• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cronaca > I funerali di Mario Bignone

I funerali di Mario Bignone

Si sono svolti ieri mattina i funerali di Mario Bignone funzionario di polizia, capo della sezione catturandi della mobile di Palermo. Erano oltre un migliaio le persone che hanno preso parte alla funzione religiosa presso la Cattedrale di Palermo. Presenti in sala, oltre ai massimi vertici della pubblica sicurezza italiana, diversi magistrati, i ragazzi di Addiopizzo e tantissimi cittadini.

Una lettera di Bignone è stata letta durante la cerimonia dalla moglie. Un testo d’affetto e di riconoscimento dedicato ai colleghi, agli amici ed ai ragazzi di libero futuro ed addiopizzo.

 

Ogni aggettivo oggi è superfluo, perché Mario "era un uomo speciale, che mi ha trattato come una principessa amandomi profondamente e mordendo la vita in questi mesi”. A dirlo è stata Giovanna, la moglie di Mario.

La donna visibilmente commossa e con la voce rotta dal pianto ha letto durante i funerali del marito in cattedrale una lettera che Bignone aveva scritto per i suoi ‘ragazzi’ della Catturandi.

“Da 19 anni - c’era scritto nella missiva - faccio questo mestiere e conosco la paura e la fatica. Ricordo ancora lo smarrimento di quando mi allontanai da Napoli, lasciando un universo di affetti e legami”. Poi rivolgendosi direttamente ai suoi uomini Mario scrive: “Voi avete il merito di aver combattuto e vinto, superando ostacoli che altri vi hanno frapposto da Brusca a Nicchi. I ragazzi della Catturandi e di ‘Addio pizzo’ - conclude Bignone - sono la rivincita di Palermo e il riscatto di questa terra”.

Poi nella lunga lettera letta dalla moglie Giovanna il capo della Catturandi chiede “scusa” ai suoi uomini, per tutte le volte in cui non ho saputo rispondere alle vostre domande”. Bignone ringrazia poi il capo della squadra mobile Calvino, “perché senza di te niente di quello che abbiamo realizzato sarebbe stato possibile”. Infine nella commovente lettera c’é spazio anche per un grazie al questore, Alessandro Marangoni, che “ha creduto in noi. Difenda sempre - conclude Bignone - l’operato dei miei ragazzi”. Un lunghissimo applauso ha riempito la cattedrale al termine della lettura della lunga missiva.

“Da questa cattedrale parte una promessa: la nostra Istituzione è forte, onesta, trasparente, continuerà e raggiungerà gli obiettivi che ci eravamo promessi e di cui parlavamo anche durante la sua malattia”. Lo ha detto dalla Cattedrale di Palermo il prefetto Antonio Manganelli.

Nel corso del suo commosso intervento il prefetto Manganelli si è rivolto direttamente a ‘Mario’. “Oggi abbiamo un dovere in più -ha proseguito- quello di testimoniare il tuo impegno, e raggiungere i tuoi risultati in tuo nome e per il bene del paese”.

“Siamo qui - ha proseguito - per dirti un semplice grazie, per la generosita’, il coraggio, la forza, la passione e gli straordinari risultati che hai conseguito e per essere stato di esempio per i tuoi ragazzi lavorando fino all’ultimo giorno, mentre la malattia ti divorava”.

Tanti i messaggi di amicizia e di stima che sono arrivati anche alle agenzie.

“Mario non è stato solo un poliziotto dalle eccellenti qualità e professionalità, che ha servito lo Stato ed aiutato la città di Palermo nella lotta alla mafia, ma è stato soprattutto un uomo capace di comprendere e valorizzare le realtà sociali, che in questa città cercano di impegnarsi giornalmente per promuovere una rivoluzione culturale, vera arma per sconfiggere una volta per tutte il cancro mafioso”. E’ quanto si legge in una nota congiunta del Comitato Addiopizzo e dell’associazione Libero Futuro, dopo la prematura morte del dirigente della ‘Catturandi’ della Squadra mobile di Palermo, Mario Bignone. “Mario – prosegue la nota – è stato il primo dirigente della Polizia, quando era allo Sco, ad aprire il proprio ufficio a noi e ad iniziare quel proficuo rapporto di collaborazione che ha stimolato il fenomeno delle denunce degli imprenditori contro il racket delle estorsioni. Oggi Palermo ha perso un uomo retto, leale e umile che ha dedicato la sua vita al bene comune. Grazie Mario. Con immenso e smisurato affetto”.

”Ci addolora profondamente la scomparsa prematura del dottor Mario Bignone, dirigente della Squadra mobile di Palermo, di cui ricorderemo sempre la lungimiranza, la tenacia e lo spirito di servizio, nonché i successi conseguiti nella lotta contro Cosa nostra. A nome mio e del Parlamento Regionale Siciliano esprimo cordoglio e solidarietà ai familiari e alle Forze di Polizia”. Lo ha detto il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Francesco Cascio, appresa la notizia della scomparsa del capo della sezione catturandi della Squadra mobile di Palermo.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares