di parte dell’azionariato,quindi dei beni societari.

    Pertanto la discussione oltre che pleonastica e anche un po’ pretstuosa ,puzza di opportunismo politico ,lo stesso che sta sventolando Maroni,doppiato da Alfano ,in tutte le trasmissioni dove non trova gente adeguata che lo sbugiarda . 
    Questo paese , sempre di più , sta diventando il paese dei bugiardi e dei pifferai.

  • Di (---.---.---.240) 26 gennaio 2013 18:17
    Bersani: se ci attaccano su Mps li sbraniamo = ma non vi sembra un messaggio mafioso o un ricatto mafioso? Del tipo so delle cose anchio... attenti che ci facciamo male!

    Forza Grillo e Giannino!!!!

Lasciare un commento


Sostieni AgoraVox

(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere:

  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L'autore dell'aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.



Pubblicità




Pubblicità



Palmares


Pubblicità